Guida completa per creare una Landing Page di successo

Molte persone credono che per creare una Landing Page di successo basti descrivere e presentare al meglio il proprio prodotto, la propria persona o i propri servizi.

Spoiler: non è così.

Per creare una landing page di successo serve un’accurata analisi del target, una strategia e una sperimentazione costante.

Pensaci: in un mondo digitalizzato, dove la concorrenza è a portata di click e le decisioni si prendono in frazioni di secondo, avere una Landing Page che converte (per davvero) è il tuo asso nella manica.

Ma chi sono per parlare di questo? Lascia che mi presenti.

Sono Felice Lanzaro, Head of Copy e Content per Marketers.

Felice Lanzaro

Questa guida non sarà una guida teorica e noiosa, ma sarà un vero manuale pratico su come ogni giorno creiamo landing page per noi e per i nostri partner; come per Yoga Academy, la scuola di yoga online di Denise Dellagiacoma, o per Arya Training, il progetto di allenamento online dell’imprenditrice digitale Giulia Calcaterra.

In questa guida, voglio condividere con te non solo l’essenza di ciò che rende una Landing Page efficace, ma anche quelle strategie che ho appreso durante la mia carriera.

Passeremo da una chiara definizione di cosa sia una Landing Page a come crearla in 7 importanti step, il tutto condito da esempi pratici presi dalle nostre aziende e dal mercato digital in generale, da cui potrai prendere ispirazione e soprattutto capire nella pratica come fare la tua Landing di successo.

Sei pronto a scoprire come una singola pagina può rivoluzionare il tuo business online e come noi, in Marketers, lo facciamo ogni giorno?

Allora andiamo, ti guido io!

Cos'è una Landing Page e perché è fondamentale per ogni business?

Una Landing Page, spesso chiamata pagina di atterraggio, è una pagina web specificamente progettata per guidare un visitatore verso un'azione specifica.

Ad esempio la registrazione ad una newsletter, l'acquisto di un prodotto, la prenotazione di un servizio, o qualsiasi altro obiettivo che tu abbia stabilito.

Ogni elemento di questa pagina, dal titolo al design, dal contenuto alla call-to-action, è ottimizzato per convertire il visitatore in un cliente o in un lead.

Ma non confondiamoci.

Una Landing Page non è una homepage.

La homepage del tuo sito serve come punto di ingresso, una sorta di hall virtuale in cui i visitatori possono esplorare vari aspetti del tuo brand o azienda.

Al contrario, una Landing Page ha un focus molto stretto e mira a guidare il visitatore verso una sola azione, senza distrazioni.

In poche parole, la fondamentale differenza sta nell'intento.

Mentre una homepage presenta l'intero universo del tuo brand e offre diverse vie d'azione, una Landing Page è il binario diretto che guida i tuoi visitatori verso l'obiettivo che hai stabilito, rendendola uno strumento essenziale per ogni business che vuole ottenere risultati misurabili online.

Ma lascia che ti dica altro.

La tua homepage è una sorta di landing page generica, tutti quelli che ti citano per un motivo o per l’altro manderanno le persone a quella pagina.

Questo non significa che TU debba imitarli.

NON mandare traffico (specie quello a pagamento) sulla tua homepage.

Crea pagine specifiche per i gruppi di visitatori a cui ti rivolgi. Le tue conversioni aumenteranno e sarà anche più facile tracciare i risultati di ogni singola strategia di marketing.

Obiettivi e tipologie di landing page

Quando parliamo di Landing Pages, è essenziale capire un concetto fondamentale: non sono tutte uguali.

Ogni tipologia di Landing Page deve avere una sua personalità, il suo design e contenuto, che variano in base all'azione desiderata e al target.

Facciamo una breve carrellata…

  • Landing Page informative: immaginatele come una vetrina dettagliata. Sono allestite per offrire uno sguardo approfondito su un prodotto, un servizio o un evento in arrivo. Magari stai lanciando un prodotto innovativo o stai presentando un seminario: queste pagine sono il tuo biglietto da visita.
  • Landing Page di iscrizione (Opt-in page): in questa pagina chiedi ai tuoi utenti di fornire alcuni dettagli come nome ed e-mail; preferibilmente offrendo  qualcosa in cambio; potrebbe essere un eBook, un webinar o una sessione di consulenza. Questa tipologia di landing ha lo scopo di fare lead generation, in modo da trasformare il tuo traffico in clienti, e quindi in profitti per il tuo business.
    Se quindi hai (o vuoi creare) un progetto online e vuoi monetizzarlo, ti serve costruire un sistema efficace ma semplice di lead generation e ti serve capire come funziona tutto il meccanismo delle vendite di prodotti digitali, ti consiglio di approfondire il tutto nel nostro corso Lead Generation.
  • Landing Page di vendita (sales page): queste sono le regine della conversione. L'obiettivo? Trasformare un semplice visitatore in un cliente, facilitandone il percorso verso l'acquisto di un prodotto o servizio.
Entra in PRO

Iscriviti a Marketers PRO e sblocca tutte le funzionalità riservate agli utenti Premium ed accedi alla nostra Community riservata.

Ma, perché dovresti considerare l'utilizzo delle Landing Pages? Ecco alcune ragioni convincenti:

  • La conversione ottimizzata: se gli dai un obiettivo, la Landing Page (fatta bene) spesso lo raggiunge. La specificità la rende campionessa di conversione, superando spesso le pagine generiche di un sito.
  • Ottenere lead di alta qualità: ottimizzando la comunicazione per un target ben definito, sarai in grado di ottenere iscrizioni da parte di un pubblico davvero interessato al tuo prodotto e/o servizio.
  • Conoscere meglio il tuo pubblico: le Landing Page sono in grado di fornire dati preziosi dai tuoi visitatori, dati che puoi sfruttare per affinare le tue future strategie di marketing.

Come? Attraverso l’analisi dei lead o con l’utilizzo di tool, ad esempio Clarity, che ti consente di capire come si comportano gli utenti all’interno delle tue pagine, per aumentare le conversioni; analizzando le mappe di calore o le scroll page maps.

Tutto questo ce lo spiega il nostro Pierpaolo Tomaselli, Growth Manager in Marketer Accelerator, in una masterclass all’interno di Marketers Pro, la nostra community esclusiva per crescere nel mercato digitale.

analisi landing page efficace

Prendendo come esempio una landing page di uno dei nostri partner: Yoga Academy.

esempio di landing page di successo, yoga academy

  • Potenziare le tue campagne pubblicitarie: abbina le Landing Page a campagne pubblicitarie mirate e vedrai il ROI puntare alle stelle. Questo accade perché, ogni visitatore che clicca sulle nostre ads, è già un utente che è stato intercettato, per interesse o target, e quando cliccherà, atterrerà sulla landing page, nella quale verrà guidato verso un'azione ben definita. Inoltre nel caso non si decidesse a completare l’azione desiderata, potremo intercettarlo nuovamente con il retargeting.

Come creare una landing page efficace: i 7 step indispensabili

Entriamo nel cuore di questa guida: la creazione di una Landing Page che non solo catturi l'attenzione, ma che converta efficacemente i visitatori, in lead o clienti.

Fondamentale infatti, per qualsiasi business, essere in grado di trasformare il traffico in fatturato, e per farlo, è necessario costruire landing page ed opt-in-page efficaci; e nel nostro corso di Lead Generation, Emanuele Amodeo, Elio Amato e Omar Bragantini, ti insegneranno a creare una landing page che ti aiuterà a scalare davvero il tuo business.

Entra in PRO

Iscriviti a Marketers PRO e sblocca tutte le funzionalità riservate agli utenti Premium ed accedi alla nostra Community riservata.

E ovviamente, vedremo assieme le strategie e le best practice che funzionano meglio in assoluto.

Ma ora, ti guiderò attraverso i 7 step fondamentali per creare una Landing Page di successo, assicurandoti che ogni elemento, dal design al copywriting, lavori in sinergia per raggiungere il tuo obiettivo.

Preparati ad entrare nel mondo dell'ottimizzazione delle conversioni.

1 Scegli attentamente lo strumento con cui realizzare la tua landing page

Per entrare nel vivo della creazione di una landing page è necessario, come primo step, dotarsi degli strumenti giusti.

È come decidere quale tipologia di tela usare per dipingere un quadro: la scelta dello strumento influenzerà l'intero processo creativo e il risultato finale.

Ecco alcuni dei più popolari e performanti strumenti che il mercato offre oggi:

  • WordPress ed Elementor: la combinazione tra WordPress, la piattaforma CMS più utilizzata al mondo, e Elementor, uno dei page builder più intuitivi e versatili, è una scelta vincente per molti. Non solo ti offre un controllo completo sul design, ma la vasta gamma di widget di Elementor permette di personalizzare la tua landing page nei minimi dettagli, senza necessariamente avere competenze di programmazione.

strumenti per creare una landing page di successo

  • ClickFunnels: dal 2014, ClickFunnels si è affermato come una soluzione digitale per la progettazione di percorsi di vendita. Oltre alla creazione di siti, offre una gamma di layout personalizzabili, un'ottimizzazione multi-dispositivo e un editor drag-and-drop accessibile. Per approfondire, ti consiglio di leggere la nostra recensione su ClickFunnels.
  • Unbounce: una piattaforma che integra l'intelligenza artificiale per ottimizzare le tue campagne di marketing. Offre un editor intuitivo drag-and-drop per chi cerca facilità, mentre mette a disposizione funzionalità di codifica per gli esperti. Con la possibilità di registrarsi gratuitamente. Anche in questo caso, per approfondire, ti consiglio di leggere la nostra recensione su Unbounce.

Ricorda, la scelta dello strumento dipenderà non solo dalle tue esigenze specifiche, ma anche dalla tua familiarità con la piattaforma e dal budget a disposizione.

2 Inserisci nella struttura della landing gli elementi essenziali per il successo

Realizzare una landing page efficace va ben oltre un design accattivante.

Si tratta di organizzare strategicamente tutti gli elementi essenziali, in modo congruo fra di loro, in modo che formino una struttura orientata all’obiettivo che abbiamo individuato per la nostra Landing Page.

Quando si parla di strutturare una landing page, la metodologia da noi adottata è pensare in termini di ‘row' o sezioni della pagina.

La prima sezione ad esempio, chiamata “above the fold” è la prima che l’utente vede non appena atterra sulla pagina, quindi ha un'importanza cruciale.

Non solo deve colpire e attirare l'attenzione, ma deve immediatamente comunicare il beneficio primario del prodotto o servizio e delineare in che modo esso si differenzia dalla concorrenza.

Troppo spesso vedo siti che aprono con proclami audaci sul perché siano i “migliori sul mercato”, ma tali dichiarazioni, senza un contesto appropriato, rischiano di essere inutili.

Nel costruire una landing efficace, alcune sezioni tornano con una certa frequenza.

Prendiamo ad esempio la sezione che elenca i benefici: le persone tendono a comprare soluzioni, non prodotti.

“La gente non vuole un trapano, ma un buco nel muro.”

Analogamente, le persone potrebbero essere interessate ad una fotocamera non tanto per le sue specifiche tecniche, ma per ciò che essa permette loro di fare, come immortalare momenti preziosi o avviare una carriera su YouTube.

Come ha fatto Apple con il suo Apple Watch: non vende un orologio, ma un oggetto per una vita più sana.

landing page di successo apple watch

La sezione dell'autorità e riconoscimenti è un altro pilastro.

Essa risponde alla domanda: “perché dovremmo crederti?”.

Se sei un ristorante, magari parlerai dei premi o delle stelle Michelin ottenute. I riconoscimenti esterni fungono da potenti validatori.

Altrettanto fondamentale è la sezione delle recensioni, che fornisce una prova sociale del valore offerto.

Un ristorante sempre affollato, il dentifricio preferito dai dentisti, o una testimonianza da un professionista rispettato possono fare molto per consolidare la fiducia.

Un'area che spesso viene trascurata, ma che riveste un'importanza fondamentale, è la sezione delle FAQ.

Mentre è vero che il contenuto principale dovrebbe già affrontare le principali obiezioni e domande, la sezione FAQ offre risposte concise per chi cerca informazioni in modo rapido.

Analizzando il comportamento degli utenti sulle nostre landing infatti, ci siamo accorti che molti trascorrono un tempo significativo proprio nella sezione delle FAQ, cercando rassicurazioni o chiarimenti prima di compiere l'azione finale.

Questa sezione deve essere curata basandosi su un feedback reale dei clienti, ad esempio, attraverso interazioni con il servizio clienti o strumenti come typeform.

In Marketers ad esempio, ad ogni persona che acquista i biglietti per il Marketers World, il nostro evento offline, abbiamo inviato un typeform da compilare.

In questo documento, veniva proprio chiesto cosa lo avesse fatto desistere dall’acquisto immediato: è emerso, ad esempio, che molte persone erano preoccupate nel partecipare all’evento da soli.

Cosa abbiamo fatto? Abbiamo inserito questa risposta, evidente dubbio del nostro pubblico, nelle FAQ della landing del Marketers World.

inserire le FAQ per una panding page di successo

Ma ora vediamo insieme nel dettaglio quali sono gli elementi essenziali da inserire in una Landing Page di successo.

Titolo e Sottotitolo

Una landing page può avere il design più incredibile di sempre, ma se il titolo e il sottotitolo non sono accattivanti, molto probabilmente l’utente chiuderà la pagina.

Queste prime parole infatti sono la chiave per stabilire un primo contatto, evocando emozioni e focalizzando l'interesse su ciò che stai offrendo.

Pensaci: il titolo è la tua prima stretta di mano con il visitatore, deve essere solida, sicura e trasmettere fiducia.

Se non cattura l'interesse in pochi secondi, il rischio è che il visitatore decida di non esplorare oltre.

Il sottotitolo, da parte sua, non è da meno in termini di importanza.

Se consideriamo il titolo come l’opportunità di catturare l’attenzione, il sottotitolo la deve mantenere e spingere l’utente a scorrere in basso per scoprire di più.

Ma come si crea un titolo realmente efficace?

Innanzitutto, bisogna essere specifici e mirati.

Un titolo vago potrebbe non lasciare alcuna impressione, mentre un messaggio chiaro e diretto imprime nella mente del visitatore l'essenza della tua offerta.

La brevità è fondamentale: in un mondo in cui l'attenzione è una risorsa preziosa, un titolo conciso ma d'impatto ha maggiori probabilità di successo.

E, naturalmente, devi parlare il linguaggio del tuo pubblico, usando termini e frasi che risuonano con loro, che rispondono ai loro bisogni e desideri.

Ed è ciò che accade quando atterri nella landing page di Marketers Pro, la nostra community esclusiva, dove potrai conoscere altri marketer, partecipare ad eventi e masterclass, per trovare il tuo posto nel mercato digitale.

le sezioni di una landing page di successo

Call-to-Action (CTA)

Nel costruire una landing page efficace, uno degli obiettivi chiave è indirizzare i visitatori a compiere una determinata azione, detta Call to Action (chiamata all’azione) o CTA.

Questa azione deve essere una soltanto ed emergere in modo chiaro dalla struttura e dal contenuto della pagina.

La chiarezza è fondamentale. Se presentiamo troppe Call-to-Action, corriamo il rischio di confondere il visitatore e, paradossalmente, di ridurre l'efficacia complessiva.

Pensiamoci: se chiediamo a qualcuno di fare troppi compiti contemporaneamente, spesso non ne completerà nessuno.

La stessa regola vale per le CTA: less is more.

Il copy di una landing page, quindi, deve essere meticolosamente strutturato intorno a un obiettivo principale, assicurando che ogni elemento, dal titolo ai contenuti multimediali, converga verso la stessa direzione. E quel fulcro è il CTA.

Un CTA efficace deve essere anche esplicativa.

Dimentichiamoci delle CTA generiche e poco coinvolgenti come “clicca qui”. Questo tipo di linguaggio non comunica alcun beneficio e manca di specificità.

Al contrario, una CTA che già intrinsecamente offre un beneficio è decisamente più persuasivo.

Se stiamo progettando una landing page per l'iscrizione a una newsletter, una CTA come “ricevi la newsletter” è diretta e chiara. Allo stesso modo, per un evento o la vendita di un prodotto, la chiarezza è sempre prioritaria: “assicurati il biglietto” o “prenota il tuo posto” sono espressioni che non solo comunicano l'azione desiderata, ma anche il beneficio immediato che ne deriva.

Inoltre, il posizionamento della CTA è essenziale per massimizzare la sua efficacia.

Idealmente, dovrebbe trovarsi in una posizione che cattura naturalmente l'attenzione del visitatore.

Molti esperti raccomandano di posizionare la CTA “above the fold”, ovvero nella porzione di pagina visibile senza dover scorrere, assicurando che sia immediatamente visibile.

Tuttavia, non è l'unico approccio valido.

Ad esempio, per contenuti più lunghi e dettagliati, può avere senso posizionare il CTA alla fine, dando al visitatore tutto il tempo necessario per assimilare le informazioni prima di prendere una decisione.

Ciò che è cruciale, indipendentemente dalla posizione, è che la CTA sia facilmente identificabile e distinguibile dal resto del contenuto.

In poche parole: ogni elemento della tua landing page, dal design ai contenuti, deve orbitare attorno alla tua unica CTA. E la chiarezza, la specificità e la comunicazione di un beneficio tangibile sono le chiavi per creare una Call-to-Action irresistibile.

Form di Contatto

Il form di contatto è uno degli elementi cardine di una landing page e, nel caso delle opt-in page, rappresenta la Call to Action principale.

Nel nostro corso sulla Lead Generation, vedrai nella pratica, come costruire un’opt-in-page, costruita ad hoc per far sì che più persone possibili, ma realmente interessate, lascino i loro dati.

L’importanza del form di contatto è data dal fatto che si tratta dell'interfaccia tra l'utente e l'azienda, il mezzo attraverso cui il visitatore diventa una lead, dando inizio a un rapporto che può culminare in una vendita, una partnership o qualsiasi altro tipo di obiettivo si miri a ottenere.

Entra in PRO

Iscriviti a Marketers PRO e sblocca tutte le funzionalità riservate agli utenti Premium ed accedi alla nostra Community riservata.

Tuttavia, non basta inserire un form sulla pagina e aspettarsi che funzioni…

Se abbiamo fatto bene il nostro lavoro con il titolo, il copy e design, il visitatore sarà interessato e vorrà saperne di più o accedere all'offerta. Ma, se il form è troppo lungo, confuso o invasivo, quel potenziale cliente potrebbe andarsene.

Ecco quindi alcuni suggerimenti per creare un form di contatto efficace:

  • Sii breve: chiedi solo le informazioni essenziali. Ogni campo in più può abbassare la percentuale di conversione. Se non hai bisogno del loro indirizzo completo o del loro numero di telefono per il tuo obiettivo immediato, non lo richiedere.
  • Sii trasparente: spiega chiaramente perché stai raccogliendo determinate informazioni. Ad esempio, se chiedi un indirizzo email, fai sapere che lo utilizzerai per inviare aggiornamenti o offerte.
  • Rendi visibile la privacy: assicurati che ci sia un link o un riferimento chiaro alla tua politica sulla privacy vicino al form. Questo darà fiducia ai tuoi visitatori, mostrando che rispetti la loro privacy.
  • Usa un design pulito: il design del form deve essere semplice e intuitivo. Utilizza campi chiaramente etichettati e, se possibile, suggerimenti o esempi per aiutare l'utente a compilare.
  • Conferma dell’iscrizione: dopo l'invio, fornisci una risposta immediata, come un messaggio di ringraziamento o una conferma visiva, in modo che l'utente sappia che è dentro.
  • Testa e ottimizza: come per ogni altro elemento della landing page, anche il form di contatto deve essere sottoposto ad A/B test. Modifica il numero di campi, il posizionamento o la call to action del pulsante di invio e analizza quali versioni convertono di più.

Contenuto

All'interno dell'universo delle landing page, il contenuto emerge come una delle componenti chiave.

Ma l'importanza del contenuto non si ferma al copy, si estende al design stesso.

Per noi Marketers, il copy e il design sono due facce della stessa medaglia.

Quando si lavora per ottimizzare una landing page, è fondamentale comprendere che il design non è solo un elemento decorativo; è una forma di comunicazione.

I colori, le forme e il layout hanno un significato profondo e influenzano potentemente la comunicazione.

Questo è il motivo per cui, in un certo senso, il design diventa parte integrante del copy.

La collaborazione tra copywriter e designer è fondamentale.

Insieme, lavorano per un obiettivo comune: rendere la landing page il più efficace possibile, conducendo il visitatore a compiere l'azione desiderata.

Ma attenzione: riempire la landing page di testo è un errore molto comune.

Ad esempio, le landing page di Apple sono celebri per il loro approccio minimalista. Utilizzano poco testo, ma sono incredibilmente impattanti, comunicando efficacemente il messaggio grazie a un design elegante e pulito. Come i suoi prodotti!

L’obiettivo che dovresti considerare è quello di comunicare un messaggio usando il minor numero di parole possibile, ma con il massimo impatto.

Ma passiamo al lato pratico.

Come abbiamo detto prima, la strategia potrebbe essere quella di progettare la landing page pensando in termini di “row” o sezioni, ognuna delle quali parla di un determinato argomento legato al nostro prodotto o servizio.

Ma la cosa importante da tenere in considerazione per il contenuto, è l'angolo comunicativo: come presenti il tuo prodotto può variare in base al pubblico target.

Una fotocamera, per fare lo stesso esempio di prima, può essere presentata come l'ideale per fotografi paesaggistici o come lo strumento perfetto per gli youtuber emergenti. Ma il prodotto non cambia.

Questa capacità di modulare la presentazione si basa sull'identificazione dell'angolo comunicativo che risuona di più con il tuo pubblico.

Elementi Visivi e multimediali

Gli elementi visivi e multimediali sono tra le componenti fondamentali di una landing page ben realizzata.

In un'epoca in cui l'attenzione degli utenti è sempre più frammentata e il tempo trascorso su una pagina web è spesso misurato in secondi, avere contenuti visivi e multimediali di qualità può fare la differenza tra un visitatore che abbandona immediatamente e uno che rimane, esplora e, infine, compie l'azione desiderata.

D’altronde, si dice che un'immagine vale mille parole.

Immagini nitide, video accattivanti, infografiche e grafica di alta qualità non solo rendono la landing page esteticamente piacevole, ma comunicano anche messaggi chiave in modo rapido ed efficace.

Questi elementi possono aiutare a trasmettere il tono, il branding e l'offerta in modo molto più immediato rispetto al solo testo.

Il video, in particolare, si è dimostrato uno strumento straordinariamente efficace nelle landing page. Offre l'opportunità di narrare una storia, di mostrare un prodotto o presentare una testimonianza in modo dinamico. È il potere dello storytelling.

Se fatto bene, un video può mantenere l'attenzione dell'utente e aumentare significativamente l'engagement.

Tuttavia, l'utilizzo di elementi visivi e multimediali non deve essere casuale.

È fondamentale che ogni immagine, icona, grafico o video abbia uno scopo e rafforzi il messaggio principale della landing page. Inoltre, bisogna evitare di appesantire eccessivamente la pagina: caricamenti lenti o animazioni inutili possono frustrare gli utenti e portare l’utente ad abbandonare la pagina prematuramente.

Elementi di fiducia e credibilità

Nella creazione di una landing page efficace, generare fiducia e stabilire credibilità è essenziale.

Gli utenti digitali di oggi sono spesso cauti, bombardati da una miriade di contenuti online e offerte spesso troppo belle per essere vere.

Di fronte a questo scenario, offrire rassicurazioni concrete può fare la differenza tra un potenziale cliente che decide di fidarsi e uno che sceglie di andare altrove.

Per questo le testimonianze e le recensioni sono strumenti potenti in questo contesto.

Rappresentano “prove sociali” che mostrano ai visitatori che altri, come loro, hanno tratto beneficio dall'offerta presentata.

Una testimonianza autentica, preferibilmente accompagnata da una foto o, meglio ancora, da un breve video, può raccontare una storia di successo che risuona con il pubblico.

Analogamente, le recensioni, specialmente se provenienti da piattaforme terze riconosciute, come Trustpilot, forniscono una validazione esterna e possono influenzare positivamente la percezione degli utenti.

Un altro elemento di fiducia può essere fornito dall'inclusione dei loghi di clienti noti o partner di rilevanza.

Quando un visitatore vede che marchi rispettati o aziende con cui potrebbe avere familiarità hanno collaborato o scelto il prodotto o servizio in questione, ciò può aumentare significativamente il livello di fiducia.

È come avere un amico di fiducia che ti fa un suggerimento: la presenza di marchi noti funziona come un tacito sigillo di approvazione.

Infine, ma non per questo meno importante, ti consiglio di inserire le garanzie di sicurezza e privacy.

Viviamo in un'epoca in cui la sicurezza dei dati e la privacy sono questioni scottanti.

Mostrare chiaramente che ci si prende cura della sicurezza delle informazioni dei clienti è fondamentale. L'inclusione di badge di sicurezza, certificati SSL e chiare politiche sulla privacy trasmette un messaggio chiaro: “la tua sicurezza e la tua privacy sono importanti per noi”.

(Oltre che sì, essere obbligatori per regolamentazione europea del GDPR).

3 Progetta il layout e il design della Landing Page

Si sa, la prima impressione è fondamentale.

Si potrebbe avere il miglior prodotto o servizio del mondo, ma se il design della landing page non colpisce o non rispecchia adeguatamente il messaggio, potrebbe non avere l'effetto desiderato.

Ecco perché il layout e il design della landing page sono così cruciali.

Pensa al design come non solo a qualcosa di piacevole per gli occhi, ma come uno strumento che influenza direttamente l'esperienza dell'utente, la percezione del brand e, infine, la conversione.

Un design ben pensato può guidare il visitatore attraverso la storia che stai cercando di raccontare, mettendo in risalto i punti chiave e incanalando l'energia verso l'azione desiderata.

Ma non è solo una questione estetica; la funzionalità è la chiave.

Devi mirare a una semplicità che eviti di sovraccaricare il visitatore con informazioni, utilizzando una gerarchia visiva che faccia emergere ciò che è veramente importante.

Pensa alle grandi aziende: spesso hanno landing page con uno spazio ben distribuito, immagini di alta qualità e colori che risuonano con il loro brand, creando una coesione che gli utenti riconoscono e apprezzano.

Ora, pensa a come navighi sul web: quanto spesso lo fai dal tuo smartphone?

Viviamo in un'era dominata dai dispositivi mobili, quindi è assolutamente cruciale che la tua landing page sia ottimizzata per questi dispositivi.

Un design che non tiene conto di questo può facilmente trasformare una visita promettente in una perdita di un potenziale cliente, frustrato da bottoni troppo piccoli o testi illeggibili.

E non dimentichiamoci dell'esperienza dell'utente.

Per farlo, dovrai fare in modo che la tua pagina si carichi velocemente, che offra una navigazione intuitiva e che ogni interazione, dal cliccare un bottone al compilare un modulo, sia fluida e priva di intoppi.

E di tutto questo ne parliamo nella guida all’User Experience del sito web, in cui ti consigliamo come migliorarla in 10 step.

Questa coerenza e attenzione ai dettagli non solo mantiene alta la fiducia del visitatore, ma li incoraggia anche a compiere l'azione che desideri.

il layout di una landing page di successo

4 Sfrutta la potenza del copywriting per massimizzare le conversioni

Il copywriting, come spieghiamo nel corso Copymastery, non è solo un insieme di parole disposte su una pagina; è l'arte di comunicare efficacemente, di persuadere e, in ultima analisi, di guidare all'azione.

Ogni frase, ogni parola e ogni virgola hanno un ruolo cruciale nel costruire una narrativa che risuoni con il tuo pubblico target e li spinga a compiere un'azione particolare, che sia iscriversi a una newsletter, acquistare un prodotto o prenotare una consulenza.

Quando si tratta di massimizzare le conversioni, la potenza del copywriting non può essere sottovalutata.

Una scelta di parole appropriata e mirata può fare la differenza tra una landing page che suscita un interesse fugace e una che cattura l'attenzione del visitatore, lo tiene incollato alla pagina e lo guida dolcemente verso l'azione che desideri.

Per esempio, piuttosto che limitarsi a presentare un prodotto o un servizio, un copywriter esperto enfatizzerà i benefici e il valore che tale prodotto o servizio può portare al cliente.

Non si tratta solo di ciò che il prodotto “fa”, ma di come può migliorare la vita del cliente o risolvere un problema particolare.

Un bravo copywriter mette il cliente al centro, mostrando empatia per le sue esigenze e aspirazioni e dimostrando come l'offerta presentata possa essere la soluzione perfetta.

Ma va anche oltre.

L'uso strategico di tecniche persuasive, come la scarsità (“Solo poche unità rimaste!”) o l'urgenza (“Offerta limitata!”), può incentivare i visitatori a compiere un'azione prima che sia troppo tardi.

E le storie, quelle ben raccontate, possono creare un legame emotivo con il lettore, rendendo il messaggio ancora più potente.

Tuttavia, è essenziale che il copywriting sia autentico e sincero.

In un'era in cui i consumatori sono più informati e scettici che mai, promesse esagerate o dichiarazioni non veritiere possono rapidamente allontanare i potenziali clienti.

Inoltre, il copywriting deve essere complementare al design della pagina.

Come discusso in precedenza, copy e design sono strettamente legati e devono lavorare insieme per creare una landing page coerente e coinvolgente.

Quando entrambi questi elementi sono in sintonia, la magia accade: i visitatori si sentono compresi e nel posto giusto.

il copy e il design di una landing page di successo

5 Testa e ottimizza la tua Landing Page

Dietro una landing page di successo c'è sempre una strategia ben ponderata e testata.

Non appena la tua landing page viene pubblicata, in realtà, inizia una fase cruciale: quella del test e dell'ottimizzazione.

Ed è proprio qui che l’A/B testing entra in gioco come uno strumento fondamentale.

Con l'A/B testing, puoi creare due versioni diverse di una pagina, magari variando un elemento come un titolo o un CTA, e monitorare quale delle due ha le prestazioni migliori.

In questo modo, ogni decisione che prendi è basata su dati concreti e non su semplici intuizioni.

Ovviamente, per mettere in pratica questi test, è essenziale disporre degli strumenti adeguati.

Il mercato offre diverse soluzioni, alcune delle quali specificamente pensate per l'A/B testing, come, ad esempio, Optimizely o Visual Website Optimizer.

Ho recentemente testato Google Optimize per poter creare un A/B test per una Landing e devo dire che si è comportato davvero bene.

Questi strumenti permettono di testare vari aspetti della landing page, dal copy al design, per comprendere quali modifiche possono effettivamente portare a un aumento delle conversioni.

E cosa dovresti testare?

In realtà, ogni elemento che potrebbe influenzare la decisione del visitatore.

Potresti scoprire che un piccolo cambiamento, come una modifica nel design della tua CTA o una riduzione dei campi nel form di contatto, può avere un impatto significativo sul tasso di conversione.

E mentre il copy potrebbe sembrare perfetto alla prima stesura, una leggera variazione nelle parole potrebbe fare la differenza tra un visitatore che se ne va e uno che compie l'azione desiderata.

Tuttavia, l'essenza dell'ottimizzazione non si ferma alla raccolta dei dati.

Sarebbe una cosa fine a sé stessa ed inutile.

È fondamentale saperli interpretare e agire di conseguenza.

Ogni test fornisce indicazioni su cosa funziona meglio e su quali aree necessitano miglioramenti.

Utilizzando questi dati, puoi affinare e perfezionare la tua landing page in modo che sia sempre più efficace nel convertire i visitatori. La collaborazione con un growth hacker è sicuramente un plus per risultati ancora più efficaci.

A/B test per landing page

6 Crea una strategia di Marketing Automation adatta alla tua landing page

Se ci pensi, quando parliamo di landing pages, parliamo essenzialmente di conversioni.

Ma cosa accade dopo aver convertito un visitatore in un lead o un cliente?

Qui entra in gioco la strategia di Marketing Automation, una componente cruciale per nutrire e gestire questi contatti nel modo più efficiente e personalizzato possibile.

Molto importante infatti, come vediamo nel nostro corso di marketing automation e nel corso di Lead Generation presenti in Marketers Pro, è costruire una strategia di funnel marketing che ti permetta, sia di continuare a nutrire i tuoi lead, ma che ti permetta anche di creare un flusso continuo di nuovi potenziali clienti.

Entra in PRO

Iscriviti a Marketers PRO e sblocca tutte le funzionalità riservate agli utenti Premium ed accedi alla nostra Community riservata.

Una landing page efficace è solo l'inizio del viaggio del cliente.

Una volta che un visitatore ha compiuto l'azione desiderata, che si tratti di iscriversi a una newsletter o di acquistare un prodotto, la strategia di Marketing Automation entra in gioco.

Questa strategia permette di impostare una serie di azioni automatiche basate sul comportamento e sulle preferenze del cliente, garantendo che ogni lead venga nutrito e guidato attraverso il funnel di vendita in modo adeguato.

Ad esempio, immagina che un visitatore si iscriva alla tua newsletter attraverso una landing page di tipo opt-in.

Una strategia di Marketing Automation potrebbe prevedere l'invio immediato di una email di ringraziamento, seguita da una serie di contenuti personalizzati nelle settimane successive, che forniscono ulteriori dettagli sul prodotto, testimonianze di clienti soddisfatti, offerte speciali e così via.

Oltre alla personalizzazione, uno degli aspetti chiave del Marketing Automation è la segmentazione.

Non tutti i lead sono uguali, e non tutti avranno lo stesso interesse o necessità. Potresti avere diverse landing page per diversi prodotti o servizi, e ciascuna di queste avrà bisogno di una strategia di Marketing Automation diversa, mirata e specifica.

Un altro vantaggio della Marketing Automation è la possibilità di testare e ottimizzare le campagne in tempo reale.

Proprio come faresti con una landing page, puoi testare diverse varianti di email o di percorsi di automazione per vedere quali funzionano meglio.

Questo approccio data-driven garantisce che la tua strategia sia sempre ottimizzata per le massime conversioni.

marketing automation e funnel per landing page ottimizzate e di successo

7 Ottimizza la SEO della tua Landing Page

Quando ci concentriamo sulla creazione di una landing page, spesso mettiamo la massima enfasi sulla conversione dei visitatori.

Tuttavia, per convertire, abbiamo bisogno che questi visitatori atterrino effettivamente sulla nostra pagina, ed è qui che la SEO, assieme ad eventuali campagne ads, diventa un aspetto cruciale.

Per garantire che la nostra landing page venga vista dal nostro pubblico target, è essenziale che sia ottimizzata per i motori di ricerca. Ovviamente questo lavoro di ottimizzazione è necessario quando la landing page si concentra su un prodotto o un servizio per cui c’è una ricerca attiva e consapevole.

La base di qualsiasi ottimizzazione efficace inizia sempre con una solida ricerca delle parole chiave.

Questo non significa solo scegliere parole chiave ad alto volume e buona competitività, ma scegliere quelle pertinenti che il nostro pubblico target potrebbe effettivamente digitare nei motori di ricerca.

Questo richiede di immergersi nella mente del nostro cliente ideale e di chiedersi: “cosa digiterebbero se cercassero il mio prodotto o servizio?“.

Se possiamo rispondere a questa domanda e integrare queste parole chiave in modo naturale nel nostro contenuto, abbiamo già fatto un grande passo avanti nell'ottimizzazione SEO.

Ma le parole chiave sono solo l'inizio.

Una volta identificate, dobbiamo assicurarci che siano integrate in modo efficace in tutta la landing page.

Pensiamo al titolo della nostra pagina: non solo dovrebbe essere accattivante e allettante per i visitatori, ma dovrebbe anche includere la nostra parola chiave principale.

Questo perché i motori di ricerca, come Google, attribuiscono un'importante priorità ai titoli quando si tratta di decidere di cosa tratta una pagina.

Oltre al titolo, non dobbiamo sottovalutare la potenza di una meta descrizione ben scritta.

Mentre questa breve descrizione non ha un impatto diretto sul posizionamento, può avere un impatto significativo sul tasso di clic.

Una meta descrizione pertinente e coinvolgente può convincere un utente indeciso a fare clic sul nostro link piuttosto che su un concorrente.

Infine, l'URL della nostra landing page dovrebbe essere breve, descrittivo e, se possibile, contenere la nostra parola chiave target.

Non solo è più facile da leggere e da ricordare per gli utenti, ma offre anche un ulteriore suggerimento ai motori di ricerca sulla pertinenza della nostra pagina.

In definitiva, una landing page efficace è una fusione di design accattivante, copy convincente e ottimizzazione SEO.

ottimizzazione seo per landing page di successo

Esempi landing page efficaci: 5 esempi da cui prendere ispirazione

1 L'optin page evergreen di ARYA:

le cose che hanno funzionato più in assoluto di questa landing, sono soprattutto la struttura long form, il form a 3 step, le recensioni e i numeri sul programma (giorni, partecipanti e ore di allenamento).

Questo ci ha permesso di ottenere questi risultati pazzeschi:

  • Visualizzazioni totali: 2565
  • Leads: 1068
  • CR: 41%

Ma ci sono altri elementi che hanno portato al successo di questa pagina, vediamoli:

  • Titolo di Impatto: “Booty Challenge: 28 giorni per ritrovare la tua forma migliore” immediatamente indica ciò che è l'offerta, la durata e il beneficio che gli utenti possono aspettarsi.
  • Specificità dell'Offerta: la landing page non si limita a promuovere un generico programma di fitness, ma si concentra su un unico obiettivo chiaro e desiderabile: “tonificare il corpo, rassodare i glutei e snellire le gambe in vista dell'estate”.
  • Personalizzazione e flessibilità: presentando tre diversi livelli di difficoltà (start, principiante, esperto), la Booty Challenge mostra di essere adatta a un'ampia varietà di utenti.
  • Dettaglio del Programma: offrire una panoramica di ciò che gli utenti possono aspettarsi giorno per giorno rende l'offerta trasparente e permette agli utenti di visualizzare il percorso prima di pagare.
  • Testimonianze e Social Proof: la presentazione della personalità di Giulia Calcaterra dietro la challenge, aggiunge un tocco autentico e di autorevolezza. Inoltre, evidenziando che “più di 38.000 persone hanno partecipato alla prima edizione”, sottolineiamo la popolarità e l'efficacia della challenge.
  • CTA chiara: l'invito a iscriversi alla Booty Challenge è chiaramente visibile e ripetuto, assicurando che gli utenti sappiano esattamente cosa fare per partecipare. Anche il tono “accetto la sfida”, è sicuramente impattante e contiene un forte beneficio.
  • FAQs: rispondere alle domande frequenti direttamente sulla landing page può ridurre eventuali ostacoli o dubbi che gli utenti, soprattutto quelli frettolosi, potrebbero vedere come legittimi per non acquistare.
  • Design e Branding coerente: elementi come il logo, i colori e le immagini siano stati selezionati per rispecchiare l'energia e la missione di Arya.

Elementi di fiducia: mostrare il copyright e la privacy policy in fondo alla pagina offre rassicurazione sulla legittimità e sulla serietà dell'offerta.

esempio di landing page da cui prendere spunto

Ma ho un altro esempio di pagina di atterraggio dal contenuto long-form che performa molto bene e che può essere un esempio lampante di come costruire una landing page efficace…

2 Landing page di Business Genetics

Oltre ad essere una landing page dal contenuto lungo, per Business Genetic abbiamo utilizzato 2 tipologie di row che abbiamo utilizzato anche in Arya:

  • inserimento dei numeri per quantificare il beneficio;
  • programma del corso dettagliato, per comunicare al meglio l’effettivo valore del corso, trattandosi comunque di un prodotto con un costo medio-alto.

esempio di landing page con contenuto long form da cui prendere spunto

3 Landing page di Marketers Experience

  1. Chiarezza e struttura efficace: questa landing page è chiaramente divisa in sezioni, che guidano l'utente attraverso un percorso logico: dall'introduzione alla presentazione dei dettagli dell'esperienza, alle testimonianze e infine alle FAQ.
  2. Dettagli dell'offerta: vengono elencati tutti i vantaggi e le caratteristiche dell'esperienza. Questi dettagli aiutano a rispondere alle domande dei potenziali clienti e a fornire un'idea chiara di ciò che stanno acquistando.
  3. Social proof: l'uso delle testimonianze e delle citazioni fornisce un tocco personale e offre una prova sociale, dimostrando che altre persone hanno già vissuto e apprezzato l'esperienza.
  4. Grafiche pertinenti ed in stile con i valori: foto e video sono essenziali per rendere una landing page visivamente accattivante e per dare un'anteprima dell'esperienza.
  5. CTA: inserire diversi pulsanti “candidati ora” in tutta la pagina, rende la CTA sempre disponibile e visibile agli utenti. Questo è fondamentale per convertire i visitatori in clienti.
  6. FAQ: le domande generali anticipano e rispondono alle preoccupazioni e alle domande dei potenziali clienti, riducendo gli ostacoli alla conversione.
  7. Valori e Mission: la row che descrive la visione dei Marketers rispetto alla vita e al lavoro non solo fornisce un contesto, ma stabilisce anche una connessione emotiva con i lettori che condividono gli stessi valori.

esempio di landing page efficace da cui prendere spunto

4 Landing page Marketers Pro

Anche in questa landing page sono presenti elementi che abbiamo analizzato poco fa, infatti, come dicevamo in precedenza, spesso ci sono diverse tipologie di row che si ripetono anche se in landing page differenti.

Ma la cosa distintiva di questa pagina, e maledettamente efficace, è l’inserimento dell’elemento di riprova sociale subito sotto al titolo.

Come puoi notare infatti, abbiamo inserito subito nella prima row il widget che rimanda alle nostre eccellenti recensioni su Trustpilot.

le sezioni di una landing page di successo

5 Landing page CopyMastery.

In questo caso invece, abbiamo sfruttato la scarcity come strategia di marketing.

Come noti infatti, proprio la prima CTA, contiene il testo “iscriviti alla lista d’attesa”; questo rende il prodotto ancora più desiderabile, poiché non è accessibile immediatamente e non è per tutti.

landing page di successo da cui prendere spunto

La risposta a una delle domande più comuni: quanto costa creare una landing page?

Ah, la domanda del milione di dollari: “quanto costa creare una landing page?”.

Questa è una domanda che tutti i marketer, imprenditori e proprietari di piccole imprese si pongono prima o poi. E, come molte cose nel mondo del marketing digitale, la risposta non è così semplice.

Il costo di creazione di una landing page può variare ampiamente in base a vari fattori.

Iniziamo col dire che il costo di una landing page può variare da quasi zero a diverse migliaia di euro, e in certi casi anche di più.

Se sei un hobbista o un imprenditore in erba e hai delle competenze di design o programmazione, potresti avventurarti nella creazione di una landing page da solo utilizzando piattaforme gratuite o a basso costo.

Ci sono molte piattaforme user-friendly sul mercato, come Wix, WordPress o Squarespace, che offrono modelli pronti per l'uso.

Ma ricorda, anche se questi strumenti possono ridurre i costi iniziali, la tua pagina potrebbe non essere ottimizzata per le conversioni come lo sarebbe una pagina progettata su misura.

Al contrario, se decidi di affidarti a un'agenzia specializzata o a un freelance esperto, i costi possono aumentare notevolmente.

Questo perché stai pagando non solo per la creazione della pagina in sé, ma anche per l'esperienza, la competenza e la capacità dell'esperto di creare una pagina che converte veramente.

Un progettista o sviluppatore esperto può prendere in considerazione fattori come la psicologia del colore, la disposizione degli elementi sulla pagina e le migliori pratiche di UX per garantire che i visitatori siano guidati verso l'azione desiderata.

Inoltre, la complessità del progetto influisce sul prezzo.

Una semplice landing page con testo, immagini e un form di contatto avrà un costo diverso rispetto a una pagina con animazioni avanzate, integrazioni di terze parti o funzionalità interattive.

E non dimentichiamoci dei costi nascosti.

Dall'hosting alla sicurezza, agli strumenti di analisi e ottimizzazione: sono tutti fattori che possono influenzare il budget complessivo.

Quindi, tornando alla domanda iniziale: “Quanto costa creare una landing page?”.

La risposta è: dipende.

Dipende dalle tue esigenze, dal tuo budget e da quanto sei disposto a investire per ottenere risultati ottimali.

Ma una cosa è certa: una landing page ben progettata e ottimizzata può offrire un ritorno sull'investimento che supera di gran lunga i costi iniziali.

E quanto deve essere lunga una landing?

Riguardo alla lunghezza delle landing page, c'è una convinzione errata: esiste una “formula magica” o una “lunghezza ideale” per ogni landing page.

In realtà, la risposta è più complessa e basata sull'obiettivo specifico, sul prodotto o servizio offerto e sul pubblico target.

Un punto chiave da considerare è il grado di familiarità del tuo pubblico con ciò che offri.

Se stai introducendo un concetto completamente nuovo, un prodotto innovativo o con un costo medio-alto, la tua landing page potrebbe necessitare di più spiegazioni e quindi potrebbe essere più lunga.

Ad esempio, per il nostro corso Business Genetics, che ti insegna a creare, gestire e accelerare business digitali, abbiamo creato una landing page più lunga rispetto ad altre; proprio perché, avendo un prezzo più alto, le persone hanno bisogno di più informazioni per prendere la decisione finale dell’acquisto.

landing page business genetics marketers

E qui entra in gioco una regola generale pratica: quanto più costa o quanto più è innovativo un prodotto, tanto più saranno le obiezioni che un potenziale cliente potrebbe avere.

Più profonda è l'azione o l'impegno che stai chiedendo al visitatore, più dovranno essere profonde e dettagliate le informazioni che fornisci.

Questo non significa inondare il visitatore con un mare di parole, ma piuttosto costruire un discorso persuasivo che risponda alle sue preoccupazioni.

D'altro canto, ci sono landing page che puntano all'optin, magari per iscriversi a una newsletter o scaricare un e-book gratuito.

Queste pagine tendono ad essere più corte, poiché l'azione richiesta è meno impegnativa.

Tuttavia, anche in questi casi, un buon lavoro di copywriting è fondamentale.

La chiarezza sulla proposta e i benefici offerti è fondamentale, non solo per attrarre il visitatore, ma anche per garantire che chi compie l'azione sia davvero interessato a ciò che hai da offrire.

In questo modo, invece che una marea di lead, avremo meno lead ma selezionati e di alta qualità.

Ad esempio, per AI4Marketers, il nostro corso che ti insegna come utilizzare l’intelligenza artificiale nel lavoro, abbiamo volontariamente deciso di focalizzarci sulle persone che vogliono imparare ad ottimizzare i processi di marketing digitale con OpenAI, e non a un pubblico generico.

Questo ci ha permesso di ricevere solo lead di altissima qualità e più propensi all’acquisto dei nostri prodotti, piuttosto che tanti lead ma meno caldi.

landing page di successo

Conclusioni

Ed eccoci alle conclusioni di questa guida, completa e pratica, su come creare una landing page efficace.

Ti ho spiegato che, in un mondo digitalizzato, le landing page rappresentano un ponte diretto tra il brand e il cliente.

Abbiamo esplorato ogni aspetto fondamentale di questo potente strumento: dalla struttura al design, dal copywriting all'ottimizzazione SEO.

Abbiamo anche scoperto l'importanza di una Call-to-Action efficace e il valore del design che si fonde con il copy.

Sottolineando anche l'importanza di testare e ottimizzare continuamente, integrando strategie di marketing automation e rispondendo alle obiezioni e ai dubbi dei clienti.

Allo stesso tempo, abbiamo affrontato le questioni pratiche, come i costi e la lunghezza ideale di una landing page.

Ricorda: la chiave è l'equilibrio tra estetica e funzionalità, tra brevità e completezza, tra ascolto del cliente e presentazione del prodotto.

Ogni landing page è unica, ma seguendo queste linee guida, avrai le basi solide per creare pagine che convertano, coinvolgano e soddisfino le esigenze del tuo pubblico.

Alla prossima!

Felice.

4 1 vote
Recensioni
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Igor Pizzinato
Igor Pizzinato
6 anni fa

Grazie per questo articolo molto esaustivo sulle landing pages!

Paola
Paola
6 mesi fa

Grazie!!! Articolo fondamentale! 🙏

2
0
Would love your thoughts, please comment.x

Iscriviti gratuitamente a Marketers o accedi per utilizzare questa funzione. Riceverai anche 20/80, la nostra newsletter con strategie e notizie di marketing e business.

Ricevi una notifica quando tornerà disponibile il Bundle Metodo Marketers

Ricevi una notifica quando tornerà disponibile il Metodo Marketers