recensione basecamp

Recensione Basecamp: la tua guida essenziale per il project management

La rivoluzione del digitale ha trasformato per sempre il modo in cui lavoriamo.

In questo periodo storico, la gestione efficace dei progetti è diventata una vera e propria arte. Noi di Marketers sappiamo quanto sia fondamentale avere gli strumenti giusti per coordinare team e progetti, specialmente in un mondo dove l’efficienza e la produttività sono la chiave del successo.

Per non parlare del fatto che siamo un team che lavora al 100% da remoto, il che rende il tutto un po’ più spicy.

A renderci la vita meno complicata ci pensa Basecamp, uno dei software più apprezzati e utilizzati in ambito digital. Una soluzione completa e affidabile per chi lavora o gestisce team da remoto, apprezzata per rendere ogni workflow più fluido e integrato. In fondo, quando si tratta di project management, l’efficacia organizzativa è fondamentale.

Chi sono io per parlartene?

Mattia Bonetti, Project Manager di Marketers. Ogni giorno mi impegno a garantire che i nostri progetti sia digitali (corsi e la community esclusiva di Marketers Pro) sia offline (Marketers World e i Meetup) siano gestiti con precisione, rispettando tempi e budget.

Se sei membro di Marketers Pro, la nostra community premium, avrai seguito la mia Masterclass su strumenti e strategie per digitalizzare un’azienda, e probabilmente avrai anche letto la mia guida sul Gmail Hacking.

In quest’articolo, condividerò con te la mia esperienza diretta con Basecamp, mostrando come questo strumento possa essere un alleato prezioso nel tuo viaggio verso l’eccellenza nella gestione di progetti.

Continua a leggere per scoprire come trasformare la tua gestione del lavoro, rendendo ogni aspetto del project management più fluido, organizzato e, soprattutto, efficace.

Let’s go!

Cos’è Basecamp

Basecamp è molto più di un semplice strumento di gestione progetti.

Immaginalo come un ufficio virtuale, un ambiente dove ogni aspetto della tua attività lavorativa è fedelmente registrata. Un vero e proprio ecosistema digitale che permette di organizzare ogni attività e aggiornare ogni membro del team su ogni workflow.

Questa piattaforma è stata progettata per consentire ai team di gestire progetti, comunicazioni e risorse in modo efficiente e trasparente. L’obiettivo è essere la soluzione perfetta per riunire tutti gli aspetti del project management in un unico software.

Recensione Basecamp - Homepage

Basecamp ti aiuta ad avere una visione completa e aggiornata dei vari progetti in corso, facilitando il coordinamento del team e assicurando che tutti siano sempre sulla stessa pagina.

A chi si rivolge Basecamp

Che tu faccia parte di un piccolo team o di una grande azienda, che sia un freelancer o dipendente, Basecamp è la soluzione ideale per chi cerca un modo per gestire i progetti in modo organizzato, mantenendo tutti i membri del team allineati e aggiornati su ogni progresso.

Per realtà come noi di Marketers, questa piattaforma è particolarmente utile perché aiuta a gestire team distribuiti geograficamente in diversi luoghi.

Praticamente, ti fornisce uno spazio virtuale dove collaborarecomunicare e condividere file in modo rapido. A dirla tutta, Basecamp è efficace anche per i team che lavorano nello stesso ufficio, perché aiuta a migliorare la gestione dei progetti e del tempo, aiutandoti ad evitare meeting superflui.

In termini di settore ideale d’uso per Basecamp, ti direi che si adatta bene a una varietà di ambiti, come marketingsviluppo software, pianificazione eventiconsulenza.

E potrei elencarne altri.

La verità è che non importa quanto sia complesso un lavoro o quanto sia grande il tuo team, Basecamp è una soluzione flessibile, facile da usare e versatile per qualsiasi progetto.

Che tu sia un manager alla ricerca di una soluzione per semplificare la gestione dei progetti, un membro di un team che desidera migliorare la comunicazione, o un libero professionista che ha bisogno di un metodo più organizzato per gestire i suoi incarichi, Basecamp offre tutte le funzionalità necessarie per soddisfare le tue esigenze.

Funzionalità base

Passiamo alla pratica.

Recensione Basecamp - Homepage

Per cominciare ti basterà cliccare su “Pricing + Sign up” in alto a destra, oppure su “Try it for free, enjoy work more”. Verrai reindirizzato alla pagina “Pricing”, dove potrai scegliere uno dei piani a disposizione e provarlo gratis per 30 giorni senza vincoli di alcun tipo. In più, usando il nostro link, potrai beneficiare di un esclusivo sconto del 10%.

Se hai esigenze specifiche, ricorda che è possibile personalizzare un piano, ideale per le piccole realtà che cercano soluzioni su misura.

Per creare un account, dovrai semplicemente lasciare le tue credenziali, una tua e-mail, creare una password e cominciare a sperimentare a pieno le potenzialità di questo software.

E ora che sei dentro…

Possiamo esplorare tutte le funzionalità che fanno di Basecamp la soluzione perfetta per i tuoi progetti. Ti mostrerò come ogni feature di questo programma sia stata progettata per soddisfare qualsiasi esigenza.

In questa sezione, passeremo in rassegna ogni strumento messo a disposizione da Basecamp per renderci la vita più facile e ogni lavoro più chiaro e organizzato.

Partirò dalla spina dorsale dell’intero software, ossia come preparare il tuo team e impostare i “Project”, utilissimi per la creazione, organizzazione e la gestione dei gruppi di lavoro. Ti mostrerò la “Message Board” essenziale per le comunicazioni del team, mantenendo tutti informati e coinvolti nei processi decisionali e di brainstorming.

Per collaborare in tempo reale con tutti i partecipanti ad un progetto, potrai usare “Campfire”, oppure mandare un “Ping” per inviare un messaggio ad una o più persone specifiche.

Ti farò vedere come funzionano le “To-do list”, utilissime per tenere traccia dei compiti e delle scadenze all’interno di un Project. Ti mostrerò come pianificare e visualizzare scadenze importanti tramite la funzionalità “Schedule”. Poi ti insegnerò come si usa “Docs & Files”, un vero e proprio archivio online a disposizione per ogni membro del tuo team.

Valuteremo anche come personalizzare homepage e notifiche, creando un’esperienza su Basecamp che si allinea perfettamente alle tue esigenze, assicurandoti il controllo delle informazioni più rilevanti per te.

Ognuna di queste funzionalità è stata progettata pensando all'utente, con l'obiettivo di rendere la gestione del lavoro efficaceordinata e piacevole.

Andiamo nel dettaglio…

Team

Cosa sarebbe un progetto senza un team?

Prima di spiegarti come impostare un intero workflow e organizzare il tuo spazio di lavoro su Basecamp, ti voglio mostrare come aggiungere nuovi membricreare gruppi, gestire le autorizzazioni di accesso e rimuovere persone dal tuo account con pochi clic. In questo modo, potrai preparare tutti i Project e le To-do list di cui hai bisogno e potrai assegnarle direttamente ai diretti interessati.

Prima informazione utile: per aggiungere qualcuno al tuo account, ti basterà selezionare l'opzione “Add/Remove people or change their access” nella sezione Adminland.

Puoi scegliere tra diverse categorie di persone, come membri del tuo team, collaboratori esterni o clienti. È anche possibile invitare più persone contemporaneamente, e una volta inviati gli inviti, avrai l'opportunità di aggiungerli a vari progetti, decidendo il loro ruolo e livello di partecipazione.

Recensione Basecamp - Add Remove People

Ovviamente, puoi facilmente cambiare le informazioni, i permessi e gli accessi di un membro del team cliccando sui “•••” in corrispondenza del suo nome.

Inoltre, è possibile creare gruppi di persone, permettendoti di menzionare o assegnare compiti contemporaneamente a più membri del team, migliorando l'efficienza della comunicazione e del lavoro di squadra.

Recensione Basecamp - Manage People

Per quanto riguarda l'aggiunta di clienti, dovrai prima invitarli ad unirsi al tuo account, utilizzando il pulsante “Invite people” che si trova nella schermata Home. Una volta che i clienti avranno accettato l'invito, potrai aggiungerli ai tuoi progetti.

Basecamp ti offre anche la flessibilità di scegliere quali task e informazioni rendere visibili ai clienti, permettendoti così di mantenere certe conversazioni e dettagli riservati esclusivamente al tuo team, garantendo privacy e controllo sull'accesso alle informazioni.

Queste funzionalità rendono Basecamp uno strumento estremamente flessibile e adatto a gestire team diversificati, garantendo un controllo preciso sui permessi di accesso e facilitando la collaborazione tra membri del team e clienti.

Progetti

Partiamo da una cosa fondamentale.

Senza Progetti (Project), Basecamp avrebbe davvero poco senso.

Sto parlando del cuore pulsante della piattaforma. Non importa a cosa stai lavorando o con chi lo stai facendo, ogni project ti aiuterà ad organizzare e gestire ogni aspetto del lavoro.

Immagina ogni progetto come un mondo a sé stante fatto di annuncichat con i membri del team, task da fare, scadenze da rispettare, file da condividere e idee da portare alla luce.

Creare un progetto è facilissimo.

Recensione Basecamp - Make a new project

Non c’è neanche bisogno di spiegarlo. “Make a new project” e boom!

Ti basterà dargli un nome, una descrizione e selezionare i tool che vorrai utilizzare. Una volta terminato, potrai decidere se rendere il progetto “Invite-only” oppure “All-Access”.

Recensione Basecamp - Make a new project

Ogni progetto è completamente personalizzabile.

Ad esempio, noi di Marketers utilizziamo i progetti come veri e propri uffici digitali, adattandoli a seconda delle esigenze specifiche che potremmo avere. Questi ambienti digitali funzionano come dipartimenti, dove condividiamo reportidee e procedure che non necessitano di comunicazione con il resto del team.

A parte la funzionalità “ufficio”, usiamo i progetti anche come timeline di sviluppo di progetti specifici, dando precise tempistiche.

All'interno di ogni progetto, avrai a disposizione sezioni che ti aiuteranno a organizzare il tuo lavoro e a rimanere costantemente aggiornato sul suo sviluppo.

Recensione Basecamp - Organize Tools

Non preoccuparti, analizzeremo ogni strumento che Basecamp ci mette a disposizione nei prossimi paragrafi.

Una cosa davvero unica nel vasto panorama dei project management software è che con Basecamp puoi aggiungere più strumenti dello stesso tipo all'interno di un singolo progetto, rendendo la piattaforma estremamente versatile e adattabile a vari tipi di flussi di lavoro.

Immagina di star lavorando ad un progetto e aver bisogno di diverse to-do list per diversi compiti, o magari di più chat che mettano in collegamento i membri del team: Basecamp ti fornisce gli strumenti per farlo.

Infine, sarà semplicissimo invitare nuovi membri al progetto, permettendo di configurare facilmente il team di lavoro e di aggiungere clienti o partner, garantendo che tutti i collaboratori coinvolti abbiano accesso alle informazioni e agli strumenti di cui hanno bisogno.

Recensione Basecamp - Organize tools

Con Basecamp, gestire un progetto diventa un'esperienza organizzata, efficiente e, soprattutto, personalizzata per adattarsi perfettamente alle tue esigenze lavorative.

Message Board

Una componente cruciale per qualsiasi progetto.

La Message Board di Basecamp funziona come un spazio per annunci importanti, presentazione di idee, formulazione di domande e discussioni generali.

È davvero facilissima da usare, per pubblicare un messaggio, basta accedere e cliccare su “+ New message”.

Recensione Basecamp - Message Board

Uno degli aspetti distintivi della Message Board è la possibilità di classificare i messaggi in diverse categorie, rendendo così più facile organizzare e ritrovare le discussioni. Questa categorizzazione è personalizzabile, consentendo una maggiore flessibilità e adattabilità alle esigenze specifiche di ogni progetto.

Recensione Basecamp - Manage People

Se hai dei messaggi importanti che non possono passare in secondo piano, hai la possibilità di fissarli in cima alla Board con la funzione “Pin”. A parte questo, puoi filtrare e ordinare tutti i messaggi per categoria, data di pubblicazione e ultimo commento, a seconda delle esigenze del tuo progetto.

Come vedi nella gif poco sopra, la casella di testo per scrivere i messaggi contiene tutte le classiche opzioni di formattazione del testo, ti permette anche di inserire foto direttamente nei messaggi e allegare file, rendendo tutto reperibile in un paio di clic.

Un'ulteriore funzionalità interessante è che, quando inserisci un link interno a Basecamp (ad esempio task, message board o documenti), il link assume automaticamente il nome dell'oggetto collegato, facilitando il riconoscimento e l'accesso rapido al contenuto desiderato.

Recensione Basecamp - Post notification

Addirittura, Basecamp ti dà la possibilità di programmare i messaggi, il che potrebbe essere utile nel caso in cui dovessi fare degli annunci strategici. E giusto per non farsi mancar niente, puoi facilmente scegliere chi dovrebbe ricevere le notifiche per ciascun post, assicurando che le informazioni giungano solo alle persone giuste.

Recensione Basecamp - Post notification

E nel caso in cui ti renderai conto che la Message Board non sia necessaria per un particolare progetto, potrai facilmente rimuoverla per mantenere l'interfaccia pulita e concentrata sugli strumenti che effettivamente utilizzi con continuità.

Recensione Basecamp - Delete Message Board

Campfire vs Ping

La comunicazione in tempo reale gioca un ruolo fondamentale quando si lavora in team, e per questo Basecamp viene in nostro soccorso con due tool simili, ma con finalità diverse: sto parlando di Campfire e Ping.

Campfire lo trovi tra i tool di progetto ed è utile per sessioni di brainstorming, quando tutto il team deve avere la possibilità di dire la sua e ragionare su un tema specifico. Come ogni feature su Basecamp, è completamente personalizzabile.

Interessante è la possibilità di rinominare i tool: per esempio. Inoltre, all'interno dello stesso progetto, è possibile avere più Campfire, ad esempio uno dedicato all'advertising e un altro al budgeting, per organizzare meglio le discussioni con focus su un tema specifico.

Ping invece è disponibile nella barra degli strumenti in alto ed è l'opzione ideale per inviare messaggi agli altri membri del tuo team. Perfetto per domande o aggiornamenti rapidi.

Recensione Basecamp - Ping

Entrambi questi strumenti di messaggistica danno la possibilità di formattare i messaggi a proprio piacimento e, come tutte le applicazioni di questo genere, permette di usare emoji, inserire immagini, menzionare altre persone con una @ e rispondere direttamente ad un messaggio specifico, così da mantenere il contesto.

Recensione Basecamp - Campfire

Piccola curiosità: Campfire supporta anche i comandi sonori, come /play, per dare un tocco di cringe e simpatia alle tue chat.

Sia Campfire che Ping offrono la possibilità di modificare o eliminare i messaggi dopo l'invio e gestire le notifiche.

Questi due strumenti offrono due modi diversi ma complementari di comunicare. In poche parole, Campfire è la chat room di ogni progetto. Ping, invece, è utile per inviare messaggi diretti tra i membri del team.

Let’s move on…

To-do list

Devi lavorare ad un progetto abbastanza complesso e vuoi tenere traccia dell’intero workflow?

Non c’è strumento migliore che una To-do list per organizzare e gestire i tuoi flussi di lavoro. Anche noi in Marketers utilizziamo questa funzione per suddividere progetti complessi in attività più gestibili, rendendo l’intero processo chiaro e facilmente tracciabile.

Ogni To-do list inizia con un clic sul pulsante “+ New List”, un titolo e una descrizione. Puoi includere note, file, link e persino menzioni, così da dare un valore anche a questo dettaglio. Le liste possono essere basate su modelli preesistenti, ottimo nel caso debba gestire attività ricorrenti.

Recensione Basecamp - To-do list

Ogni task all'interno di una To-do list può essere impostata per avere una deadline, uno o più assegnatari e contenere ogni informazione utile per lo svolgimento di quel compito. Le attività possono avere una data di scadenza singola o un intervallo di date, impostando anche dei promemoria automatici.

In Marketers, ad esempio, le liste To-do sono viste come milestone chiave per raggiungere gli obiettivi di un progetto. Ogni compito è descritto in modo dettagliato per assicurare che anche i nuovi membri del team possano capirlo facilmente. Un punto chiave è l'assegnazione di ogni attività a un responsabile, garantendo chiarezza sulla responsabilità e sul completamento.

Ricorda: non è necessario ultra-frammentare ogni workflow, ciò di cui hai bisogno è una lista di compiti da portare a termine in un certo ordine. Se utilizzate correttamente, le To-do list possono migliorare significativamente l'organizzazione e l'efficienza di un progetto.

Schedule

Come avere un calendario che mi permetta di avere una panoramica delle varie deadline e compiti da svolgere in un progetto?

Ecco che Basecamp ti offre la soluzione con “Schedule”, un nome già di per sé abbastanza esplicativo. Si tratta di uno strumento essenziale per tenere traccia di To-do con scadenza ed eventi imminenti, sia a livello di progetto che personale.

Iniziare ad aggiungere eventi è semplice: ti basterà cliccare sul tool, selezionare una data e cliccare su “+ New event”. La durata degli eventi può essere di un giorno, di più giorni, ricorrenti, oppure avere orari specifici. Potrai selezionare i membri del team coinvolti e decidere chi deve essere notificato automaticamente.

Recensione Basecamp - Schedule

Una caratteristica particolarmente utile è la possibilità di sincronizzare il tuo Schedule di Basecamp con calendari esterni come Google CalendarOutlook o Apple Calendar. Questo ti permette di mantenere tutti i tuoi impegni facilmente accessibili da qualsiasi dispositivo.

Recensione Basecamp - Sincronizza

In Marketers, utilizziamo Schedule praticamente come un calendario condiviso, assicurando che tutte le risorse coinvolte nel progetto siano sempre aggiornate sugli eventi e le scadenze importanti.

L’unico possibile difetto di questo tool è che cambiare la visualizzazione dello Schedule influisce su tutti i membri del progetto, il che potrebbe non essere ideale in tutti i contesti di lavoro.

In breve, Schedule è uno strumento potente e flessibile che, se utilizzato correttamente, può migliorare significativamente ad avere una panoramica di task, eventi e deadline in un’unica interfaccia.

Docs & Files

Abbiamo visto come il tuo team avrà tutto sotto controllo nella creazione, organizzazione e svolgimento di ogni task grazie a tool come ProjectMessage BoardTo-do listSchedule e Campfire. Adesso vediamo dove e come salvare tutti i documenti relativi ai progetti che gestisci con Basecamp.

Docs and Files” è un vero e proprio archivio digitale per organizzare materiali di riferimento, file condivisi e documenti importanti di un progetto.

Recensione Basecamp - Docs and Files

I file possono essere ordinati come meglio credi, e puoi addirittura colorarli o inserirli in cartelle specifiche per una navigazione facile e intuitiva. Per caricare un file, ti basterà trascinarlo e rilasciarlo nella pagina Basecamp dove vuoi caricarlo.

Un’ottima funzionalità è quella che permette di aggiornare facilmente i file con nuove versioni, mantenendo una cronologia di tutte le versioni precedenti. Ottimo nel caso in cui c’è bisogno di fare qualche revisione o attività di quality assurance.

In Marketers, utilizziamo “Docs and Files” principalmente come un archivio per documenti e come punto di accesso per cartelle di progetto su Google Drive, dato che si integra perfettamente con Basecamp.

Questo ci permette di gestire documenti di testopresentazioni fogli di calcolo in modo più efficace, rendendo questo tool una scorciatoia utilissima per avere tutti i file di un progetto a portata di mano. Dato che i file caricati possono risultare piuttosto pesanti, ti suggerisco vivamente di valutare una soluzione in cloud alternativa come quella che usiamo nel nostro team.

Personalizzazione homepage e notifiche

Lo sappiamo bene.

Ogni persona ha il proprio stile di lavoro, il suo personale concetto di organizzazione e il suo modo di fare le cose. Come già sottolineato più volte, Basecamp vuole venire incontro alle esigenze di ogni utente dando la possibilità di creare un'esperienza su misura, aumentando l'efficienza e la praticità dell'uso quotidiano della piattaforma.

Prendiamo come esempio la Homepage. Ecco quello che vedo ogni volta che entro su Basecamp:

Recensione Basecamp - Project Manager

Recensione Basecamp - Project Manager

Recensione Basecamp - Project Manager

Praticamente mi basta una sola schermata per sapere esattamente quali sono le prossime deadline (To-do list) cosa devo fare (Your schedule), quali sono i miei compiti da svolgere (Your assignments), quali sono i progetti ai quali sto lavorando (Recently visited) e i progetti che devo avere sempre a portata di mano (Pinned).

Per rendere il tutto ancora più semplice e personalizzabile, puoi fare tantissime cose già a partire da questa pagina:

  • Logo: puoi aggiungere il logo della tua azienda;
  • Creazione e gestione di progetti: puoi creare nuovi progetti direttamente dall'homepage, con la possibilità di archiviarli, eliminarli, rinominarli o fissarli in alto;
  • Visualizzazione calendario e assegnazioni: con “Your Schedule” e “Your Assignments” puoi scegliere le tue modalità preferite per visualizzare i tuoi compiti;
  • Visualizzazione di tutti i progetti: con la funzione directory (“Jump menu”) o con il pulsante “Find” puoi cercare qualsiasi progetto, persona o pagina.

Un altro elemento di valore che può aiutare te e la tua sanità mentale in momenti pieni di cose da fare è la gestione delle notifiche. Con Basecamp puoi gestirle in diversi modi a seconda delle tue esigenze:

  • Impostazioni base: ti basterà cliccare su Hey! per controllare tutte le novità che ti riguardano nei vari progetti a cui partecipi;
  • Tipi di notifiche: puoi decidere se ricevere notifiche push, tramite email, popup nel browser o desktop, o via app su dispositivi mobili;
  • Work Can Wait: vuoi ricevere notifiche solo in intervalli di tempo specifici? Questa è la funzione che fa per te;
  • Personalizzazione delle notifiche: hai la possibilità di scegliere se ricevere notifiche solo se qualcuno ti contatta via Ping o @mentions.

Recensione Basecamp - Notification

L’obiettivo principale è quello di ridurre il sovraccarico di informazioni, e grazie alla personalizzazione di homepage e notifiche potrai concentrarti sul tuo lavoro e dedicare dei momenti specifici della giornata agli aggiornamenti.

Configurare tutto è davvero semplice, e il consiglio che mi sento di dare è solo uno: personalizza per semplificare e sperimenta la soluzione che più ti si addice.

E così termina la prima sezione di questo articolo dove abbiamo passato in rassegna le funzionalità base di Basecamp. Facendo un rapido recap, abbiamo visto come Basecamp sia basato sui Project, che fungono da inglobatori di interi workflow.

Grazie ai tool a disposizione quali Message BoardTo-do listCampfirePingSchedule e Docs & Files, avrai a disposizione tutto quello di cui hai bisogno per preparare e organizzare il tuo team, tenendo sotto controllo tutto il processo di lavoro.

Se vuoi approfondire ulteriormente le tue conoscenze su project management e digital marketing, ti suggerisco di entrare in Marketers Pro, la nostra community premium, dove potrai accedere a corsi avanzati e risorse esclusive. Dallo sviluppo di competenze in WordPress e SEO, fino a come apprendere nuove tecniche di Lead generation, Marketers Pro ti fornisce gli strumenti per sfruttare al massimo le tue strategie digitali.

Ma andiamo avanti…

Funzionalità avanzate di Basecamp

Ora facciamo sul serio.

Basecamp offre strumenti potenti e innovativi per migliorare la gestione dei progetti e la collaborazione del team. Questi strumenti sono progettati per aggiungere livelli di efficienza e trasparenza al lavoro di squadra e rendere l’esperienza con un software di project management ancora più completa, andando a coprire qualsiasi aspetto della gestione di un progetto.

Andremo ad analizzare quattro tool in particolare:

  • Automatic check-Ins: funzione che permette di porre domande ricorrenti al tuo team, raccogliendo le risposte in un unico luogo. Tutti nel progetto possono vedere le risposte, facilitando l'aggiornamento del team e migliorando la conoscenza reciproca tra i membri;
  • Card Table: ispirato al metodo Kanban, è il luogo ideale per gestire richieste e attività ogni volta che hai bisogno di un metodo più visuale per organizzare il flusso di lavoro del tuo team;
  • Door: nome enigmatico che sta a rappresentare la possibilità di aprire un collegamento diretto ad app come GitHubSlackZoom e altri, fornendo un accesso rapido e semplice ai servizi esterni che il tuo team utilizza regolarmente;
  • Hill Chart: per gli amanti dei grafici, questo strumento offre una visualizzazione immediata dello stato di avanzamento dei progetti, aiutando a identificare incognite e ostacoli, permettendo di intervenire tempestivamente per risolvere eventuali problemi.

Se usati con cognizione di causa, questi tool migliorano non solo la gestione, ma offrono tantissimi insight dei progetti. Che tu stia cercando di ottimizzare il flusso di lavoro o di ottenere una comprensione più profonda delle dinamiche del tuo progetto, questi strumenti avanzati sono progettati per aiutarti a raggiungere obiettivi importanti.

Scopriamoli insieme.

Check-in automatici

Gli “Automatic Check-Ins” di Basecamp sono uno strumento efficace per rafforzare la comunicazione all’interno del tuo team. Questa funzionalità permette di porre domande ricorrenti e raccogliere tutte le risposte in un unico posto.

Puoi impostare check-in automatici affinché vengano inviati giornalmente, settimanalmente o mensilmente. Tutti nel progetto possono vedere le risposte, favorendo la trasparenza e la condivisione delle informazioni. Inoltre, puoi impostare domande specifiche, scegliere a chi chiederle e decidere la frequenza e l'orario di invio.

Ma perché usare i check in automatici?

La verità è che possono essere utilizzati per una varietà di scopi, come ad esempio sapere a cosa sta lavorando ciascun membro del team, condividere report, oppure scambiarsi suggerimenti su determinate task.

Per impostare un check-in automatico, vai alla scheda “Automatic Check-ins” nel progetto e seleziona “Set up an automatic check-in”, così da poter formulare il tuo quesito e configurare le impostazioni.

Recensione Basecamp - Automatic Check ins

Per quanto riguarda la loro gestione, puoi modificare, mettere in pausa o eliminare un check-in automatico in qualsiasi momento accedendo al menù “•••” in alto a destra dello stesso. Puoi anche decidere di disiscriverti da un check-in nel caso in cui tu non voglia partecipare o vedere le risposte degli altri.

Dalla mia esperienza con Basecamp, consiglio vivamente di variare tempi e date dei check-in, così da non sovraccaricare i membri del team. Crearne troppi potrebbe causare confusione, in quanto si andrebbero a sommare alle task che sono già presenti nel calendario di ogni membro del team.

Che si tratti di aggiornamenti di lavoro o di domande più leggere per favorire il team building, i check-in automatici sono un modo semplice ed efficace per migliorare la comunicazione all'interno del team.

Card Table

Hai presente il metodo Kanban?

Se hai già avuto a che fare con il project management, avrai sicuramente sentito questo concetto. Si tratta di una tecnica di gestione del lavoro focalizzata sulla visualizzazione del flusso di lavoro, in cui i compiti sono rappresentati su un tabellone e spostati attraverso varie fasi di completamento. Questo sistema è usato per ottimizzare processi e aumentare l'efficienza, evidenziando priorità e progressi in tempo reale.

Card Table” è una rivisitazione di questo metodo, ed è progettato per offrire un modo visivo ed efficace per gestire il lavoro di squadra.

Di default, Card Table non è attivo nei nuovi progetti. Per abilitarlo, ti basterà andare al menu “•••” in alto a destra della pagina e selezionare “Set up Tools”.

 

Recensione Basecamp - Card Table

Clicca su “+ Add a card” per iniziare. Puoi assegnare una card a una persona specifica del progetto, aggiungere una data di scadenza e scrivere una descrizione. Le card possono anche essere aggiunte direttamente in una colonna specifica.

È possibile suddividere una card in passaggi gestibili, assegnando ciascuno step e impostando date di scadenza. Questo aggiunge dettagli al lavoro e facilita il tracciamento dei progressi.

Ogni card può essere spostata in nuove colonne trascinandola o utilizzando il menu. Se desideri tenere traccia del lavoro del tuo team, puoi scegliere di osservare una colonna per ricevere notifiche quando vengono aggiunte nuove card.

Recensione Basecamp - Card Table

Puoi personalizzare il tuo aggiungendo, rinominando, archiviando o eliminando colonne. Le colonne di default includono “Triage”, “Figuring it Out”, “In Progress” e “Done”. Per aggiungere una nuova colonna, ti basterà cliccare sul “+” a destra delle colonne esistenti. Allo stesso modo, puoi archiviare o cestinare le colonne che non sono più utili per il tuo progetto.

 

Card Table offre una soluzione super intuitiva per gestire in modo più visuale ogni task, rendendola ideale per progetti che richiedono un approccio reattivo e dettagliato.

Door

Se anche tu non riesci a fare a meno delle tue app preferite, la funzione “Door” di Basecamp ti farà stampare un bel sorriso sul volto. Si tratta di un metodo innovativo per integrare servizi esterni direttamente nei tuoi progetti, agendo da collegamento diretto a app esterne come GitHubSlackZoom e molte altre.

Per aggiungere una Door al tuo progetto, vai al menu “•••” in alto a destra della pagina del progetto e seleziona “Set up tools”. In alto troverai l'opzione “Open a Door to an external service like GitHub, Slack, Trello, etc…” per scegliere il servizio esterno da aggiungere.

Recensione Basecamp - Door

Ogni Door può essere personalizzata con un titolo, una descrizione e un'immagine personalizzata, rendendola facilmente riconoscibile per il team. Potrai accedervi direttamente dall'interfaccia di Basecamp, risparmiando tempo e semplificando i flussi di lavoro. Se cambi servizio esterno o non hai più bisogno di una Door, potrai facilmente modificarla o rimuoverla dal progetto.

Giusto per darti un’idea della quantità di app che puoi integrare in Basecamp, eccoti uno screenshot:

Recensione Basecamp - Door

Hill Chart

Tornando agli strumenti che prediligono la visualità, l’ultimo tool da menzionare e che potrebbe dare una mano ai tuoi progetti sono le Hill Chart.

A differenza delle tradizionali liste di compiti, le Hill Chart rappresentano due fasi principali di un lavoro: una fase “uphill” nella quale si esplorano soluzioni e si affrontano incognite, e una fase “downhill” dove il percorso è chiaro e l'esecuzione è più prevedibile.

Recensione Basecamp - Hill Chart

Gli aggiornamenti sulle Hill Chart sono manuali. Ti basterà muovere i punti sul grafico per rappresentare al meglio lo stato attuale del lavoro, aggiungendo note se necessario per fornire contesto.

Puoi tracciare specifiche To-do list sulle Hill Chart, permettendo di rappresentare visivamente il progresso di compiti specifici all'interno del progetto. È anche possibile rivedere tutti gli aggiornamenti delle Hill Chart nel tempo, offrendo una panoramica dello sviluppo e dei cambiamenti nel progetto.

Le Hill Chart forniscono una comprensione immediata di dove il progetto sta incontrando ostacoli e dove sta procedendo senza intoppi. Sono una potente aggiunta agli strumenti di gestione progetti, offrendo una visione dinamica e interattiva dei progressi che va oltre la semplice lista di compiti da spuntare.

Questi grafici aiutano i team a visualizzare e comunicare efficacemente lo status di un lavoro, soprattutto nelle fasi di risoluzione dei problemi e di incertezza.

Integrazioni

Basecamp si distingue per la sua capacità di integrarsi in modo fluido con una varietà di strumenti e servizi esterni, come abbiamo visto con la funzione “Door”. La sua versatilità lo rende una soluzione in grado di rispondere a diverse esigenze aziendali e di progetto mettendo a disposizione un gran numero di funzionalità extra.

Non a caso, Basecamp si integra perfettamente con vari sistemi operativi e dispositivi, offrendo app sia per mobile che per desktop. Questo assicura che tu possa rimanere connesso e produttivo, indipendentemente da dove ti trovi o da quale dispositivo stia utilizzando.

La piattaforma è progettata per facilitare la creazione di report e la pianificazione di interi processi, permettendo ai team di tracciare i progressi e pianificare in modo efficiente i loro progetti.

Tra le altre funzioni, Basecamp supporta lo sviluppo software attraverso strumenti come Chatbot e Webhooks API, che offrono ulteriori livelli di personalizzazione e automazione.

E nel caso in cui avessi qualsiasi dubbio, il customer service è estremamente reattivo e disponibile, assicurando che qualsiasi domanda o problema venga affrontato tempestivamente.

Le integrazioni di Basecamp non sono solo un accessorio, ma una componente chiave che rende la piattaforma così dannatamente potente e capace di offrire gli strumenti e le funzionalità per rendere ogni processo quanto più fluido e integrato possibile.

App mobile e desktop

Che tu lavori da DesktopMacAndroid iOS, Basecamp ti assicura una completa compatibilità con qualsiasi dispositivo, permettendoti di seguire ogni progetto in tempo reale.

Sia su Android che su iOS, gli utenti possono accedere facilmente a funzioni chiave come la schermata HomeHey!Latest ActivityMy StuffFind e Notifications.

Anche gli utenti desktop hanno a disposizione app specifiche, disponibili sia per Windows che per Mac. Queste versioni offrono notifiche integrate, facilità di accesso e funzionalità di copia di URL e link direttamente dall'app.

Ma quali sono le differenze tra le varie piattaforme?

  • Interfaccia utente: mentre le app mobile per Android e iOS sono progettate per essere intuitivamente navigabili su schermi più piccoli, le app desktop per Windows e Mac offrono un'esperienza più dettagliata e adatta agli schermi più grandi;
  • Funzionalità specifiche: alcune funzionalità sono esclusive o ottimizzate per certe piattaforme. Ad esempio, iOS supporta Siri Shortcuts e sketching, mentre Android offre widget personalizzabili e supporto per Android Wear.

Basecamp ha costruito un ecosistema di app che assicura agli utenti di avere sempre a portata di mano gli strumenti di cui hanno bisogno, indipendentemente dalla piattaforma che preferiscono o da dove stianolavorando. Questo la natura adattabile di Basecamp come soluzione di gestione progetti, rendendolo uno strumento ideale per team e individui in vari contesti lavorativi.

Fatturazione, tracking e accounting

Un aspetto fondamentale per ogni azienda o libero professionista è la capacità di gestire efficacemente fatturazione e contabilità per ogni servizio di cui usufruisce. Basecamp offre una serie di strumenti e funzioni per semplificare questi processi essenziali.

Tramite la sezione “Handle billing, invoices, plans, and add-ons” in Adminland, gli utenti possono gestire tutto ciò che riguarda questioni di fatturazione. Questo include l'aggiornamento delle informazioni sulla carta di credito, la gestione dei pagamenti forfettari e la personalizzazione delle ricevute.

Recensione Basecamp - Billing

Gli “owner” possono cambiare facilmente l'indirizzo e-mail a cui vengono inviate le fatture o personalizzare le stesse per soddisfare le esigenze specifiche dell'azienda.

Per la contabilità di fine anno o per la revisione delle spese, invece, è possibile accedere ad ogni informazione relativa ai pagamenti e scaricare tutte le fatture passate direttamente dal proprio account, facilitando le operazione di reportistica.

Se ti stai chiedendo cosa siano i pagamenti forfettari (“Lump sum payment”), sono una funzione specifica che dà la possibilità di pagare seguendo delle tempistiche personalizzate create dall’utente, permettendo una maggiore flessibilità nella gestione dei costi.

Nel caso di account congelati o per richieste di rimborso, il team di supporto di Basecamp è a disposizione per assistere gli utenti e risolvere qualsiasi problematica.

Offrendo strumenti intuitivi e centralizzati per tenere traccia delle proprie spese di gestione del software, Basecamp si dimostra ancora una volta uno strumento versatile, adatto a soddisfare le esigenze complesse di aziende e team di ogni dimensione.

Report e planning

Nel mondo del project management, la capacità di creare report dettagliati e pianificare attività è fondamentale. Basecamp offre strumenti integrati che aiutano i team a rimanere organizzati e informati sullo stato di ogni progetto.

Cliccando su “Activity” nella schermata principale, puoi accedere a una panoramica completa delle attività del team. È possibile filtrare le attività recenti per progetto o persona, offrendo una visione mirata e specifica delle prestazioni del team o dei singoli membri. Per salvare, ti basterà utilizzare l’opzione “Stampa” del tuo browser e successivamente salvare il file come PDF.

Recensione Basecamp - Reporting

I report di Basecamp possono mostrare tutte le attività e le assegnazioni specifiche di un membro del team, fornendo una visione chiara della loro produttività e del carico di lavoro. Ogni utente può visualizzare facilmente gli eventi e i to-do programmati, avendo così una panoramica delle scadenze e degli impegni futuri.

Sono funzionalità come queste che rendono Basecamp uno strumento indispensabile per la gestione efficiente trasparente dei progetti. Se sei interessato ad usufruire di questi servizi, non lasciarti sfuggire l’occasione per uno sconto esclusivo usando questo link.

Sviluppo software

Basecamp, tra le tante feature a sua disposizione, offre funzionalità avanzate come Chatbot e Webhook, che consentono integrazioni con altri strumenti e servizi, rendendolo un ambiente di lavoro completo e versatile.

chatbot possono essere sia interattivi, rispondendo a comandi o richieste specifiche, sia automatizzati, ossia postando aggiornamenti indipendentemente. Ogni utente può anche aggiungere i propri chatbot personalizzati, fornendo un ampio spazio per l'adattamento a specifiche esigenze di progetto.

Per gli sviluppatori che desiderano creare chatbot personalizzati, Basecamp fornisce una guida API dettagliata, disponibile su Github.

Recensione Basecamp - Chatbot

Per quanto riguarda i webhook, essi consentono di notificare le applicazioni esterne quando avviene un qualche tipo di evento (commenti, risposte, upload di documenti, messaggi, aggiunta di una task in una To-do list), offrendo un flusso di lavoro più reattivo. Ogni webhook richiede un URL di payload HTTPS e possono essere configurati per una varietà di tipi di eventi, garantendo grande flessibilità.

Come per i chatbot, Basecamp offre una guida dettagliata per i webhook direttamente su Github.

Recensione Basecamp - Webhook

Per i più smanettoni, queste funzionalità avanzate offrono soluzioni potentissime per lo sviluppo software. L’integrazione di Github con lo stesso Basecamp rende quest’applicazione una scelta ideale per i team di sviluppo software.

Customer service

Basecamp si pone in prima linea nell'integrazione di soluzioni di customer care, dimostrandosi uno strumento versatile e indispensabile per la gestione delle interazioni con i clienti.

Ecco una lista di integrazioni extra specifiche per l’attenzione al cliente:

  • Akita, che permette di monitorare lo stato dei progetti Basecamp attraverso una piattaforma avanzata di Customer Success Management;
  • Doorbell.io trasforma il feedback dei clienti in discussioni e To-do all'interno di Basecamp, facilitando la raccolta e l'organizzazione delle opinioni dei clienti;
  • Enchant e Helpwise offrono notifiche automatiche all'interno delle chat di Basecamp a partire dalle comunicazioni con i clienti, gestite attraverso caselle di posta condivise omnicanale, garantendo un flusso di lavoro più integrato e coerente;
  • SupportBee trasforma le email di supporto clienti in discussioni e To-do in Basecamp, assicurando che ogni richiesta del cliente venga tracciata e gestita efficacemente.

Queste integrazioni rendono Basecamp uno strumento ancora più potente nel settore del customer service, aiutando i suoi utenti a rispondere rapidamente e in modo organizzato agli input dei clienti.

Pricing

Basecamp offre due piani di pricing semplici e trasparenti, entrambi con una prova gratuita di 30 giorni e senza la necessità di fornire i dati di una carta di credito.

Recensione Basecamp - Pricing

Il piano base ha le seguenti caratteristiche:

  • Ideale per: Freelancer, startup o piccoli team;
  • Spazio di Archiviazione: 500 GB per file e documenti;
  • Fatturazione: Mensile;
  • Costo: $15 al mese.

Nota Importante: Vengono fatturati solo i dipendenti, mentre gli ospiti possono essere invitati gratuitamente senza limiti.

Il secondo piano, invece, è chiamato PRO UNLIMITED, ed ha le seguenti caratteristiche premium:

  • Ideale per: Grandi team, aziende in crescita;
  • Caratteristiche Extra:
    • Tour di onboarding 1:1 con il team di Basecamp;
    • Spazio di archiviazione di 5 TB;
    • Opzione di pagamento annuale tramite assegno;
    • Supporto prioritario 24/7/365;
    •  Admin Pro Pack.
  • Fatturazione: Annuale;
  • Costo: $299 al mese per utenti illimitati, fatturato annualmente. In alternativa, $349 al mese per il pagamento mensile.

Basecamp dispone anche di offerte speciali per start-up, piccole aziende, non-profit e istituzioni educative.

La sua politica di cancellazione è senza rischi, senza vincoli a lungo termine, fornendo un'esperienza utente semplice, diretta e giusta, con un'offerta di pricing che si adatta a diverse esigenze e dimensioni dell'organizzazione.

Se hai intenzione di acquistare Basecamp, puoi usufruire di uno sconto sull’abbonamento utilizzando questo link.

Supporto

Il servizio clienti per Basecamp è una priorità assoluta.

Che si tratti di domande pre-vendita, di supporto per clienti esistenti o di altre richieste, il team di Basecamp è sempre pronto ad assistere con cortesia e competenza.

Il customer service di Basecamp è noto per la sua reattività, mirando a fornire risposte entro poche ore dall’invio di una richiesta di assistenza. Indipendentemente dalla natura del problema, gli esperti di Basecamp sono sempre disponibili per fornire assistenza personalizzata.

Recensione Basecamp - Customer Service

Per coloro che preferiscono l'autonomia, Basecamp offre una vasta gamma di tutorial e guide dettagliate, consentendo agli utenti di risolvere i propri dubbi. Queste risorse sono facilmente accessibili e coprono un'ampia gamma di argomenti, rendendo semplice trovare risposte a domande comuni o imparare a utilizzare nuove funzionalità.

Basecamp si impegna costantemente a migliorare le sue risorse di supporto, garantendo che siano sempre aggiornate e pertinenti alle esigenze degli utenti.

Learning

Basecamp non si limita solo a fornire un potente strumento di gestione dei progetti, ma si impegna anche a garantire che i suoi utenti siano completamente equipaggiati per sfruttare al meglio tutte le sue funzionalità.

Questo impegno si traduce nella sezione Learn, dove gli utenti possono trovare una vasta gamma di risorse educative per approfondire la propria conoscenza del software.

Questa sezione è divisa in tre macrocategorie, le quali rappresentano anche il livello di conoscenza della piattaforma stessa. Ogni categoria punta a risolvere ogni dubbio che un utente possa avere, indipendentemente dalla sua esperienza con Basecamp.

Le tre sezioni sono:

  • Basecamp basics, che tratta di funzionalità base come impostare la propria homepage, avviare un progetto, invitare persone o gestire notifiche;
  • Beyond the basics, dove si possono trovare approfondimenti su come gestire To-do list, lavorare con clienti, strumenti di comunicazione e personalizzazione progetti;
  • Quick tips, utilissimo per scoprire piccoli accorgimenti che renderanno la tua esperienza su Basecamp molto più produttiva.

Inoltre, Basecamp pubblica regolarmente articoli che offrono consigli pratici su gestione progetti, remote working, marketing e altri argomenti affini.

Oltre a creare software, il team di Basecamp condivide la propria esperienza anche attraverso la pubblicazione di libri. Questi testi offrono consigli pratici basati sulle esperienze reali di gestione dell'azienda, fornendo una prospettiva unica e approfondita che non si trova altrove.

Se vorrai scavare ancora più a fondo, ti consiglio anche di fare un salto sul canale Youtube di 37signals, l’azienda che lavora dietro le quinte nello sviluppo di questo software.

Tra video, articoli e libri, Basecamp sa bene come formare i propri utenti e come fornire loro ogni risorsa utile per poter sfruttare il software al meglio, crescere e sviluppare il proprio business.

Conclusione

Tiriamo le somme.

Basecamp si dimostra un software di project management estremamente efficace, con una facilità d’uso che lo rende intuitivo e immediato per tutti. La facilità con cui funzioni e operatività possono essere spiegate ai nuovi utenti è uno dei suoi punti di forza principali.

Per quanto riguarda lo sviluppo, Basecamp non smette mai di stupire, basta dare un’occhiata alla pagina New dove pubblica costantemente aggiornamenti ed informazioni sulle nuove funzionalità che implementano a scadenze regolari.

Siamo di fronte ad una piattaforma in continua evoluzione e che risponde sempre meglio alle esigenze del mondo del lavoro. Questo dinamismo rende Basecamp uno strumento sempre al passo con i tempi, offrendo soluzioni innovative e utili per ogni project manager.

In termini di gestione progetti e collaborazione, Basecamp ha il grande pro di non avere limiti sul numero di progetti che possono essere creati, consentendo di coinvolgere facilmente i clienti nei progetti e offrendo la possibilità di gestirne la visibilità e l'accesso. Inoltre, la possibilità di creare dei template di progetto aiuta tantissimo a velocizzare la creazione di nuovi lavori.

Tuttavia, come ogni strumento, anche Basecamp presenta alcune limitazioni. La più grande di tutte è la lingua: attualmente il software è disponibile solo in inglese, il che potrebbe rappresentare una barriera per alcuni utenti non anglofoni. E a dirla tutta, sebbene funzionali, servizi come Campfire e Ping non sono tanto efficaci quanto i loro diretti competitor, come ad esempio Slack.

In definitiva, Basecamp emerge come una soluzione di project management potente e versatile, ideale per un'ampia varietà di contesti lavorativi. Il suo approccio user-friendly, unito a una costante evoluzione e a una robusta serie di funzionalità, lo rende uno strumento di valore per qualsiasi team o professionista alla ricerca di un modo efficiente per gestire progetti e collaborazioni, e ha saputo conquistare anche noi di Marketers.

Ti auguro di sperimentare la sua potenza e la semplicità, e di divertirti nel trovare nuovi modi per migliorare la gestione dei tuoi progetti e del tuo team. Basecamp non è solo uno strumento, è un compagno di lavoro che rende ogni sfida un'opportunità di crescita e innovazione. Se vorrai utilizzarlo, non dimenticarti che hai a disposizione uno sconto esclusivo usando questo link.

Prima di lasciarti, vorrei sottolineare l'importanza di investire nella tua formazione per massimizzare il tuo successo. Con questo in mente, ti incoraggio ad iscriverti a Marketers Pro.

L'iscrizione ti offre una serie di benefit esclusivi: oltre all'accesso alla community privata di creativi, marketer e imprenditori digitali, otterrai contenuti formativi, masterclass di approfondimento e molto altro. Avrai accesso a corsi professionali progettati per aiutarti a crescere nel mercato digitale, la possibilità di interagire con membri della Marketers family e molte altre opportunità di formazione networking.

Avrai inoltre l'opportunità di confrontarti direttamente con i nostri docenti, che possono condividere le loro conoscenze e rispondere alle tue domande specifiche.

See you on the other side!

3 1 vote
Recensioni
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x

Iscriviti gratuitamente a Marketers o accedi per utilizzare questa funzione. Riceverai anche 20/80, la nostra newsletter con strategie e notizie di marketing e business.

Ricevi una notifica quando tornerà disponibile il Bundle Metodo Marketers

Ricevi una notifica quando tornerà disponibile il Metodo Marketers