come scrivere una lettera di presentazione

Scrivere una lettera di presentazione: come e cosa scrivere per farti scegliere dalle aziende

In questo articolo ti spieghiamo come scrivere una lettera di presentazione perfetta ed efficace, sia per rispondere ad un annuncio di lavoro che ti interessa, sia per una candidatura spontanea all’azienda dei tuoi sogni.

Può sembrare una banalità, ma spesso non viene data la giusta importanza alla lettera di presentazione, e questo può fare davvero la differenza.

Capita infatti che, un’azienda, scelga un candidato non solo in base al curriculum o portfolio, ma proprio in base alla lettera di presentazione.

Succede anche a noi.

Noi siamo Marketers, un gruppo di aziende che si occupa di accelerare il business digitale di imprenditori, personal brand e celebrity.

Lavoriamo infatti con imprenditori digitali come Giulia Calcaterra, Denise Dellagiacoma, La Tua Nutrizionista, e tanti altri…

Marketers World 2019

Siamo anche la più grande community italiana per imprenditori, aziende e giovani rivoluzionari che vogliono creare e scalare il proprio business online.

Nella nostra Job Board infatti, o nelle candidature spontanee che ci arrivano tramite mail, leggiamo centinaia di lettere di presentazione, e davvero poche sono efficaci.

Poche lettere raccontano davvero una storia, i risultati ottenuti e quali benefici apporterai alla nostra azienda.

Per questo abbiamo deciso di aiutarti.

In questa guida andremo quindi a vedere come scrivere al meglio una cover letter davvero efficace, per farti ottenere quel posto di lavoro a cui ambisci.

Pronto?

Si parte!

Entra in PRO

Iscriviti Gratuitamente per 7 giorni a Marketers PRO, sblocca tutte le funzionalità riservate agli utenti Premium ed accedi alla nostra Community riservata.

Cos’è una lettera di presentazione (o cover letter)

Una lettera di presentazione, o cover letter, è un documento personale e scritto direttamente dal candidato, che i recruiter leggeranno prima del tuo curriculum.

La cover letter ti dà quindi la grande opportunità di presentare la tua persona e il tuo profilo professionale, prima dell’analisi delle tue esperienze e prima del colloquio preliminare.

Scrivere una lettera di presentazione efficace ti offre quindi la grande opportunità di studiare a tavolino una buona prima impressione, mirata all’assunzione. Questo non significa mentire, ma significa riuscire a raccontare in maniera efficace chi sei e quanto vali, cosa difficile in un primo colloquio dove l’emotività può giocare brutti scherzi.

“Non c’è una seconda occasione per fare una buona prima impressione”.

Senza contare il fatto che stai aiutando il recruiter, e lo apprezzerà, proprio perchè ha lui il compito di scrivere un abstract sul vostro incontro da presentare in azienda, e trovarsi una lettera di presentazione già ben scritta, gli farà risparmiare un sacco di tempo.

Differenze tra CV e lettera di presentazione

Pensi che curriculum e lettera di presentazione siano la stessa cosa?

Stai sbagliando.

Il curriculum vitae o CV è un documento che raccoglie i nostri dati anagrafici, formazione ed esperienze lavorative. Nel curriculum però è anche interessante inserire esperienze di volontariato, passioni e inclinazioni interpersonali.

La lettera di presentazione invece è un elaborato personale, un testo, dove possiamo inserire la nostra storia, spiegare perché siamo motivati a voler quel posto di lavoro, ed inserire diversi elementi creativi, che ci distingueranno dagli altri candidati.

differenza tra lettera di presentazione e curriculum

Una buona cover letter non deve quindi essere un riassunto del CV, ma deve contenere tutte le informazioni necessarie ai recruiter perché vedano in te la persona ideale per ricoprire quel ruolo.

Non temere, tra poco ne scriveremo una assieme.

Lettera di presentazione obbligatoria vs opzionale

Come prassi generale, in Italia, la lettera di presentazione non è obbligatoria ai fini della candidatura di lavoro.

Ma devi sapere che, se ti stai candidando per un lavoro all’estero, la maggior parte delle aziende la ritengono elemento obbligatorio e fondamentale per tenere conto della tua candidatura: il curriculum non è sufficiente.

Fatta questa premessa, anche in Italia, viene sempre più richiesta una lettera di presentazione allegata alla candidatura, in aggiunta al CV.

In alcuni annunci di lavoro è espressamente chiesto in tono obbligatorio, in altri facoltativo e in altri ancora non viene nemmeno menzionata.

Il nostro consiglio?

Non pensarci 2 volte: allega sempre una lettera di presentazione.

Quando riceviamo candidature nella Job Board di Marketers, cioè il luogo dove puoi trovare annunci di lavoro nel mercato digital, le candidature che allegano una lettera di presentazione ben fatta sono sempre quelle che ci colpiscono maggiormente.

job board marketers

Perché includere (e personalizzare) una lettera di presentazione quando invii una candidatura

Siamo certi che, se la tua lettera di presentazione è efficace, la tua candidatura finirà subito in cima alla lista dei candidati promettenti, o perlomeno, ti consentirà di fare una bella figura e di allenare la tua mente a scrivere una cover letter sempre più efficace.

Ma attenzione.

Una buona lettera di presentazione deve essere personalizzata per la mansione e l’azienda per cui ti stai candidando. Un recruiter infatti, sa bene come distinguere una lettera di presentazione generica da una personalizzata, scritta quindi ad hoc per quella posizione e per quell’azienda.

Non si tratta di dover scrivere ogni volta una lettera da zero, ma adattarla si.

Analizza attentamente la posizione, le abilità e le competenze richieste, quindi inseriscile nella lettera di presentazione. Stessa cosa vale per i valori aziendali, non mentire, ma cerca di far notare quelle tue caratteristiche personali e interpersonali che sai essere in armonia con la filosofia aziendale.

E non dimenticare di aggiungere qualche esempio e aneddoto su ciò che stai raccontando di te.

Il recruiter che leggerà la tua lettera non solo avrà l’impressione di aver trovato la persona giusta, ma si renderà anche conto di quanto sei determinato nel voler lavorare con loro.

Come scrivere una lettera di presentazione perfetta in 4 step

Ma ora iniziamo a sporcarci le mani.

Vediamo insieme come poter scrivere una lettera di presentazione perfetta in 4 step.

1 Crea un intro personalizzato

Come prima cosa dovrai salutare la persona che leggerà la tua lettera, cioè il recruiter. Informati quindi sul nome di questa persona e inseriscilo nella prima riga, in alternativa, potrai utilizzare il nome dell’azienda.

come scrivere una cover letter perfetta

Aprire la tua cover con un saluto personalizzato, ti permetterà quindi di entrare subito in “confidenza” con chi leggerà, andando a toccare le corde dell’emotività della persona.

Dopo aver scritto il saluto iniziale è arrivato il momento delle tue presentazioni.

Utilizza poche righe per dire chi sei, cosa fai nella vita e altre tue informazioni personali che sai essere in linea con valori aziendali o che possono cogliere l’attenzione e incuriosire il recruiter.

Considera anche l’idea di inserire una tua foto professionale, anche se si tratta di un elemento non strettamente necessario, ma che spesso viene apprezzato e può fare la differenza.

2 Motiva il perché della tua application

Dopo aver salutato il recruiter ed esserti presentato, dovrai parlare del motivo che ti ha spinto a mandare la tua application, cioè la tua candidatura.

In questa fase dovrà trapelare la tua conoscenza dell’azienda, i motivi, la motivazione e l’entusiasmo che ti spingono a voler ricoprire quel determinato ruolo.

Vediamo nel dettaglio.

Come prima cosa ti consigliamo di raccontare come sei entrato a conoscenza dell’offerta di lavoro. Se il motivo è perché conosci qualcuno all’interno dell’azienda non aver paura a dirlo, non significa avere una raccomandazione, stai solo dicendo la verità e potrebbe essere una seconda conferma sulla tua persona.

Ora, prosegui questo secondo punto della tua cover letter, motivando il tuo interesse verso la posizione lavorativa offerta: perché ti interessa quella posizione?

Evita di utilizzare frasi scontate, differenziati, sii sincero e racconta i motivi reali e personali che ti spingono a voler quel posto di lavoro.

Te lo assicuro: se menti, solo per compiacere l’azienda, se ne accorgeranno.

Stessa cosa vale per il motivo per cui vuoi lavorare proprio per loro.

Studia la storia, i valori e i prodotti/servizi offerti da quell’azienda e racconta il reale motivo per cui vuoi entrare a far parte dell’organico di quella specifica azienda.

Non basterà di certo scrivere “perché siete l’azienda migliore del settore”, non è un motivo reale, sincero e soprattutto non è personale.

Cerca di mettere in relazione quelli che sono i tuoi valori con i valori aziendali, la tua storia con la loro e i tuoi obiettivi con i loro: stupiscili e differenziati.

3 Spiega perché dovrebbero sceglierti

Bene, dopo esserti presentato e aver parlato dei motivi che ti hanno spinto ad inviare la tua candidatura, dovrai spiegare perché sei la persona giusta per quel ruolo e per quell’azienda.

In questa parte infatti dovrai parlare delle tue competenze, ma senza fare un elenco infinito e dettagliato come nel curriculum.

Dovrai infatti leggere attentamente la job description presente nell’annuncio di lavoro, individuare i punti chiave, ed inserire nella lettera le tue competenze che sono perfette per quella mansione.

In poche parole dovrai inserire le tue skills più rilevanti e i tuoi risultati più pertinenti, specifiche per quella job description.

Ed anche in questo caso non si tratta di mentire.

Ma semplicemente di andare dritto al punto: metterai in luce solo quelle competenze che loro stanno cercando, senza divagare e far perdere il focus.

Il tuo obiettivo in questa fase è fargli pensare: “ecco la persona che stiamo cercando!”

come farsi notare con la lettera di presentazione

4 Inserisci una chiusura breve

Dopo aver scritto l’intero corpo della tua lettera di presentazione, dovrai dedicare alcune righe e altrettanta cura alla chiusura del tuo elaborato.

Nella parte finale infatti, potrai inserire i tuoi contatti, come email e numero di telefono.

Potrai anche inserire una call to action, che invita il tuo recruiter a contattarti per conoscerti meglio fissando un colloquio.

Oppure, perché no, aggiungere un invito a visitare il tuo sito web se ne possiedi uno, o la pagina del tuo portfolio.

L’obiettivo della cover letter è proprio questo: invogliare il recruiter a conoscerti meglio in un colloquio, per avere la conferma che sei la persona che stanno cercando.

Non dovrai essere arrogante o troppo sicuro di te, non puoi effettivamente sapere se sei la persona migliore e più qualificata per quel posto. Ma è sicuramente buona prassi chiedere al recruiter un colloquio per poter discutere proprio di questo: sono la persona che fa per voi?

Prima di proseguire con le 5 caratteristiche che deve assolutamente avere una lettera di presentazione vincente, lasciaci dare un ultimo consiglio:

Osa inserendo un time frame.

Cosa significa?

Dare al tuo recruiter un lasso di tempo per un feedback, può sembrare rischioso, ma in realtà può far capire subito all’azienda che tieni alla tua carriera, che tieni ad un loro riscontro e che hai la giusta sicurezza in te stesso.

Ma ci teniamo a sottolineare che questo approccio non è sempre adatto e apprezzato da tutte le aziende e i recruiter.

Diciamo che è un modus operandi un pò aggressivo.

Il nostro consiglio è quello di provare ad informarti sul recruiter e sull’azienda, per capire se possono apprezzare o meno questo “gesto di coraggio” da parte tua.

5 caratteristiche di una lettera presentazione vincente

Dopo aver visto i 4 step per scrivere una lettera di presentazione perfetta, vediamo quali sono le 5 caratteristiche che non possono mancare in una cover letter da vero pro.

1. Personale

Una delle caratteristiche principali che deve avere una lettera di presentazione vincente è che il contenuto deve essere personale.

Elabora quindi un testo in cui inserisci la tua vera storia, le tue vere motivazioni, le tue vere esperienze.

La tua lettera deve essere personale e personalizzata, i recruiter vogliono conoscere te e non una versione di te creata per compiacerli.

I recruiter se ne accorgono!

2. Lessico curato

Ok una lettera di presentazione personale, ma dovrà anche avere una forma curata e ricercata.

Utilizzare un lessico curato verrà apprezzato e ti aiuterà sicuramente a far capire al recruiter che sei un professionista, pur non essendo l’unico elemento.

Ma ricorda: evita le esagerazioni.

La tua lettera dovrà esser sì formale, ma anche emotiva, coinvolgente e creativa.

Riuscire a trasmettere emozioni al lettore della cover letter sarà di grande aiuto perché la renderà reale, sincera e creerà un legame con il recruiter.

Ma non dovrà nemmeno essere un elenco di “questa fantastica occasione”, “il lavoro dei miei sogni” o “voglio lavorare con voi perché siete l’azienda migliore”…ecc

La tua cover letter dovrà essere creativa, dovrai metterci del tuo, scavare dentro di te e tirarlo fuori. In poche parole: dovrai distinguerti.

Ma questo non basta.

No esatto, non basta usare un lessico curato, essere creativi e trasmettere emozioni. Il ritmo dell’elaborato dovrà anche essere coinvolgente ed incalzante.

Prova ad immaginare: l’azienda X ha pubblicato un annuncio di lavoro e designato il recruiter che si deve occupare di esaminare i candidati.

Nel portale dell’azienda arrivano 368 candidature. Il recruiter dovrà leggerle una per una. Un po’ noioso non credi?

Ma, colpo di scena: ad un certo punto il nostro amico recruiter inizia a leggere una lettera di presentazione diversa dalle altre, dal ritmo incalzante e per niente noioso, ed oltretutto, il candidato sembrerebbe anche possedere tutte le caratteristiche richieste.

Sarai forse tu?

scrivere una lettera di presentazione

3. Originale

Un’altra caratteristica fondamentale è l’originalità della tua lettera di presentazione.

Assolutamente vietato copiare da internet, utilizzare modelli predefiniti e frasi banali che utilizzano tutti.

Anche in questo caso la parola d’ordine è: distinguerti dagli altri candidati.

I recruiter tendono a scartare quelle lettere uguali tra di loro, che sanno bene non essere il frutto della fantasia e dell’impegno del candidato.

E fidati: capita spesso di leggere lettere di presentazione praticamente uguali tra di loro.

Ebbene sì, anche nelle candidature alle posizioni nella nostra Job Board di Marketers.

4. Breve e concisa

Proprio perché un recruiter riceve centinaia di lettere di presentazione e/o CV da esaminare, una buona cover letter dovrà essere breve e concisa.

In poche parole: vai dritto al punto. Parla del necessario, senza giri di parole. Avrai il colloquio orale per chiarire ed approfondire i punti che l’azienda ritiene importanti e più interessanti.

L’azienda e il recruiter apprezzeranno davvero una lettera breve che tocca tutti i punti necessari: hai dato valore al loro tempo.

Evita quindi di dilungarti in autoelogi, frasi senza contenuto e abbellimenti vari: sono inutili e possono essere molto fastidiosi.

5. Formattazione impeccabile

Abbiamo dedicato l’intera guida a parlare del contenuto della lettera di presentazione perfetta. Ora vogliamo avvicinarci alla conclusione dedicando un capitolo alla forma.

Ebbene sì, anche l’occhio vuole la sua parte.

Inviare un CV ed una cover letter curati, anche nella loro formattazione, vi farà fare sicuramente bella figura.

In poche parole potrai comunicare al tuo recruiter, con un linguaggio non verbale, che sei preciso, che curi i dettagli, che sei attento e ci tieni a fare una buona prima impressione.

Fai attenzione quindi a scegliere lo stesso font per cover letter e curriculum, cura margini e spaziature e non dimenticare di mettere in evidenza in bold le parole e le piccole frasi principali, quelle che devono saltare all’occhio.

Conclusione

Eccoci alle conclusioni di questa guida per scrivere una lettera di presentazione perfetta.

Vuoi scrivere una cover letter degna di nota?

Non dimenticarti di:

  1. salutare il tuo recruiter e utilizza un linguaggio curato nella tua lettera;
  2. motiva la tua candidatura: perché vuoi quel posto di lavoro? perché vuoi lavorare per quell’azienda?
  3. mostra la tua motivazione e spiega perché sei la persona che stanno cercando;
  4. rendi la tua lettera personale, originale e concisa;
  5. utilizza una formattazione impeccabile.

Siamo certi che alla tua prossima candidatura, seguendo i nostri consigli, sarai sicuramente preso in considerazione per il posto di lavoro che desideri.

E magari, troverai lavoro proprio nella nostra Job Board, dove vengono pubblicati diversi annunci di lavoro nel mercato del digital.

Ma prima di lasciarci, vorrei darti gli ultimi consigli:

  1. iscriviti a marketers per rimanere sempre aggiornato sul mondo del marketing digitale ricevendo le nostre mail 20/80;
  2. accedi alla nostra community per farti contaminare;
  3. iscriviti a Marketers pro per aver accesso a contenuti esclusivi ed a masterclass di supporto per la tua crescita.

Alla prossima!

0 0 votes
Recensioni
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Facci sapere cosa ne pensi nei commenti.x

Accedi a Marketers

Non hai un account? Iscriviti adesso.

Iscriviti gratuitamente a Marketers o accedi per utilizzare questa funzione. Riceverai anche 20/80, la nostra newsletter con strategie e notizie di marketing e business.

Ricevi una notifica quando tornerà disponibile il Bundle Metodo Marketers

Ricevi una notifica quando tornerà disponibile il Metodo Marketers