wearemarketers

Psicologia cromatica: come usare i colori per comunicare, persuadere e incassare di più

Quanto è vero che ciò che vediamo influenza i nostri pensieri, le nostre opinioni e persino le nostre azioni?

Te lo diciamo subito: più di quanto potresti mai pensare.

Secondo un studio scientifico del 2010, i colori di un prodotto hanno un impatto medio del 90% sull’impulso all’acquisto dei consumatori.

Tanto che, a parità di caratteristiche, prezzo e fama, pare che i consumatori preferiscano un brand a un altro proprio per i suoi colori.

Ciò significa che, in quanto marketer o imprenditore, conoscere come il nostro cervello percepisce un colore è una abilità potenzialmente capace di influire sul tuo conto in banca.

In questo articolo vedremo proprio questo:

  • Qual è il significato psicologico dei colori fondamentali?
  • In che modo il colore influenza la nostra percezione e il nostro comportamento?
  • Come possiamo usare i colori per superare i nostri obiettivi di business?

E allora rosso, giallo, verde… si parte!

I significati nascosti degli 8 colori fondamentali

Prima di tutto facciamo una premessa importante…

La maggior parte delle percezioni umane sono soggettive, perché dipendenti dai propri sensi, dalla propria esperienza di vita e dalla propria cultura.

Per questo possiamo affermare con estrema certezza che sia impossibile trovare per ogni colore un significato oggettivo al 100%, comune all’intera umanità.

Nelle culture asiatiche, ad esempio, non è tanto importante la tinta, quanto piuttosto se si sta parlando di un colore opaco o brillante. Noi europei non abbiamo questa preferenza.

Ma passiamo al sodo: nelle prossime righe andremo a vedere quali sono i principali significati associati ai tre colori primari, ai tre secondari e ai due “non colori”.

Ciò che imparerai saranno informazioni mirate per il mercato europeo, ma abbiamo anche raccolto le differenze più importanti che incontreresti in altri mercati (più o meno grandi).

Psicologia cromatica: come usare i colori per comunicare, persuadere e incassare di più 1

Il rosso: amore, infanzia e pericolo

Per noi occidentali è il colore della passione e dell’amore (sia platonico, che carnale).

Forse non serve dirlo, ma è anche comunemente utilizzato per indicare un pericolo o un divieto: pensa ai segnali stradali.

È anche associato al fuoco e al calore. Non a caso i mezzi dei pompieri, gli idranti e gli estintori sono rossi, giusto?

Secondo le ricerche dello studioso di colori Michel Pastoureau, il rosso è in media il preferito dai bambini e, di conseguenza, è il più usato per i giocattoli. Simbolo dell’infanzia aggiudicato!

Nel caso volessi fare una capatina nel mercato orientale, sappi che lì il rosso è un colore importantissimo…

È il più diffuso in Cina e si utilizza per augurare buona fortuna, felicità e prosperità.

Per questa ragione viene spesso utilizzato come colore dell’abito nuziale della sposa e come carta regalo (soprattutto per doni monetari).

Il giallo: visibilità, energia e ricchezza

Devi rendere qualcosa ben visibile? Il giallo è il colore che fa per te.

Non solo perché simboleggia la luce, ma perché nel pratico ha davvero una visibilità maggiore di qualunque altro colore esistente.

Esempio: le palline da tennis sono gialle proprio per facilitarne la visibilità nonostante le alte velocità che raggiungono durante una partita. Così come alcuni segnali stradali notturni.

Il giallo è anche il colore dell’ottimismo, dell’ospitalità e dell’energia.

E anche se è la prima a esserti venuta in mente, non intendiamo solo l’energia elettrica…

Infatti nella società occidentale è anche molto usato per l’energia fisica, quindi per prodotti come i farmaci tonificanti e gli integratori.

Sorpresa del sorprese, è forse l’unico colore ad avere un significato riconosciuto globalmente a causa dei tempi antichi.

Essendo gialli il grano e le antiche monete d’oro, ecco a te un perfetto simbolo di ricchezza.

Attenzione ad associarlo al verde perché secondo i sondaggi condotti da Pastoureau tende ad assumere un’accezione negativa: diventa il colore della codardia, della malattia e della follia.

Qualche particolarità geografica la vuoi?

  • In Germania e in Russia simboleggia anche l’invidia;
  • In Francia si collega al tradimento e alla menzogna;
  • Negli Stati Uniti lo si associa tipicamente al concetto di trasporto (pensa ai taxi e agli scuolabus).

Il blu: fede, pace e infinito

Certo, è socialmente definito il colore del sesso maschile, ma mettiamo per un momento gli stereotipi da parte.

Devi sapere che sono state condotte molte indagini sin dal 1900 per definire quale sia il colore preferito della maggioranza delle persone al mondo.

Il risultato ormai te lo aspetti…

Più della metà della popolazione mondiale che ha partecipato al sondaggio ha indicato come primo colore preferito il blu, seguito dal verde (20% circa), dal bianco e dal rosso (entrambi attorno all’8%).

Il blu è anche considerato il colore della lontananza, dell’infinito e del sogno.

Sia a causa del semplice colegamento con il colore del lontano cielo, sia perché la notte è rappresentata più spesso di blu che di nero (questa te l’aspettavi?).

Questo colore è anche considerato il colore della fede, della pace e della fedeltà.

È per questo che le grandi istituzioni internazionali, quali ONU e UNESCO, hanno il blu come colore dominante dei loro simboli.

Il viola: nobiltà, esclusività e superiorità

Nell’antichità è stato a lungo uno dei colori più rari sul mercato.

Sia per il costo degli ingredienti, sia per la difficoltà che si incontrava a crearne una versione diversa da un nero scolorito.

Per questo in Europa il viola è diventato sempre di più un simbolo caratterizzante delle classi sociali alte, che potevano permetterselo.

Ancora oggi i valori che richiama sono quelli di nobiltà, esclusività e superiorità.

Ma in questo colore si rispecchiano anche i più negativi concetti di crudeltà e arroganza.

Spostandosi prima in America e poi in Giappone, il significato non cambia molto…

  • Negli Stati Uniti una delle più importanti onorificenze militari data ai feriti o ai caduti dell’esercito è di colore viola: il Purple Heart (letteralmente “Cuore Viola”);
  • In Giappone i discendenti di antiche famiglie nobiliari tendono ancora oggi a vestirsi in viole durante le celebrazioni importanti.

L’importante in oriente è non associare questo colore al matrimonio o ai rapporti affettivi, perché nasconde un’accezione alla pornografia.

L’arancione: armonia, avventura ed economicità

Ecco un colore che di oggettivo ha davvero ben poco…

Le sue interpretazioni sono molteplici a seconda della cultura nel quale viene inserito.

In Europa è un colore che indica armonia, avventura ed economicità.

Altrove i significati che assume finiscono anche per assorbire quelli europei di altri colori:

  • Negli Stati Uniti è il colore del mistero, del diverso e (specialmente in combinazione con il verde) dell’incubo. Non a caso si usa per Halloween;
  • Nei Paesi Bassi è il colore simbolo della famiglia reale, al posto del viola più comunemente percepito come tale;
  • In Colombia allude alla sensualità e alla fertilità, a causa del fatto che arancione è un particolare uccello locale che pare prevenire l’appassimento delle piante;
  • In India è il colore sacro per eccellenza;
  • Mentre in Giappone simboleggia la resistenza, la forza e l’ambizione.

Il verde: calma, natura e destino

Nei paesi occidentali è da sempre considerato il colore del destino, del caso e della speranza.

Banalmente questo colore simboleggia anche la natura, la freschezza e l’igiene.

È un caso quindi che lo ritroviamo in prodotti dietetici, caramelle e dentifrici? Certo che no!

Così come non è una coincidenza ritrovarlo nei simbolismi di movimenti ecologici come i Greenpeace.

Ma il verde è ritenuto anche un colore calmante, tanto che viene spesso usato per dipingere le pareti delle scuole, degli uffici e delle caserme.

E ricordi cosa trasmette se abbinato al giallo? Follia e trasgressione.

Il nero: paura, umiltà e innovatività

Il nero è un colore dal significato ambivalente, potenzialmente positivo ma anche negativo.

Nella cultura occidentale, infatti, il nero è da sempre il colore del lutto, del peccato e della paura (come suggeriscono film e romanzi “noir”).

Ribaltiamo queste sensazioni ed ecco i significati positivi che possiamo attribuire al nero…

Da secoli è considerato il colore dell’umiltà, della temperanza e dell’eleganza moderna.

Proprio a proposito di abbigliamento, il nero risulta essere il colore più indossato nell’abbigliamento lavorativo e il secondo in quello casual.

È anche un colore che comunica innovatività, tanto che buona parte dei prodotti high-tech sono neri.

In più è considerato un simbolo di autorità. Le toghe di giudici e magistrati ne sono una dimostrazione.

Il bianco: purezza, semplicità e saggezza

Al bianco si collegano, invece, sentimenti per lo più positivi e per niente contrastanti.

Come potrebbero suggerirti gli abiti ecclesiastici (che sono tendenzialmente bianchi), questo colore simboleggia la purezza.

Combinato al blu la percezione che possiamo avvertire è di freddo, come se fossimo davanti a neve e ghiaccio.

Nella gerarchia dei codici basati sui colori il bianco segna sempre la semplicità, come nel caso delle arti marziali in cui la cintura di livello più basso è sempre quella bianca.

È, inoltre, un colore che esprime discrezione, saggezza e rinuncia.

Strategie pratiche per persuadere con gli effetti inconsci dei colori

Ora fai scorta di post-it perché questa parte è davvero interessante…

Se è vero che, come abbiamo messo in chiaro finora, la percezione di un colore dipende da diversi fattori soggettivi, è in parte vero anche l’opposto.

Alcuni colori hanno dei significati universali capaci di provocare degli effetti inconsci sulla nostra mente.

Effetti talmente comuni che potremmo definirli validi sull’intera specie umana.

Ecco un esempio per aiutarti a capire…

Rosso, giallo e arancione sono colori che, al di là dei significati particolari nelle diverse culture, trasmettono sempre una sensazione di calore.

In presenza di questi colori, infatti, quasi chiunque finisce per percepire (inconsciamente) la temperatura come superiore alla realtà.

Alcuni di questi effetti universali te li spieghiamo nelle prossime righe, accompagnati da qualche consiglio strategico per sfruttarli nel tuo business.

Altri, più avanzati, te li spieghiamo in alcuni dei nostri contenuti d’èlite inclusi nella nostra membership premium, Marketers Pro.

Ti consigliamo di darle un’occhiata per scoprire i numerosi vantaggi a cui avresti diritto unendoti a noi e alle centinaia di imprenditori, marketer e aspiranti tali che sono già dentro.

Un colore per nascondere e uno per illuminare (la tua audience)

Quando nessuno ci guarda, tendiamo a comportarci in modo diverso dal solito.

Te ne sei mai reso conto?

Uno studio del 2006 lo ha dimostrato mettendo a confronto il comportamento di alcune persone davanti a una cassetta delle donazioni:

  • Se sopra la cassetta veniva appesa la foto di un mazzo di fiori, le donazioni erano basse;
  • Se sopra la cassetta veniva appesa la foto di una persona che fissava il donatore, la somma devoluta era alta.

Questo stesso principio può essere sfruttato con i colori per modificare a tuo favore la percezione della tua audience e il suo comportamento.

Ecco degli esempi pratici:

  • Donazioni online: Gli enti di beneficenza dovrebbero utilizzare uno sfondo bianco per i loro siti web, così che i donatori si sentano più alla luce, visibili e sotto giudizio. Così le donazioni potrebbero aumentare.
  • Software per principianti: I principianti nell’uso di un software apprezzerebbero di più il prodotto se questo offrisse un’interfaccia scura, in grado di “nascondere i loro errori da pivelli”.
  • Contenuti per adulti: Dei colori scuri su un tale sito web potrebbero aumentare il tempo di permanenza dei visitatori, favorendo la loro sensazione di essere “in incognito”.

Come migliorare la percezione di un evento con i colori

L’attivazione del calore fisico attiva il calore sociale: percepisci le altre persone come più amichevoli quando tieni tra le mani una tazza di caffè caldo.

Difficile crederci, vero? Eccoti servita la spiegazione che gli scienziati Williams e Bargh condivisero nel 2008 dopo la conferma di questo effetto…

Questi due tipi di calore vengono elaborati nella stessa zona del nostro cervello.

Accade perché da bambini abbiamo sperimentato questi due concetti contemporaneamente.

Ogni volta che i nostri genitori ci tenevano in braccio la nostra temperatura saliva (calore fisico) e avvertivamo affetto (calore sociale).

Succede anche il contrario: un bisogno di calore sociale attiverà un bisogno di calore fisico.

Il nesso strategico che dovresti portarti a casa è il seguente…

Usa i colori caldi (rosso, arancione e giallo) in contesti sociali o in momenti in cui le persone desiderano socialità per aumentare il valore percepito della tua esperienza.

Il principio di vicinanza cromatica e come questo può migliorare le tue ads

Ora, se sei d’accordo che l’aumento del calore corporeo richieda anche la vicinanza fisica, quest’altra proprietà dei colori non ti farà una piega…

Abbiamo detto che Calore = Vicinanza e che Calore = Rosso.

Seguendo l’uguaglianza, possiamo dire che Rosso = Vicinanza.

In poche parole, percepiamo gli oggetti rossi più vicini a noi di quanto in realtà siano.

Ma la parte interessante è questa: pare che questa diversa percezione ci induca a concentrarci sui dettagli degli oggetti in rosso, proprio come se fossero vicinissimi a noi.

Infatti uno studio dei ricercati Mehta e Zhu condotto nel 2009 sulla pubblicità di una telecamera ha rivelato che:

  • Le persone preferivano una creatività rossa se l’angolo di comunicazione si concentrava su un dettaglio del prodotto;
  • Preferivano, invece, una creatività blu quando l’angolo di comunicazione era più generico.

Usa il rosso per i design che mettono al centro i dettagli. Usa il blu per i design che presentano una panoramica generale.

Il potere dei colori scuri sulla percezione dell’importanza

Il nostro cervello salta subito alle conclusioni, anche dopo informazioni razionalmente poco importanti.

Per esempio, confrontando un libro leggero di poche pagine con uno pesante di centinaia di pagine, il nostro inconscio ci indurrebbe ad attribuire più importanza al secondo.

Funziona con caratteristiche come il peso e funziona altrettanto bene con i colori scuri (come confermarono gli scienziati Ackerman, Nocera e Bargh nel 2010).

Vuoi mettere qualcosa in evidenza e farlo percepire subito come importante?

Inserisci il tuo messaggio in un design con colori scuri, come nell’esempio qui sotto:

Psicologia cromatica: come usare i colori per comunicare, persuadere e incassare di più 2

Questi sono i veri colori maschili e femminili (secondo le statistiche)

La tua audience target è composta perlopiù da maschi o da femmine?

Allora potrebbe interessarti di sapere quali siano i colori che questi due gruppi apprezzano di più.

Pochi giri di parole, da una ricerca degli studiosi Hurlbert e Ling abbiamo raccolto i dati anti-stereotipo che fanno per te:

  • I maschi preferiscono le tonalità tra il blu e il verde, con un’alta saturazione;
  • Le femmine preferiscono le tonalità tra il rosso e il viola, con una bassa saturazione.

Il legame che non ti aspetti tra i colori e i tuoi obiettivi di business

Qui ci colleghiamo alla proprietà dei colori scuri di comunicare importanza.

Se quell’effetto è vero, i dati suggeriscono che i colori scuri siano anche capaci di rallentare l’azione.

Continua a leggere per avere il tuo momento “Eureka!”…

A seconda di quale sia il tuo obiettivo finale, dovrai decidere se usare principalmente colori chiari o scuri:

  • I design chiari sono migliori per obiettivi d’azione (es. click, acquisti, iscrizioni);
  • I design scuri sono migliori per gli obiettivi di durata (es. permanenza sul sito, visione di un video, uso prolungato di un software).

Lo stesso potenziale è stato rivelato nei colori caldi e in quelli freddi.

I primi (es. rosso, giallo, arancione) tendono a eccitare, aumentano l’adrenalina nel nostro sangue e ci fanno percepire il tempo più lentamente.

I secondi (es. blu, verde, viola) tendono a calmare, al punto da darci l’illusione che il tempo passi più in fretta.

E se sei un fan del blu, sappi che, spostandolo su una tonalità più scura e usandolo per i tuoi design digitali, contribuirai ad affaticare meno la vista dei tuoi utenti.

Davvero utili questi spunti per migliorare il tuo Web Design, vero?

Se ne vuoi altri, potrebbe davvero piacerti la masterclass al Web Design inclusa in Marketers Pro.

Clicca qui per dare un’occhiata ai vantaggi della membership

Prodotti limitati, trattative e ristoranti: strategie già testate in cui usare le leve del rosso e del blu

Ormai dovresti averlo capito, questi due colori sono l’uno l’opposto dell’altro.

Se il rosso funziona da eccitante, il blu ha un impatto calmante sulla nostra mente.

Eccoti qualche spunto già testato in diverse ricerche che puoi usare in modo strategico:

  • Usa il rosso con prodotti limited edition. Le aste su eBay con sfondi rossi hanno dimostrato di ottenere offerte più elevate in presenza di questo colore.
  • Indossa abiti blu durante una trattativa. Grazie a questo colore sarai in grado di ridurre l’impulsività a tuo sfavore e risulterai più persuasivo.
  • Usa il rosso per stimolare l’appetito. È un noto effetto di questo colore sul metabolismo umano e ristoranti come i fast food lo sfruttano molto.

Il rosso nei ristoranti

  • Al contrario i ristoranti formali tendono a usare il blu per prolungare la permanenza dei propri clienti, così come scelgono il blu i ristoranti “all-you-can-eat” per ridurre il consumo di prodotti.

I colori del tempo: quali sono e in che modo usarli nelle tue ads

Se ti dicessimo di pensare a un viaggio futuro, quali colori useresti nella tua testa per immaginarlo?

Domanda strana, lo sappiamo. Ma quando bisogna comprendere l’inconscio è necessario porsi domande del genere.

Nel 2017 alcuni ricercatori, infatti, sono partiti proprio da questa domanda per capire come tempo e colori interagissero tra di loro nella nostra immaginazione.

Il risultato?

Più un evento è lontano, più preferiamo immaginarlo con combinazioni di solo bianco, nero e grigio.

Sfruttalo nelle tue ads: se il soggetto sponsorizzato è, per esempio, un evento molto distante nel tempo, testa una creatività che lo raffiguri in gradazioni di grigio.

Conclusioni

Ora hai nelle tue mani delle semplici ma potenti strategie per sfruttare al meglio i colori fondamentali, i loro significati ed effetti inconsci sulla mente umana.

A questo punto, se gestisci un brand, ti consigliamo di rivedere, sulla base di quanto imparato fin qui, la tua palette di colori.

Assicurati che i suoi valori, il suo stile comunicativo e i suoi obiettivi non creino attrito con le percezioni suggerite dai suoi colori.

E nel caso volessi iniziare una scalata esponenziale delle tue competenze da marketer a 360°, assicurati di cliccare qui per capire cosa potresti ottenere in Marketers Pro.

Ora vai e dai alle tue campagne il colore che si meritano.

Accedi a Marketers

Non hai un account? Iscriviti adesso.

Iscriviti gratuitamente a Marketers o accedi per utilizzare questa funzione. Riceverai anche 20/80, la nostra newsletter con strategie e notizie di marketing e business.

Ricevi una notifica quando tornerà disponibile il Bundle Metodo Marketers

Ricevi una notifica quando tornerà disponibile il Metodo Marketers