brand reputation

Brand reputation: usa questo tool per migliorarla (strategie incluse)

Il mondo degli affari è sempre in costante evoluzione e, oggi più che mai, l’immagine che un’azienda proietta sul mercato è fondamentale: la brand reputation.

Un mercato online sempre più grande porta alla nascita di più competitor, che a loro volta portano a clienti sempre più esigenti, che cercano il meglio.

Tuttavia, è facile confondere il concetto di brand reputation con quello di brand awareness e di web reputation.

La brand awareness indica il livello di notorietà e riconoscibilità che il brand ha tra i clienti, mentre la web reputation è l’immagine che l’azienda proietta attraverso i canali digitali, come i social media, le piattaforme di recensione o i motori di ricerca.

La brand reputation, invece, riguarda l’immagine complessiva dell’azienda, come viene percepita dai consumatori, dai partner commerciali e dal pubblico in generale.

E io ne so qualcosa…

Mi presento: sono Rebecca Ferrara, Customer Care Manager di Marketers, un gruppo di aziende che si occupa di accelerare business digitali di imprenditori, personal brand e celebrity.

Sisi esatto, quella che risponde sempre alle vostre email, pronta ad aiutarvi!

Rebecca

Devi sapere che ogni giorno mi occupo della soddisfazione dei clienti, e tutto questo aiuta a proteggere e migliorare la reputazione del brand della mia azienda.

Ed in questa guida ti spiegherò come attuiamo questo in Marketers.

Ma ti spiegherò anche perché costruire, consolidare e migliorare la brand reputation è fondamentale per le aziende che vogliono raggiungere il successo.

Ma vedremo anche nel dettaglio a cosa serve la web reputation e le 4 fasi cruciali per crearla ed ottimizzarla.

Pronto?

Si parte!

Perché costruire, consolidare e migliorare la brand reputation è fondamentale per le aziende

La brand reputation è uno dei fattori più importanti per l’immagine dell’azienda e per la sua capacità di attirare nuovi clienti e fidelizzare nel tempo.

Costruire, consolidare e migliorare la brand reputation è fondamentale per le aziende perché:

  1. Aumenta la fiducia dei clienti: una buona reputazione del brand ispira fiducia nei consumatori, che si sentono più sicuri nell’acquistare prodotti o servizi dell’azienda. Al contrario, una reputazione negativa può far perdere la fiducia dei clienti e portare a una diminuzione delle vendite.
  2. Crea un vantaggio competitivo: un’azienda con una reputazione positiva ha un vantaggio competitivo rispetto ai competitor, poiché i consumatori tendono a preferire brand che hanno una buona reputazione.
  3. Aumenta la brand loyalty: i clienti soddisfatti sono più propensi a tornare a comprare da un’azienda con una buona reputazione, creando una base di clienti fedeli che può portare a una maggiore redditività dell’azienda.
  4. Attira talenti: un’azienda con una buona reputazione è in grado di attrarre talenti di alto livello, professionisti da implementare nel team che sono alla ricerca di aziende che hanno un’impronta etica forte e che rispettano i valori che condividono.

A cosa serve la web reputation di un brand?

La web reputation di un brand è invece l’immagine che l’azienda proietta attraverso i canali digitali, come i social media, le piattaforme di recensione o i motori di ricerca.

La web reputation serve principalmente a:

  1. Aumentare la visibilità del brand: attraverso i canali digitali (come ad esempio Facebook, Instagram, LinkedIn, sito web) è possibile aumentare la visibilità del brand e raggiungere un pubblico più ampio, le persone ormai utilizzano sempre di più internet per informarsi e per fare acquisti.
  2. Creare un’immagine positiva dell’azienda: condividendo informazioni interessanti, curiosità sul proprio settore, valori etici e sostenibili che possono attirare l’attenzione dei consumatori, l’azienda può creare una immagine positiva di sé stessa. Come ad esempio fanno imprenditori, content creator, freelance o celebrity per gestire al meglio il proprio personal branding.
  3. Gestire le recensioni: le piattaforme di recensione, come Trustpilot, sono diventate un canale importante per la gestione della reputazione online di un brand. Attraverso queste piattaforme, i consumatori possono lasciare recensioni e valutazioni sui prodotti o servizi dell’azienda, che possono essere positive o negative. La gestione attenta delle recensioni, rispondendo con professionalità e gentilezza ai commenti negativi e mostrando gratitudine per i commenti positivi, può aiutare a migliorare la brand reputation del brand. Abbiamo realizzato un articolo dedicato all’utilizzo professionale di Trustpilot, lo trovi qui.
  4. Monitorare la presenza online: attraverso gli strumenti di monitoraggio online, come Google Trends, Google Alerts o SEO tools, l’azienda può monitorare la propria presenza online, capire quali sono i trend del settore, le ricerche correlate ai prodotti o servizi che offre, e analizzare i competitor per capire come migliorare la propria presenza online.

inviare inviti a compilare le recensioni per aumentare la brand reputation

Le 4 fasi cruciali della brand reputation: costruire, monitorare, proteggere e migliorare

Per creare e consolidare una brand reputation degna di questo nome, è importante seguire le 4 fasi cruciali: costruire, monitorare, proteggere e migliorare.

Ora te lo mostro nel dettaglio e ti racconto come lo facciamo in Marketers.

1 Costruire la reputazione del brand

La fase di costruzione della reputazione del brand è la parte più importante per creare una reputazione positiva e duratura dell’azienda.

In questa fase è fondamentale definire la missione, i valori e il sistema di credenze del brand, in modo da avere un’idea chiara di ciò che l’azienda rappresenta e di come vuole essere percepita dal pubblico.

Di questo ne parliamo ampiamente in Copymastery (che ad oggi è alla sua terza edizione!), il corso Marketers in cui troverai il nostro metodo per creare community, posizionare il tuo Brand e vendere idee, servizi e prodotti sul mercato.

Brand reputation: usa questo tool per migliorarla (strategie incluse) 1

Ma non solo.

Molto importante è anche creare una brand identity coerente, con un logo, un design e uno stile grafico che rispecchino la personalità dell’azienda.

Ad esempio, ti basta dare un’occhiata al nostro sito e pagina Instagram per renderti conto che siamo sempre noi: i pattern grafici, colori e stile comunicativo tornano in tutte le nostre piattaforme.

identità del brand nel profilo Instagram marketers identità del brand nel sito marketers

Offrire un servizio clienti di alta qualità è un altro aspetto fondamentale della costruzione della brand reputation, poiché i clienti soddisfatti sono più propensi a lasciare recensioni positive e a fidelizzarsi nel tempo.

Clienti insoddisfatti ci saranno sempre, ma ti assicuro che un buon customer care è in grado di risolvere questi problemi, o almeno addolcire l’amaro in bocca.

In Marketers seguiamo ogni cliente fino alla risoluzione del suo problema, rispondiamo entro 24 ore e il nostro mantra è: “gentilezza” sempre e comunque.

Infine, è importante curare il profilo sulle piattaforme di recensione, come Trustpilot, e utilizzare gli strumenti messi a disposizione dalla piattaforma per diffondere il grado di fiducia dei clienti verso il brand.

2 Monitorare con tool per misurare la brand reputation realizzando una sentiment analysis

La fase di monitoraggio della brand reputation prevede l’utilizzo degli strumenti di monitoraggio online per capire come viene percepita dal pubblico.

E come si fa?

Google Trends è un ottimo strumento per capire i trend del settore e le ricerche correlate ai prodotti o servizi che l’azienda offre.

Google Alerts è utile per ricevere notifiche sulle menzioni del proprio brand.

Ma anche strumenti SEO, come SeoZoom o Semrush, possono aiutare a capire il posizionamento delle keyword e a produrre nuovi contenuti interessanti per la propria target audience (Branded Content Marketing) analizzando e spiando i competitor.

Un altro strumento utile per il monitoraggio della brand reputation è Rankur, una piattaforma che permette di misurare la sentiment analysis dei commenti e delle recensioni sul proprio brand, monitorando l’andamento delle valutazioni e delle opinioni dei clienti.

3 Proteggere la nostra brand reputation

La fase di protezione della brand reputation è quella in cui l’azienda deve prendere le misure necessarie per proteggere la propria reputazione online.

Rispondere alle recensioni negative con professionalità e gentilezza è fondamentale per gestire le situazioni critiche e dimostrare al pubblico che l’azienda è presente e disponibile a risolvere i problemi dei clienti.

Ad esempio, in caso di recensioni non veritiere o ingiuriose, l’azienda può fare richiesta a Trustpilot che procede ad eliminare la recensione se sarà effettivamente ritenuta falsa.

È inoltre importante gestire le eventuali crisi, fornendo un’assistenza capace di soddisfare le esigenze dei clienti e risolvere i problemi in modo efficiente.

Il reparto customer care di Marketers ad esempio è formato in modo tale che, con molta pazienza, ripercorra ogni fase del percorso del cliente, per risalire e risolvere il suo problema.

Ricorda: la presenza e la moderazione dei social media sono fondamentali per proteggere la brand reputation.

In Marketers abbiamo una super squadra di Jedi che si occupa di moderare i commenti all’interno delle nostre community online e il reparto customer care che invece si occupa direttamente delle pagine social di Marketers e di Dario Vignali.

Quello che facciamo infatti è moderare e rispondere ai commenti, invitando poi a contattare l’assistenza clienti tramite i canali ufficiali.

È importante essere presenti sui social media dove sono presenti i tuoi clienti, fornendo contenuti di valore e supporto se necessario, e moderare i commenti per evitare situazioni di conflitto o offese.

4 Migliorare la nostra brand reputation

Nella fase di miglioramento della brand reputation, dopo averne creata una, l’azienda deve concentrarsi sul consolidare e migliorare la propria reputazione online.

Una delle strategie utili per migliorare la brand reputation è quella di collaborare con degli influencer in linea con i propri valori, che possano aiutare a promuovere il brand e a raggiungere un pubblico più ampio.

Ad esempio, un content creator in linea con i valori di Marketers e con cui condividiamo il nostro ecosistema, è lo YouTuber Marcello Ascani.

Ce lo siamo portati anche a Mykonos con noi: Quest’azienda VIAGGIA per il mondo 💻🌴 Marketers

In questa fase, analizzare i competitor può aiutare molto a capire quali sono i loro punti di forza da cui prendere spunto per migliorarsi, ma anche quali sono i loro punti di debolezza che possono essere usati per mostrare il nostro “stato di superiorità” su quel determinato angle.

No, questo non significa che devi parlare male di altre realtà e dire che il tuo brand è il più bello e bravo di tutti…

Questo significa che devi identificare quelle cose che tu oggettivamente fai meglio del competitor X, e differenziarti su questo.

Ma prima di proseguire lascia che ti dia un ultima dritta.

La reputazione di un’azienda non può essere soltanto il risultato di un’efficace storytelling, i consumatori sono sempre più attenti non solo alla qualità dei prodotti ma anche ai marchi etici, in grado di riflettere i propri valori personali.

Ricorda quindi che associare valori universali di etica e sostenibilità con il brand può aiutare a comunicare il proprio impegno nei confronti dei clienti e della società nel suo complesso, ma è importante farlo in modo sincero e autentico, evitando pratiche come il greenwashing che possono danneggiare la brand reputation.

Esempi pratici su come sfruttare Trustpilot per migliorare la brand reputation

Trustpilot è una piattaforma di recensioni online che può essere utilizzata per migliorare la brand reputation dell’azienda e che utilizziamo in Marketers.

È possibile sfruttare Trustpilot in tantissimi modi.

Ad esempio puoi inserire un widget di Trustpilot nel tuo sito, per mostrare le recensioni dei tuoi clienti agli altri utenti, come faccio qui sotto:

Ma lo puoi fare anche per i tuoi social, per l’email marketing e altre forme di annunci.

Con Trustpilot infatti potrai utilizzare gli strumenti messi a disposizione dalla piattaforma per diffondere il grado di fiducia dei clienti verso il brand.

Ad esempio, per il nostro corso Copymastery, abbiamo creato una love page ad hoc, che solitamente utilizziamo nelle email o nelle ads grazie al retargeting.

Brand reputation: usa questo tool per migliorarla (strategie incluse) 1

Ti spiego brevemente.

La love page serve essenzialmente a creare riprova sociale, raccogliendo al suo interno, in un unico posto, tutte le recensioni su un prodotto.

Si tratta di una strategia che puoi usare per convincere persone che stanno ancora valutando il tuo prodotto (gli indecisi) oppure, se magari è una lovepage con recensioni su un personal branding, è una buona idea per posizionarti subito come esperto/esperta.

Ma facciamo qualche esempio pratico in più…

Come sfruttare la brand reputation per migliorare le vendite di e-commerce e siti web

La brand reputation può influire positivamente sulle vendite di e-commerce e altri siti web.

Infatti, come abbiamo già detto, avere una buona reputazione online può aumentare la fiducia dei clienti e la loro propensione all’acquisto.

In Marketers ad esempio, inseriamo il widget di Trustpilot all’interno del checkout dei prodotti, con le recensioni relative a quel determinato prodotto.

recensione prodotti nel checkout

Ma come riusciamo a farlo?

Chiediamo sempre ai nostri clienti una recensione, inviandola in automatico tramite Trustpilot con email, dopo un determinato periodo dall’acquisto del corso.

Questo ci aiuta ad ottenere feedback importanti e veritieri per migliorare la brand reputation e aumentare la fiducia dei clienti; ma anche per migliorare i nostri prodotti!

In questo modo, i potenziali clienti possono leggere le recensioni degli altri clienti e valutare la qualità del prodotto o servizio offerto.

Come Duzzle ha realizzato un +6% di CR impiegando le recensioni nelle strategie di marketing

Duzzle, un’azienda e-commerce di mobili, ha deciso di utilizzare le recensioni dei clienti nelle proprie strategie di marketing per migliorare la brand reputation e aumentare le vendite.

In particolare, Duzzle ha inserito il widget di Trustpilot all’interno delle email di remind legate ai carrelli abbandonati, in modo da fornire ai potenziali clienti una valutazione della qualità del prodotto e aumentare la loro propensione all’acquisto.

Grazie a questa strategia, Duzzle ha ottenuto un aumento del 6% della conversion rate, dimostrando l’efficacia delle recensioni dei clienti nella costruzione della brand reputation e nell’aumento delle vendite.

Anche in Marketers lo facciamo (e ti assicuro che funziona maledettamente bene!)

inviare reminder di recensioni

Come Subito è riuscita a migliorare la brand reputation

Subito, il famoso sito di annunci gratuiti, ha deciso di utilizzare le recensioni dei clienti per migliorare la brand reputation.

In particolare, Subito ha implementato un sistema di valutazione dei venditori, in modo da fornire ai potenziali acquirenti una valutazione della qualità del venditore e aumentare la loro fiducia nell’acquisto.

Inoltre, Subito ha deciso di rispondere alle recensioni negative con gentilezza e professionalità, dimostrando la propria presenza e disponibilità a risolvere i problemi dei clienti.

Grazie a queste strategie, l’azienda è riuscita a migliorare la propria brand reputation e ad aumentare la fiducia dei clienti, dimostrando l’importanza delle recensioni dei clienti nella costruzione della brand reputation.

Questo ha permesso a Subito di distinguersi dalla concorrenza e di affermarsi come uno dei siti di annunci più affidabili e popolari sul mercato.

Conclusioni

Ed eccoci alla fine di questa guida alla brand reputation.

In sintesi, spero di averti fatto capire che la gestione della brand reputation è fondamentale per ogni azienda, indipendentemente dal settore in cui opera.

Questo ti permetterà di costruire, consolidare e migliorare la reputazione della tua azienda e del tuo brand, per posizionarti al meglio nel mercato ed ampliare il tuo business.

Proprio per questo è così importante definire la mission, i valori e il sistema di credenze del tuo brand: devi avere un’idea chiara di chi sei, di cosa vuoi rappresentare e come vuoi essere percepito dalla tua audience.

Vuoi avere successo e accelerare questo processo?

Allora ti consiglio davvero di dare un’occhiata a Copymastery: il corso Marketers in cui Dario Vignali e Andrea Bottoni uniscono tutto il loro sapere e ti sveleranno le nostre strategie per creare community e posizionare il tuo Brand; per vendere idee, servizi e prodotti sul mercato.

Alla prossima!

Rebe

Brand reputation: usa questo tool per migliorarla (strategie incluse) 3
4 8 votes
Recensioni
Subscribe
Notificami
guest
1 Commento
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Renato
Renato
1 mese fa

molto utile Rebe😊

1
0
Would love your thoughts, please comment.x

Accedi a Marketers

Inserisci l'indirizzo e-mail. Riceverai una mail con il link per effettuare il login.

Non hai un account? Iscriviti adesso.

Iscriviti gratuitamente a Marketers o accedi per utilizzare questa funzione. Riceverai anche 20/80, la nostra newsletter con strategie e notizie di marketing e business.

Ricevi una notifica quando tornerà disponibile il Bundle Metodo Marketers

Ricevi una notifica quando tornerà disponibile il Metodo Marketers