YouTube: nuove policy per il gaming. Adesso si potranno mostrare contenuti più violenti

Cambiano nuovamente le policy di YouTube e adesso permettono ai creator di video sul gaming di mostrare al proprio pubblico contenuti grafici violenti. Ma con alcune retrizioni

YouTube: nuove policy per il gaming. Adesso si potranno mostrare contenuti più violenti

Un aggiornamento delle policy di YouTube permettono adesso ai creator di caricare giochi di gaming contenenti violenza con meno restrizioni, senza il rischio di vedere il proprio video cancellato a causa delle limitazioni sull’età.

Questo non significa che i contenuti saranno aperti anche ai più piccoli ma solo a coloro che durante la creazione del proprio account hanno dichiarato di avere almeno 18 anni di età.

Questa nuova normativa, tuttavia, verrà applicata solo al gaming, non nell’espressione di violenza nel mondo reale, e non verrà applicata alle linee guida pubblicitarie. Se un video viene infatti considerato troppo violento per gli inserzionisti, verrà demonetizzato anche se rispetta gli standard di YouTube.

Come dichiarato da Susan Wojcicki, CEO di YouTube:

We’re working to identify advertisers who are interested in edgier content, like a marketer looking to promote an R-rated movie, so we can match them with creators whose content fits their ads

Questa questione dei pagamenti è già sotto l’accusa degli YouTuber da molti anni, dal momento che nonostante i loro sforzi per ottimizzare i propri video, difficilmente li vedranno monetizzati proprio a causa di questi restrizioni, a meno che non presentino giochi adatti a un pubblico di ogni età, come ad esempio Minecraft.