Google Immagini: come puoi sfruttarlo al massimo con le funzionalità nascoste

Google Immagini è un tool davvero potente, se sai usare tutte le funzioni: ecco quelle che stai ignorando a tuo rischio e pericolo

Google Immagini è uno dei siti web più conosciuti, famosi e visitati al mondo. Ma è tutt'altro che uno strumento banale.

Molti lo usano solo per trovare foto da postare su Facebook, eppure ha diverse potenzialità “nascoste”.

Proprio come la versione classica di Google, può essere un ottimo punto di partenza per fare ricerche approfondite, scoprire nuove cose e imparare.

Tutto sta nel modo in cui viene sfruttato.

Ecco perché, se non sai bene di cosa sto parlando, dovresti silenziare le notifiche e iniziare a leggere. In questo post vedremo:

  • Cos'è Google Immagini (ma penso tu già lo sappia, no?)
  • 5 utilizzi di Google Images che attualmente ignori
  • Le funzionalità che devi conoscere per sfruttarlo al massimo.

Sei pronto?

Partiamo.

ps: Se ti occupi di SEO o semplicemente vuoi aumentare le visite di un blog, c'è un bonus speciale per te.

Cosa è Google Immagini

In poche parole, è un motore di ricerca di immagini: fa le stesse cose di Google, ma cercando solo tra le foto caricate online.

Sono quasi sicuro che tu lo abbia già utilizzato decine di volte.

Eppure sono altrettanto sicuro che non conosci bene alcune funzioni davvero preziose:

  • I filtri nella Google Image Search
  • La ricerca immagini avanzata
  • Trovare un'immagine originalecorrelata

Ho indovinato? Continua a leggere.

Perché utilizzare Google Immagini?

La risposta è semplice: per trovare immagini online. Giusto?

No, sbagliato.

Certo, la ricerca delle immagini è la principale funzione di questo servizio, ma non è l'unica che può tornarti utile.

Il problema di molti è che hanno a disposizione macchine potenti e girano con la seconda inserita a vita.

Questo è uno di quei casi. Sapevi che, con Google Images, puoi:

  1. scoprire cosa raffigura una foto
  2. sapere quali siti stanno usando una stessa immagine
  3. fare ricerche per valutare l'autenticità di una fotografia
  4. scaricare immagini creative commons
  5. trovare immagini correlate per un articolo, un ebook o un video?

Se la risposta ad almeno una di queste domande è no, ti consiglio davvero di andare avanti. Stai per arricchire il tuo arsenale di tool.

Come utilizzare la Google Image Search: le funzionalità che non puoi ignorare

Il funzionamento è in tutto e per tutto simile a quello del motore di ricerca per pagine web. L'unica differenza è che i risultati saranno immagini.

Ti basta scrivere la parola chiave che desideri – come, per esempio, “spiagge in Sardegna”.

Una volta effettuata la ricerca puoi affinarla usando i filtri che Google ti metti a disposizione. Come si fa?

Ti basta cliccare su “Strumenti”. A quel punto ti si aprirà una tab con diverse opzioni:

  • Dimensioni. Puoi scegliere di vedere solo fotografie di una certa grandezza. Se hai bisogno di immagini per il tuo blog o per un video, ti consiglio di impostare questo filtro almeno su “Grandi”.
  • Colore. Creare uno stile visivo coerente è importante per essere subito riconoscibile. Perciò questa è una funzione che ti può tornare molto utile, in quanto ti permette di filtrare le immagini secondo i colori dominanti. Inoltre, scegliendo l'opzione “Trasparenti”, vedrai solo immagini senza sfondo – è utile, per esempio, quando cerchi loghi.
  • Diritti di utilizzo. No, non puoi usare tutte le immagini che scarichi da Google dove, come e quanto ti pare. Ecco perché, se usi Google Immagini per business, devi conoscere bene questo filtro. Tra poco lo approfondiremo nel dettaglio.
  • Tipo. Puoi scegliere la tipologia di foto che stai cercando: ritratti, clip art, gif o disegni.
  • Ora. Questo filtro è fondamentale quando hai bisogno di foto recenti o se, al contrario, stai facendo una ricerca su qualcosa capitato in passato. Puoi sia filtrare le immagini caricate nell'ultima ora che impostare un intervallo a tuo piacere (per esempio, dal 2003 al 2004).

Già questi filtri ti rendono un Google Searcher Ninja, ma, come ti ho detto poco fa, per usare le immagini devi capire come funzionano i diritti di utilizzo.

La ricerca avanzata di Google Immagini

Lo ripetiamo: non puoi usare tutte le immagini che trovi su Google.

Ma, tranquillo, alcune sono utilizzabili. Come si fa a riconoscerlo? In questo caso ci viene in aiuto lo stesso Google.

Puoi cercare la funzione Ricerca immagini avanzata per trovare immagini soggetti a licenza Creative Commons o indicati come di dominio pubblico.

Le licenze Creative Commons sono una via di mezzo tra public domain (“nessun diritto riservato”) e copyright (“tutti i diritti riservati”).

In pratica, puoi sempre usare un'immagine che sia di pubblico dominio, mentre puoi usarla rispettando alcune condizioni se è sotto Creative Commons.

La ricerca avanzata ti permette di filtrare i risultati proprio in base a queste condizioni. Per prima cosa clicca sul menù a tendina “diritti di utilizzo“:

A questo punto avrai una serie di opzioni:

In sintesi, ci sono 3 tipi di diritto di utilizzo:

  1. liberamente utilizzabili o condivisibili
  2. liberamente utilizzabili, condivisibili o modificabili
  3. a scopo commerciale.

Esistono alternative per trovare immagini Creative Commons, come CC Search. Trovi più informazioni nel post appena linkato.

Come trovare un'immagine originale o correlata

Viviamo nell'epoca delle fake news – e, si può dire, delle fake images. Riconoscerle è fondamentale per chi crea contenuti online.

Che tu sia un giornalista, un blogger oppure un copywriter devi essere in grado di distinguere un'immagine ritoccata.

Google Immagini ti permette di effettuare una ricerca anche a partire da un'immagine.

In sintesi, tu carichi (o linki) un'immagine e il sistema di Big G la analizza, confronta e ti mostra quelle simili.

1. Apri il tuo browser e vai su Google Immagini.

2. Fai clic sull'icona della fotocamera (Ricerca tramite immagini).

3. Scegli se caricare un'immagine dal tuo computer (Carica immagine) oppure prenderla dal web (Incolla URL immagine).

Fatto questo, si aprirà una nuova pagina dove troverai sia i siti che hanno usato la foto cercata che immagini visivamente simili.

A questo punto puoi controllare se l'immagine in tuo possesso è ritoccata oppure puoi cercarne di simili, per esempio, per arricchire un articolo o un ebook.

Conclusioni

Ci siamo.

Prima di lasciarti voglio darti un ultimo consiglio, che ti può tornare molto utile per la SEO del tuo sito web.

È probabile che i tuoi competitor si stiano concentrando solo sulla serp tradizionale.

Proprio ora potresti ottenere un vantaggio nei loro confronti ottimizzando i tuoi contenuti anche per Google Immagini.

Come? Lascia che ti spieghi.

  1. Assicurati che l'immagine sia pubblica. Controlla che l'URL dell'immagina sia correttamente indicizzato da Google. Inoltre, evita di usarla in pagine “no index”.
  2. Includi un tag “alt”. Ovvero il testo alternativo, che serve a spiegare il contenuto dell'immagine. Su WordPress puoi inserirlo dall'editor che si apre quando carichi una foto. Cerca di inserire un tag che descriva in modo fedele il contenuto e, allo stesso tempo, contenga una keyword.
  3. Carica foto di alta qualità. Usare solo foto piccole, sgranate e brutte ti penalizzerà tantissimo. Prima di tutto perché ciò danneggia l'immagine del tuo sito, che così sembrerà poco professionale. Inoltre, visto che Google offre solo i migliori risultati agli utenti, non apparirai nelle ricerche.

Tutto chiaro?

Fammi sapere nei commenti se lo stai facendo o se invece hai in programma di farlo prossimamente.

CONDIVIDI IL POST:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Articoli correlati

Tutti i post -------->

wam.png

Iscriviti alla nostra community!

marketers-la-community.png

Siamo più di 40.000 imprenditori, freelance, creators e influencer.

Siamo la più grande community di Marketers Italiani.  Eventi offline, corsi, professionisti ed esperti della rete. Marketers nasce con l’obiettivo di fornire know-how e strumenti a tutti coloro che voglio creare il proprio business digitale.

marketers-la-community.png

Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per fini tecnici, statistici e di profilazione.

Cliccando su "Accetto", acconsenti all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni sui cookie e su come gestirli, consulta la nostra Cookie Policy

Stai per accedere gratis al nostro gruppo privato.

Al suo interno troverai tips, strategie e consigli avanzati per lanciare il tuo Business Online.

Inserisci i tuoi dati per ottenere l’accesso immediato.