wearemarketers
che comodo siracusa

Che Comodo Siracusa: come lanciare una startup di delivery

Tutto parte dal gruppo Marketers Local Sicilia. Gabriele Palazzolo conosce Salvo Scifo e i due iniziano a collaborare a dei progetti comuni.

Gabriele da tempo pensava di lanciare un’app di food delivery per i piccoli comuni della Sicilia e un giorno decide di parlarne a Salvo.

Appoggiandosi a una startup di Roma, decidono di testare il progetto (Che Comodo Siracusa) a Floridia, un piccolo comune in provincia di Siracusa.

A novembre 2021, il quarto mese di lancio, raggiungono 608 ordini e un volume di oltre 10.000€ di transazioni sull’app.

In questo caso studio vedremo come hanno fatto, seguendo gli step del Metodo Marketers.

Il Metodo Marketers è lo schema che usiamo per costruire, validare e scalare progetti imprenditoriali online e che applichiamo su tutti i nostri business e quelli dei nostri clienti.

Si divide in cinque step: Valore, Acquisizione, Community, Conversione, Scalabilità (che sono anche i paragrafi in cui sarà suddiviso l’articolo).

Durante la lettura imparerai:

  • come impostare un funnel di lancio e validazione di una startup;
  • come unire strategie digitali e fisiche per raggiungere diversi pubblici target;
  • come brandizzare un prodotto o un servizio come fortemente locale per aumentare le vendite e generare passaparola.

Ma ora lasciamo la parola a Gabriele.

Ci sei?

Partiamo.

Anni fa, molto prima di lanciare startup e avere una mia agenzia di marketing, non avevo una direzione chiara da intraprendere.

I miei progetti non andavano mai a buon fine. Ero troppo impaziente, mollavo tutto prima di poter raggiungere qualunque risultato.

Ero partito per la Spagna nella speranza di rivoluzionare la mia vita, ma anche quel piano era fallito.

Al ritorno in Italia ho iniziato ad avere attacchi d’ansia. Per diversi mesi l’unica cosa che riuscivo a fare era restare a letto.

Nel tempo ho imparato a combatterli (e ci sto lavorando tutt’oggi).

Il primo passo per sconfiggerli?

Smanettare sul pc. In particolare, scoprire il mondo dell’affiliate marketing, grazie a Dario Vignali e Andrea Bottoni.

Che Comodo Siracusa: la nascita di un progetto di delivery

Finalmente qualcosa sembrava funzionare.

Più tempo passavo a formarmi, meglio mi sentivo (e guadagnavo pure).

Ma sapevo che l’affiliate non mi avrebbe mai dato la sensazione di “azienda” che cercavo. Ho iniziato a investirci sempre di meno, per finanziare quella che nel 2020 è diventata la mia agenzia di marketing.

Sempre nel 2020, tramite il gruppo Facebook Marketers Local Sicilia, ho conosciuto Salvo Scifo, un web developer che ha subito iniziato a collaborare con la mia agenzia.

Parallelamente, dall’inizio del Covid avevo in mente di lanciare un progetto di food delivery per i piccoli comuni della Sicilia.

Un giorno, parlandone con Salvo, ho scoperto che anche lui aveva provato a lanciare qualcosa di simile l’anno prima.

Mi sembrava un’ottima nicchia di mercato in cui potersi inserire: in città i servizi di delivery si fanno la guerra tra loro, ma nei piccoli paesini italiani c’è ancora poco.

Partire completamente da zero però era impossibile.

Non tanto per la creazione dell’app e la sua promozione, ma per il gestionale, che può anche arrivare a costare decine di migliaia di euro.

Il cuore dei servizi di delivery infatti è la logistica.

Non avendo esperienza in quel campo, io e Salvo abbiamo deciso di cercare qualcuno con cui partire in franchising, o che ci potesse dare una licenza per lanciare il servizio.

Da lì abbiamo iniziato a validare diversi servizi, finché non abbiamo trovato Che Comodo.

Come applicare il Metodo Marketers a un’app di delivery

Che Comodo era un nuovo servizio di food delivery stabilitosi a Roma.

Abbiamo parlato con loro e gli abbiamo fatto una proposta: portare il servizio da noi e collaborare come se fossimo in franchising, anche se ci saremmo autogestiti.

Noi potevamo contribuire a livello di marketing. Loro potevano darci il know-how e l’esperienza gestionale necessari per far funzionare un servizio simile.

Il campo d’azione? Floridia, un comune in provincia di Siracusa di circa 23.000 abitanti.

Dopo il loro via libera, eravamo pronti a validare l’idea.

Metodo Marketers: Valore

Fin da subito abbiamo scelto di lavorare sia online che offline.

Il 10 luglio abbiamo fatto partire le prime campagne di hype su Facebook:

ad hype

Dall’altro lato abbiamo fatto delle convenzioni con dei centri sportivi locali, offrendo dei coupon sconto fisici.

Ogni persona che andava ad allenarsi riceveva un coupon sconto da utilizzare sull’app. Ne abbiamo distribuiti qualche centinaio.

Nel mentre avevamo già contattato 7 attività locali (pizzerie e ristoranti di sushi o poke) che erano entrate nella piattaforma.

Ovviamente abbiamo creato anche i profili Instagram e Facebook del servizio.

checomodo profilo instagram

Cos’è successo dopo 2 settimane?

Nulla.

Spingere le persone a fidarsi di un’attività di delivery non è qualcosa che si fa in così poco tempo.

In quella prima fase il nostro compito era quello di educare le persone, al servizio e ai suoi vantaggi (utilizzando tecniche di copywriting educazionale come quelle spiegate in CopyMastery).

L’hype serviva, certo, ma era ancora più importante che le persone imparassero a conoscere l’attività.

In ogni caso, la realtà rimaneva la stessa:

alla fine dell’ultima settimana di luglio il totale degli ordini era ancora a zero.

Metodo Marketers: Acquisizione

Le ads inizialmente portavano direttamente a scaricare l’applicazione.

ad scarica app

Dopo un po’, abbiamo iniziato a promuovere anche le singole attività presenti all’interno della piattaforma (sempre come incentivo a scaricare l’app).

checomodo ad ristorante

A inizio agosto ha iniziato a muoversi qualcosa, anche se non nel modo in cui ci aspettavamo.

Per l’intero mese abbiamo lavorato con le colazioni, nonostante il delivery sia propriamente serale.

C’è da dire una cosa:

di solito non si parte con un servizio di food delivery ad agosto.

La gente è fuori casa, è in vacanza, è distratta, mangia fuori.

Sapevamo che non avremmo raggiunto grandi risultati, ma eravamo consapevoli di una cosa:

quello era il momento perfetto in cui continuare a costruire awareness per il nostro servizio.

I risultati lo confermavano: la gente cliccava, interagiva e ne parlava, anche se non c’era l’acquisto.

Alla fine abbiamo chiuso agosto con 119 ordini e un totale di transazione di 1.741,10€.

 

Numero ordini inizio agosto
Numero ordini totali agosto

Di questo totale, tratteniamo il 25% più IVA, che è il nostro incasso effettivo.

Il delivery ovviamente è un modello di business che genera grandi incassi quando i guadagni sono distribuiti tra più comuni.

In questa fase di validazione, in cui siamo partiti da un solo comune, questi sono comunque buoni risultati, specialmente ad agosto.

Le spese di advertising da luglio a fine agosto sono state di 237€, più il costo dei coupon (in totale circa 500€).

Metodo Marketers: Community

A settembre ci aspettavamo più ordini, ma abbiamo chiuso a 81.

Il dato per noi più interessante e incoraggiante per noi era che le colazioni erano diminuite. Aumentavano invece le consumazioni serali, quindi il carrello medio diventava più alto (e abbiamo comunque chiuso a 1.555,59€ di transazioni).

 

Numero ordini inizio settembre
Numero ordini totali settembre

Ad agosto ci siamo anche accorti che le persone non acquistavano perché non capivano che Che Comodo fosse un servizio specifico per Floridia.

Non comunicavamo alcun senso di Community o di appartenenza a una realtà locale.

Così abbiamo deciso di registrare un video, con lo scopo di risolvere ogni dubbio e specificare che il servizio fosse solo a (e per) Floridia.

Nel video sono ripresi dall’alto la chiesa e la piazza principale di Floridia.

Abbiamo rappresentato il professionista che ha poco tempo e che vuole ordinare un pranzo al volo, la coppia che ordina sushi o il gruppo di amici che vuole mangiare una pizza in compagnia.

Sono scene totalmente familiari, senza alcun inserimento troppo commerciale.

Abbiamo curato molto anche la parte di sound design: nel video si sente lo sfrigolio della pizza che si scalda in forno o la zip del rider che si apre per consegnare l’ordine.

Oltre ad averlo sponsorizzato, il video è stato condiviso centinaia di volte in modo organico, perché parlava all’identità stessa delle persone (come approfondito in CopyMastery)

condivisioni video

Questo video, oltre alla fine della stagione estiva, ci ha dato poi un’enorme spinta per il mese di ottobre e novembre, in cui finalmente tutto il lavoro fatto nei mesi precedenti ha portato ai risultati che speravamo.

Metodo Marketers: Conversione

Come dicevo, ottobre è il mese in cui siamo ufficialmente esplosi. Siamo passati da 81 ordini a 450, con un transato di 6.919,50€.

Numero ordini inizio ottobre
Numero ordini totali ottobre

Tutta l’awareness che abbiamo costruito nei mesi precedenti ha dato i suoi frutti.

Siamo stati molto soddisfatti:

muovere 7.000€ online in un paese di così pochi abitanti significa che le persone si sono davvero abituate al servizio.

A novembre invece abbiamo ottenuto 608 ordini e 10.600,40€ di transazioni.

Numero ordini inizio novembre
Numero totale ordini novembre

Nel mentre abbiamo mantenuto più o meno sempre la stessa tipologia di advertising sui social. La spesa totale in advertising è stata di 2.123,24€.

spesa ad totale

Abbiamo introdotto un bonus di 5€ di sconto sul prossimo acquisto se i rider arrivano in ritardo rispetto al tempo previsto dall’app (per incentivare gli acquisti).

A livello locale crediamo che l’impatto più importante sia stato quello del passaparola, generato anche dopo il video.

Ad oggi molte persone interagiscono sui nostri profili social, in cui (anche per il numero di followers preso in organico grazie alla pubblicità) abbiamo un engagement molto alto.

Sono gli stessi followers a consigliarci nuovi locali o ristoranti da inserire nella piattaforma.

Metodo Marketers: Scalabilità

Lo scoglio più difficile da superare è stato quello iniziale: convincere abbastanza early adopters a scaricare l’app di Che Comodo e iniziare ad utilizzarla di frequente.

Inizialmente nelle ads avevamo targetizzato un pubblico con un range d’età ampio (18-55 anni).

Andando a fondo, chiedendo anche ai rider chi fossero le persone a cui consegnavano, ci siamo accorti che l’età media era proprio quella dei ragazzi.

Così abbiamo deciso di non sprecare più budget su target più adulti e abbiamo ridotto il range d’età a 16-30 anni.

Crediamo anche che poi siano i ragazzi stessi che insegnano ai genitori come utilizzare l’app.

Attualmente abbiamo anche 10.000 volantini in stampa, che distribuiremo in tutta la città.

In generale, da quando siamo partiti ad ora stiamo facendo molti test e imparando lungo il cammino: per raggiungere delle persone con questa tipologia di servizio e a livello locale il digitale non è sempre la risposta più adatta.

Nel nostro caso, abbiamo notato che se avessimo utilizzato una strategia unicamente digitale le persone avrebbero avuto troppa diffidenza verso l’app.

Integrare anche strategie fisiche e cartacee dà alle persone a livello locale una sicurezza in più. Per questo continueremo a seguire una strada ibrida.

Dopotutto, questa per noi è solo la fase d’avvio e validazione del servizio.

Conclusione

Siamo arrivati alla fine.

In questo caso studio abbiamo visto quali strategie hanno usato Gabriele e il suo team per lanciare un servizio di delivery in una realtà locale e muovere 10.000€ di transazioni al quarto mese di validazione del mercato.

Se anche tu vuoi creare un tuo business digitale ma non sai ancora quale sia il modo migliore per farlo, non ti preoccupare.

Puoi scrivere un post sulla nostra Community We Are Marketers. Dentro ci sono quasi 70.000 professionisti del digitale pronti a risponderti.

Se invece vuoi prima continuare a formarti, abbiamo pensato a tre action step che puoi compiere già da ora:

  • Iscriviti a 20/80. 20/80 è la nostra newsletter settimanale gratuita che copre tutte le ultime notizie e novità riguardo ai business online e al digital marketing in 5 minuti. La inviamo ogni sabato alle 10.
  • Dai un’occhiata a CopyMastery, il nostro corso sul copywriting e sul posizionamento aziendale. È perfetto se vuoi imparare a creare un nuovo posizionamento per i tuoi prodotti o fidelizzare i clienti grazie al copywriting educazionale, come ha fatto Gabriele con Che Comodo Siracusa.

Leggi la nostra guida alle Facebook Ads 2021. Troverai tutti i tips e le strategie necessarie per iniziare a creare campagne che convertano davvero.

Accedi a Marketers

Non hai un account? Iscriviti adesso.

Iscriviti gratuitamente a Marketers o accedi per utilizzare questa funzione. Riceverai anche 20/80, la nostra newsletter con strategie e notizie di marketing e business.

Ricevi una notifica quando tornerà disponibile il Bundle Metodo Marketers

Ricevi una notifica quando tornerà disponibile il Metodo Marketers