wearemarketers
affiliate marketing

Affiliate Marketing: guida completa 2022 per iniziare subito

Cos’è l’affiliate marketing? Come si fa a iniziare? Come si diventa affiliate e quanto si può guadagnare? In questo articolo risponderemo a queste e a molte altre domande su questo business, di cui si parla tanto, ma spesso in modo poco chiaro.

Ecco perché scriviamo questa guida Marketers, per chiarirti le idee e darti gli strumenti giusti per iniziare!

Prima di iniziare, però, ricorda che per fare affiliate marketing in modo vincente è necessario lavorare costantemente ed avere una strategia precisa che possa offrire risultati sul lungo termine.

Ci sono tanti guru sul web che propongono corsi sull’affiliate e che promettono facili guadagni con un minimo sforzo…

Qualche anno fa era una delle attività più in voga per chi desidera guadagnare online, oggi è ancora una grande risorsa per ottenere introiti su blog o community ben avviate, ma che sono state costruite con costanza e perseveranza nel tempo.

Molti di noi, in Marketers, si sono fatti le ossa con l’affiliate e oggi gestiscono clienti e fanno consulenze da centinaia di migliaia di euro sulla vendita, sull’advertising e sul copywriting persuasivo.

Dario Vignali, per esempio, all’inizio della sua esperienza con i blog riusciva a guadagnare ottime cifre dai link di affiliazione presenti nel suo blog.

Parliamo di cifre a 3 zeri ogni mese. Un vero e proprio stipendio medio-alto…

L’affiliate marketing è un’attività che richiede delle competenze base in molte branche del digital marketing, non solo il copywriting e l’advertising, ecco perché ha fatto crescere molti di noi e può essere l’attività giusta anche per te.

Quindi, se stai partendo da zero, questa guida è un ottimo inizio per avvicinarsi al digital marketing. Vedremo come vendere, come fare advertising, come creare valore per la tua community e molto altro…

Sei pronto? Partiamo.

 

Marketers Community
Iscriviti a Marketers, entra nella community

Entra nel nostro gruppo Facebook con 70.000 membri e accedi a centinaia di guide, strategie e risorse per crescere nel mercato digitale.

*Ti stiamo chiedendo una password perché iscrivendoti ti verrà creato un account che ti darà accesso all'intero ecosistema marketers; community, newsletter e funzionalità premium del sito.

Cos’è e cosa si intende per affiliate marketing?

Definiamo cosa si intende per affiliate marketing.

Per affiliate marketing o mercato delle affiliazioni  si intende la promozione di un’offerta o di un prodotto che, nella sostanza, non è il nostro. In cambio di questa pubblicità si riceve una commissione ogni qual volta riesci a fare una vendita o una conversione di altro tipo.

In pratica, l’affiliate marketing consente anche a chi non ha un proprio prodotto di poter creare delle strategie di marketing, di vendere qualcosa ricevendo una commissione su un prodotto o un’offerta. In sostanza il lavoro consiste nella promozione del prodotto di un altro in cambio di una commissione.

Facile no?…

Ovviamente, per far rendere questo tipo di attività, bisogna avere una struttura anche minima e capire bene quali sono gli attori coinvolti…

Cosa sono le affiliazioni

Le affiliazioni sono accordi o processi grazie ai quali, i commercianti offrono un compenso ad un affiliato, che gli porta traffico riuscendo a generare vendite o contatti. Questa tipologia di mercato ha come protagonisti tre diverse figure:

  • l’advertiser,
  • il publisher
  • il consumer.

Vediamoli nel dettaglio.

Chi è l’affiliato o publisher

L’affiliato o publisher, sei tu.
Ovvero il rivenditore che guadagna una commissione per ciascun prodotto che riuscirà a vendere.

Viene detto publisher perché è colui che pubblica le offerte.
Possiede un blog, una landing page con molto traffico, una mailing list, ma anche un canale Telegram o un canale YouTube, oppure ancora un profilo Instagram o pagine e gruppi Facebook.

Di fatto, è sempre intenzionato a monetizzare la propria presenza online sfruttando tutti i suoi contatti e il suo traffico.

Come detto all’inizio, costruire da zero il traffico non è facile ma il lavoro sporco del publisher è proprio quello di creare e mantenere una community, potenzialmente interessata alle offerte che propone…

Chi è l’advertiser

L’advertiser è, invece, colui che mette a disposizione l’annuncio ed anche l’azienda che propone un bene o servizio e necessita di una pubblicità finalizzata alla vendita.

In questa categoria, troviamo praticamente qualsiasi azienda che ha voglia di trovare clienti, dando la possibilità a questi commerciali virtuali di guadagnare su ogni acquisto o abbonamento sottoscritto dal cliente finale.

Ultimo, ma non meno importante anello della catena, è il consumer, vale a dire l’utente finale che acquista il bene o sottoscrive l’offerta.

In questo video, Andrea Bottoni ci spiega molti aspetti dell’affiliate marketing e lo spirito giusto che deve animare chi vuol iniziare.

Capisci bene che per avviare un’attività di questo tipo, come detto sopra, serve una struttura e dei processi che vedono anche delle piattaforme intermediarie…

Dove trovare le offerte da promuovere come affiliati?

L’affiliate marketing, quindi, è un lavoro che necessita di strategia di marketing ben precisa e costruita, anche se è rivolto al prodotto di un altro. Ma per fare affiliate marketing è necessario conoscere i diversi canali in cui è possibile trovare le offerte e i prodotti da promuovere.

Ecco a chi rivolgersi per ottenere link di affiliazione.

Network di affiliazione

I network di affiliazione sono delle piattaforme che fanno da tramite tra i proprietari dell’offerta del prodotto e gli affiliati: raccolgono tante offerte diverse e tu, come affiliato, puoi relazionarti con il network in esame.

Trattandosi di un tramite, ovviamente, anche il network prenderà una provvigione dalla vendita del prodotto/servizio che promuoverai. Esistono molti network diversi, sia nazionali, sia internazionali. Ecco i migliori:

Si tratta di network che sono specializzati su una particolare tipologia di offerte, nicchie di mercato, anche se ce ne sono molti generalisti.
Il consiglio però è sempre quello di lavorare con network grandi e affidabili per evitare lo shaving, cioè un trucchetto utilizzato  da alcuni network sulle conversioni ottenute.

In pratica, non ti pagano tutto quello che ti dovrebbero…Occhio, quindi!

Purtroppo, non tutti i network accettano di lavorare con chiunque. Per molti network è necessario, infatti, superare una selezione.

Per molte di queste piattaforme è necessario presentare una domanda, che verrà esaminata per valutare l’idoneità del candidato a lavorare con loro. Nella richiesta vorranno informazioni sul tipo di esperienza, quanti introiti generi mediamente, se hai una tua azienda, qual è la strategia che hai intenzione di adottare.

Ok, è vero quando si comincia, è difficile avere delle competenze del genere. Ecco perché dovresti, inizialmente, concentrarti sui network che non fanno selezione…

Programmi di affiliazione

Affiliate marketing-amazon

In alternativa a questi network, è  possibile rivolgersi ai programmi di affiliazione diretti: sono moltissimi e possono essere divisi per categorie.

Stiamo parlando di programmi di affiliazione di grandissime aziende come Amazon, Booking, Shopify…

Questi programmi sono molto interessanti, perché ti danno l’opportunità di vendere prodotti/servizi che hanno (in qualche modo) il loro brand. Potenzialmente, quindi, sono più facili da vendere…

Ci sono poi i Recurring Program: in questo caso solitamente si riceve un fisso sulla conversione, a cui si aggiunge un tot mensile ogni volta che la persona rinnova l’abbonamento.

Capisci bene che trovare dei programmi con recurring program è come avere una gallina dalle uova d’oro…

A lungo termine si tratta delle affiliazioni più redditizie.
Qualche esempio? ClickFunnels, Teachable, Getresponse.

Sono delle nicchie molto redditizie, perché si occupano di servizi in abbonamento che molti professionisti utilizzano per il loro business.

Parliamo di email marketing e strategie digital che permettono di vendere servizi e prodotti. Tra le altre categorie, nel travel abbiamo:

È importante capire che fare affiliate significa fare marketing: è necessario costruire una strategia di comunicazione e di rilascio dei contenuti lavorando come se il prodotto fosse davvero il tuo.

Affiliate Marketing: guida completa 2022 per iniziare subito 1

La figura dell’affiliate manager

Chi è l’affiliate manager e qual è il suo ruolo?

L’affiliate manager è il responsabile della strategia di affiliazione, ma anche della scelta dei partner commerciali dell’azienda. Fra le sue funzioni vi è quella di occuparsi della gestione del programma di affiliazione di un’azienda con l’obiettivo di aumentare il fatturato.

In pratica, se hai a che fare con i network di affiliazione o con i programmi di affiliazione di grandi aziende, sarai contattato da un affiliate manager che ti aiuterà a far crescere le tue performance, nel tuo e nel loro interesse…

L’affiliate manager deve:

  • cercare i migliori affiliati,
  • negoziare i loro contratti
  • monitorare i loro progressi,
  • controllare le loro commissioni

Il suo obiettivo finale è aumentare l’andamento generale dell’azienda.

Ok, bene ma…
Che tipologie di offerte ci sono per i publisher? In pratica, come e perché vieni pagato? Ecco che nel prossimo paragrafo parleremo delle tipologie di offerte… 

Tipologie di offerta dell’affiliate marketing

PPS, PPL, PPC sono solo alcune delle più diffuse tipologie di offerta dell’affiliate marketing. Scopriamole insieme per comprendere qual è la più funzionale per la tua nicchia:

  • Pay per sale: si viene pagati per le vendite effettive del prodotto che promuovi. L’inserzionista paga l’affiliato in base al numero di vendite generate dall’annuncio di vendita pubblicato sul sito o sul canale che ha scelto per la sponsorizzazione del prodotto o servizio.
  • Pay per lead: si viene pagati per i lead, o meglio per la raccolta delle mail. Obiettivo dichiarato è quello quello di ottenere il maggior numero di contatti (lead) che siano qualificati e profilati, vale a dire persone o aziende realmente interessate a prodotti e servizi offerti dall’utente. In questo modo l’inserzionista paga solo ed esclusivamente per i risultati ottenuti.
  • Pay per download: si viene pagati nel momento in cui l’utente effettua il download, anche se generalmente si tratta di commissioni estremamente basse. Il pagamento  funziona per fascia: in genere il pannello di controllo consente di monitorare i download e il denaro guadagnato.
  • Pay per click: si viene pagati quando l’utente clicca effettivamente sull’annuncio pubblicitario. L’inserzionista paga una tariffa unitaria in proporzione ai click, proprio quando un utente clicca sull’annuncio pubblicitario.
  • Recurring programs: si riceve un fisso sulla conversione e un tot mensile ogni volta che la persona rinnova l’abbonamento sottoscritto.

Conoscere le tipologie di offerte è importante ma, lo è ancor di più, capire che non bisogna approcciare un business online come l’affiliate marketing in modo “mercenario”, ovvero lanciandosi su nicchie e tipologie di offerte più remunerative.

Il modo migliore è quello di avere costanza in un determinato settore e cominciare a costruire una base solida.

Nel prossimo paragrafo vedremo gli step necessari per cominciare a guadagnare con le affiliazioni…

Come iniziare a guadagnare con le affiliazioni in 5 step

Ok, bene. Mi piace l’affiliate marketing ma…

come promuovo le mie offerte?

È possibile promuovere il prodotto attraverso due tipologie di canali:

  • il traffico organico
  • il traffico a pagamento.

Con il traffico organico si punta già su un’audience consolidata, come un sito/blog, una pagina Facebook o un canale Youtube o una pagina Instagram. Anche avere un canale Telegram può essere utile per veicolare link di altri.

Ne esistono diversi, per esempio, in cui vengono pubblicizzati prodotti di Amazon o Zalando…

In generale, il consiglio è quello di lavorare su offerte in cui credi. In nicchie in cui noi stessi compriamo o settori per cui nutriamo passione. Avere un blog in cui ne parli è l’ideale.

Con il traffico a pagamento, invece, è necessario utilizzare l’advertising per raggiungere il pubblico, ma è necessario differenziarci. Ma il consiglio è di lavorare con offerte che possano essere utili per l’audience cui ti rivolgi.

Il modo migliore è creare un tipo di strategia che vada a trasmettere il valore del prodotto, cercando anche di restare in contatto con i potenziali clienti. Questo significa che stai pagando per identificare le persone veramente interessate a quel prodotto.

È importante trovare il modo di restare in contatto con queste persone, magari chiedendo l’email o creando delle community. Creare valore, cercare di mantenere la relazione con gli utenti che cliccano sulle tue ads è fondamentale per mantenere vivo il tuo business a lungo termine.

Creare l’ad, rimandare ad una landing page, richiedere l’email sono operazioni che fanno tutte parte dello sporco lavoro dell’affiliate marketer. Spammare il link di affiliazione ovunque, sperando che qualcuno ci clicchi sopra può funzionare per poco, pochissimo tempo.

Quello che facciamo in Marketers, invece, è proprio creare valore per la nostra community, alimentandola giorno per giorno…

Ecco, quindi, i 5 step per iniziare a guadagnare con l’affiliate marketing.

1. Scegli una nicchia specifica

  • È, certamente, più facile diventare autorevoli in un micro segmento di prodotti, anziché diventare generalisti di successo. È consigliabile concentrarsi su una nicchia specifica e coltivare questo tipo di affiliazione in modo tale da poter raccogliere, con maggiore facilità, i clienti.Una volta agganciati, fidelizzarli. Ritagliarsi una nicchia estremamente specifica consente di specializzarsi, di investire sul futuro e di avere maggiori possibilità di successo.

2. Sviluppa assets e strategie di vendita

  • Struttura asset come blog, communities, canali social ed elabora funnel di vendita supportati da pixel di tracciamento e strumenti come bot e email marketing.Si tratta di precise strategie di comunicazione che consentono di poter investire sul prodotto e sulla fidelizzazione del cliente.Pixel di tracciamento, piccoli codici che consentono di seguire il cliente, e strumenti come bot e email marketing sono elementi indispensabili nella strategia di vendita.Il bot viene generato da un’applicazione software, il cui principio è l’uso dell’intelligenza artificiale e l’elaborazione del linguaggio naturale. Il bot riesce a comprendere le richieste di una persona, fornendo informazioni pertinenti.

Con lemail marketing, poi, puoi pensare ad una strategia a lungo termine lavorando con il consenso da parte degli utenti.

Tool utili per creare funnel, landing page e gestire le email marketing? Li vedremo nel paragrafo relativo ai tools, un po’ più avanti nella guida…

3. Scegli con cura i prodotti o servizi da sponsorizzare

  • La chiave del successo, come detto, è ragionare come se fosse un tuo prodotto, credere in quello che promuovi è indispensabile. Devi ragionare sempre sul lungo periodo.

Mettersi nei panni dei potenziali clienti entrando nella loro psicologia. Meglio allora dedicarsi alla promozione di un prodotto o di un’offerta in cui credi veramente, che pensi possa essere veramente utile.

È possibile poter scegliere le offerte e i prodotti da promuovere attraverso i network oppure attraverso i programmi di affiliazione diretti, ma in ogni caso è importante scegliere un prodotto che ci trasmette qualcosa.

Offrire informazioni e supporto a chi è intenzionato ad acquistare e restare in contatto con il nostro pubblico attraverso delle pagine dedicate. Questo è importante per mantenere il contatto con il nostro potenziale cliente e con il nostro pubblico.

È più facile che chi ha comprato sia portato a effettuare un altro acquisto anche se non immediatamente. Ecco perché utilizzare un funnel è importante, come richiedere la mail ed utilizzare una strategia di email marketing è fondamentale.

Chi ha acquistato una volta sarà, quasi certamente, sensibile ad una mail con uno sconto, per esempio…

4. Fidelizza il tuo pubblico

  • Bisogna essere corretti e affidabili sia nel caso in cui hai già un pubblico che ti segue, sia nel caso in cui ti rivolgi a un pubblico freddo tramite advertising.

Ma devi sempre fare comunicazione in modo intelligente pensando che il prodotto che promuovi possa essere davvero utile alle persone.
È necessario creare delle strategie di comunicazione che possano trasmettere il valore dell’offerta o del prodotto, ma anche cercare di rimanere in contatto con il pubblico.

Quando fai advertising le persone che cliccano sul tuo annuncio finiscono sulla landing page: si tratta di persone potenzialmente interessate, ma che magari in quel momento non comprano. Devi creare il modo di rimanere sempre in contatto con queste persone interessate al prodotto, magari attraverso Facebook oppure attraverso le mail, oppure creando una community.

L’atteggiamento mercenario, come detto, può portare risultati nel breve termine ma nel medio-lungo periodo non paga.

Può, infatti, accadere di riuscire a guadagnare inizialmente, ma di rimanere poi esclusi da chi possiede maggiore budget rispetto al tuo per fare advertising.

Il rischio concreto è quello di finire per raccogliere solo le briciole di chi non ha ancora comprato. Pertanto, meglio scegliere una nicchia specifica di prodotti in cui credi davvero e concentrarsi su una precisa strategia di marketing.

Quello che abbiamo fatto con le nostre community, convogliandole in Marketers Pro, una porta di accesso a contenuti, tips e strategie per creators, freelance ed aziende che vogliono far crescere i loro business. Iscriviti qui!

5. Accresci e potenzia le skill fondamentali

L’affiliate marketing richiede un’ampia gamma di skill trasversali. Per diventare bravi è necessario sviluppare competenze molto diverse tra loro, perché significa investire su te stesso e creare delle abilità che possono renderti competitivo sul mercato.

  • Copywriting: È molto importante, quindi, imparare a fare copywriting producendo i contenuti testuali che vengono poi pubblicati su siti internet, blog, post social, newsletter, comunicati stampa ed essere in pratica la voce dell’azienda. In questa guida trovi tutto quello che serve per iniziare a fare copywriting.Certo è anche necessario avere determinate predisposizioni. È importante avere un innato amore per la scrittura, esporre chiaramente i concetti attraverso un linguaggio equilibrato e un testo semplice che arrivi all’utente.

Inoltre, è fondamentale conoscere il proprio pubblico e il target di riferimento.
In ultimo, bisogna conoscere il copywriting persuasivo e le varie formule per rendere accattivante un pezzo di copy.

Affiliate Marketing: guida completa 2022 per iniziare subito 3
  • Advertising: Facebook Ads e Google Ads: si tratta di strumenti indispensabili per il successo delle strategie di marketing online.Imparare a utilizzare Facebook Ads, il programma pubblicitario di Facebook, e saper gestire campagne Google Ads, il programma pubblicitario online di Google, consentono di poter generare inserzioni pubblicitarie per portare traffico sui propri contenuti.

Infatti è importante investire sull’advertising, o pubblicità per raggiungere un maggior numero di persone ed invogliarle all’acquisto.

Per esempio, per il lancio di un prodotto è importante sempre creare l’effetto framing, ovvero presentare il prodotto/servizio o determinate sue caratteristiche nel modo in cui vorremmo che vengano percepite dal destinatario del messaggio.
Il modo in cui viene presentato un prodotto può cambiare la prospettiva su quell’oggetto ed influenzare, quindi, le sue scelte.

L’advertising ti darà la possibilità di utilizzare il pixel di Facebook, un codice che viene installato all’interno del sito/landing page e che ci consente di poter tenere traccia dei visitatori. In questo modo, vengono agganciati e ricontattati dalle ads di Facebook, in un secondo momento. (retargeting)

Questo metodo, che rende preziosissimo Facebook, ti permette di tornare in contatto con questi utenti e a quel punto indirizzarli alla pagina di vendita.

È importante, insomma, ragionare con attenzione per mettere a punto la strategia più adatta.

Se vuoi approfondire l’advertising, dai un’occhiata ai nostri corsi Facebook Ads Pro e Google Advanced.

  • Funnel marketing: si tratta praticamente sempre di processi di marketing che portano alla generazione di contratti e alla vendita di un bene o di una determinata offerta.Molti credono erroneamente che sia sufficiente prendere un’offerta, pagare per spendere in pubblicità, cominciando a diffonderla sui gruppi certi che le persone la acquisteranno. Non è così.È sempre necessario mettersi dalla parte di chi acquista: difficilmente si effettuerà l’acquisto da un annuncio che rimanda immediatamente alla pagina di vendita. Questo perché non è stato creato il pre framing (incorniciamento dell’offerta) e l’utente non è stato invogliato davvero a comprare.È necessario, invece, creare un processo di vendita che funzioni attraverso un programma che realizzi delle landing page, dei siti che spieghino con cura il prodotto e tutti i suoi vantaggi.

Una comunicazione che, magari, offra una consulenza o un contenuto gratuito (ebook, video tutorial, ecc…) o raccolgano le mail per le comunicazioni future.

Ecco lo schema di un funnel tipico.

Affiliate-marketing-funnel

  • Realizzazione blog e landing page su cui implementare i tracciamenti: la realizzazione di un blog che funzioni è importante per individuare gli utenti potenzialmente interessati alle nostre offerte.

Realizzare un blog è uno degli asset più importanti, perché dà vero valore al tuo business, come una traccia quasi indelebile. Ecco perché sarebbe ideale parlare di servizi/prodotti che ti interessano e per cui hai passione.

In questo modo, potrai creare il framing e invogliare sempre l’utente all’acquisto. Altrettanto importanti sono le landing page, pagine realizzate ad hoc con l’obiettivo di convertire i visitatori del sito in contatti o clienti o tramite l’acquisto diretto o tramite la compilazione di un apposito modulo di contatto.

Nel prossimo paragrafo, parleremo di alcuni tools interessanti da utilizzare per il tuo business di affiliate marketing

Tools utili per iniziare a fare affiliate marketing

Esistono dei software particolarmente indicati per poter  cominciare a fare affiliate marketing. Alcuni poi sono molto validi, ad esempio:

  • Click funnels, consente di poter creare in modo semplice dei funnel di vendita strutturati. Un percorso che l’utente seguirà partendo ad esempio da un annuncio, fino all’atterragio su una landing page che spiega il prodotto o ne effettua la prevendita del prodotto, per poi condurlo su una pagina di checkout e su una thank you page, in cui è possibile effettuare upsell o cross-sell.Con il vantaggio che tutto è all’interno di un processo automatizzato estremamente comodo per chi fa affiliate marketing. Leggi la nostra recensione su ClickFunnels per capire se può fare al caso tuo.
  • Get Response, se sei agli esordi e non hai molto budget da investire in tools puoi provare Get Response, che invece è notevolmente più economico, ha le stesse funzionalità e consente anche di poter inviare le mail. Dai un’occhiata alla recensione che abbiamo fatto qui.
  • Builderall propone, invece, diversi piani base. Puoi cominciare con il più economico e poi scegliere eventualmente altri piani in base all’aumento del numero di utenti con il procedere del lavoro.

Troverai altri utili tools e software per questo business nella nostra pagina toolkit.

Affiliate Marketing: guida completa 2022 per iniziare subito 4

Conclusioni

È importante capire che si deve pianificare e lavorare come se il prodotto fosse il nostro. È fallimentare promuovere un prodotto in cui non si crede, ma solo basandosi sui grandi numeri. È invece importante capire che è necessario promuovere prodotti come se facessero parte del tuo business, perché di fatto è così.

Anche se fai affiliate marketing, devi vendere il prodotto come se il business fosse prodotto da te. È necessario scegliere poi una nicchia particolare entro cui lavorare senza lavorare sulla quantità o sulla miriade di offerte e prodotti che sembrano essere più appetibili.

Se si sceglie di lavorare nel gaming, perché è un settore in cui credi, è necessario promuovere solo ed esclusivamente videogiochi o accessori per giocare.

Vendere tutto a tutti, significa non vendere nulla a nessuno.

Insomma, più si è specifici nella scelta della nicchia di prodotto in cui credi, maggiori saranno le possibilità di riuscita professionale.
Altro elemento importante, per fare affiliate marketing, è lavorare per fidelizzare le persone: è importante non fermarsi mai alla singola vendita.

Bisogna puntare a fidelizzare il cliente ed, in base alla natura del prodotto/servizio che promuovo, potrebbe essere molto più facile vendere una seconda volta allo stesso cliente.

Un consiglio? Potresti, ad esempio, costruire delle community composte da persone che credono in quello che fai e che hanno acquistato il tuo prodotto più di una volta, che ne parlano e condividano le loro esperienze con il tuo prodotto.

Inoltre, sempre nell’ottica di crescita professionale, acquisita una certa esperienza, potresti creare un tuo prodotto e avere già una base di utenti da cui partire.

Col tempo, magari, potresti diventare tu l’advertiser , creare un programma di affiliazione e cercare  affiliati per fare promozione…

In pratica, si tratta di dettagli che fanno la differenza.

Basta capire quanto sia importante lavorare bene fidelizzando le persone per avere risultati sul lungo periodo. Per fare affiliate in modo vincente è sempre indispensabile imparare a ragionare solo sul lungo periodo.

Questo ci fa anche capire quanto sia importante investire sulle skills: è indispensabile imparare a fare advertising, a fare copywriting, curare la SEO, creare le mail marketing e le landing page in grado di convertire gli utenti.

Si può anche cominciare a mettersi in gioco, ma è sempre importante partire e andare a creare delle skills. Investire nelle skills significa dare valore alla propria persona e alla propria formazione.

Buon Business!

Accedi a Marketers

Non hai un account? Iscriviti adesso.

Iscriviti gratuitamente a Marketers o accedi per utilizzare questa funzione. Riceverai anche 20/80, la nostra newsletter con strategie e notizie di marketing e business.

Ricevi una notifica quando tornerà disponibile il Bundle Metodo Marketers

Ricevi una notifica quando tornerà disponibile il Metodo Marketers