TripAdvisor contro le fake rewiews: nel 2018 sono state bloccate o eliminate oltre 1.5 milioni di recensioni false

Fake Reviews: linea dura di TripAdvisor che intercetta ed elimina le recensioni false dal suo portale e penalizza sia chi le offre, sia chi le acquista

Continua nel mondo dell'online la caccia ai fake: accounti fake, follower fake e adesso anche fake reviews.

Si stima che tra l'80% e il 90% dei consumatori legga attentamente le recensioni degli altri acquirenti prima di procedere all'acquisto di un prodotto o di un servizio.

Questo vale anche per TripAdvisor che si è fatto spazio nel mondo dei big anche grazie alle tantissime recensioni che vengono lasciate dagli utenti.

Questo ha portato l'attenzione della piattaforma proprio sulle recensioni false, le cosiddette fake reviews.

Nel suo “2019 TripAdvisor Review Transparency Report“, la società afferma che il 2,1% di tutte le recensioni inviate al sito nel 2018 erano risultate false, mentre il 4,7% di tutte le recensioni inviate è stato rifiutato o rimosso per violazione delle linee guida per le recensioni di TripAdvisor.

E se pensiamo che TripAdvisor ha ricevuto oltre 66 milioni di recensioni nel 2018, questo significa che quasi 1,5 milioni di reviews erano in realtà false. La società ha anche annunciato di essere riuscita a partire dal 2015 anche a bloccare l'attività di oltre 75 siti web che si occupavano di vendere recensioni.

Ma in cosa consistono le recensioni false? Ecco la definizione dal report:

TripAdvisor defines a fake review as any review written by someone who is trying to unfairly manipulate a business’ average rating or traveler ranking, such as a staff member or a business’ competitor. Reviews that give an account of a genuine customer’s experience, even if elements of that account are disputed by the business in question, are not categorized as fake.

Circa il 91% delle recensioni false si sono rivelate false recensioni positive.

TripAdvisor ha anche attuato una politica di penalizzazione per chi acquista recensioni false, prima tra tutti una penalità temporanea per quanto riguarda il proprio ranking sulla piattaforma.

In caso di infrazioni multiple, la piattaforma impone un divieto che impedisce alle persone in questione di pubblicare recensioni e contenuti aggiuntivi, anche all'impossibilità di creare nuovi profili.

Infine, per le aziende che continuano ad acquistare false recensioni apparirà anche un penalty badge che avverte i visitatori che l'azienda ha tentato ripetutamente di frodarli.

Dal momento che le recensioni hanno un peso così consistente per le decisioni di acquisto, quello che ci aspettiamo adesso è che anche Google e Amazon inizieranno la loro lotta contro spam e fake reviews, proprio come ha fatto a suo tempo anche Yelp.

CONDIVIDI IL POST:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Articoli correlati

Tutti i post -------->

wam.png

Iscriviti alla nostra acommunity!

marketers-la-community.png

Siamo più di 40.000 imprenditori, freelance, creators e influencer.

Siamo la più grande community di Marketers Italiani.  Eventi offline, corsi, professionisti ed esperti della rete. Marketers nasce con l’obiettivo di fornire know-how e strumenti a tutti coloro che voglio creare il proprio business digitale.

marketers-la-community.png

Stai per accedere gratis al nostro gruppo privato.

Al suo interno troverai tips, strategie e consigli avanzati per lanciare il tuo Business Online.

Inserisci i tuoi dati per ottenere l’accesso immediato.