Facebook paga multa da 5 miliardi di dollari e annuncia nuove misure per la protezione dati

Facebook raggiunge accordo con la FTC e paga multa da 5 miliardi. In arrivo nuove misure per la protezioni dati?

Dopo l'annuncio ufficiale del Dipartimento di Giustizia USA, Facebook ha dichiarato di aver raggiunto un accordo con la Federal Trade Commission circa le violazioni sulla privacy commesse dalla compagnia nel 2012.

Tale accordo vedrà, da una parte, il pagamento di una multa di 5 miliardi di dollari a spese del colosso blu. Dall'altra, nuove regole per la protezione dei dati dei suoi utenti.

La multa

La cifra in questione, 5 miliardi di dollari, rappresenta un bel colpo anche per un gigante come Facebook. La multa è infatti la più alta ad essere mai stata inflitta da parte del FTC, l'organo posto alla protezione dei consumatori americani.

Tuttavia, Facebook aveva già avuto modo di prepararsi, mettendo da parte nello scorso trimestre una somma pari a 3 miliardi di dollari (comunque significativamente più bassa rispetto alla multa pagata) e avvertendo i suoi investitori sull'imminente esborso.

Nuove regole per la privacy

Ovviamente, il pagamento della multa è servito a sciogliere le controversie legate ai fatti del 2012, ma non rende Facebook automaticamente immune da potenziali problemi futuri legati alla sfera della privacy.

Per questo, sono state annunciate nuove misure che andranno a cambiare il modo stesso di lavorare all'interno della compagnia.

Vediamole.

Facebook nuove regole per la privacy FTC

Per approfondire, puoi leggere l'intero accordo raggiunto con Facebook nel sito ufficiale del FTC a questo link.

In sintesi, riportiamo i punti chiave di seguito:

  • Facebook deve esercitare un maggior controllo sulle app di terze parti. Ciò comporta restrizioni aggiuntive verso quegli sviluppatori che non riescono a dimostrare di stare rispettando le policy di Facebook o a giustificare l'utilizzo dei dati degli utenti.
  • Facebook non può utilizzare numeri di telefono ottenuti per abilitare funzioni di sicurezza (come l'autenticazione a due fattori) per fini pubblicitari.
  • Faebook deve fornire adeguate informazioni sull'utilizzo della sua tecnologia di riconoscimento facciale e ottenere un consenso esplicito da parte dell'utente prima di utilizzare dati che esulano da accordi precedenti.
  • Facebook deve stabilire, implementare e mantenere un vasto programma per la sicurezza dati.
  • Facebook deve criptare le password degli utenti e ricercare regolarmente password eventualmente memorizzate in file di testo.

Date queste nuove disposizioni, come cambierà il modo di Facebook di approcciarsi in materia di privacy e trattamento dati?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CONDIVIDI IL POST:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Articoli correlati

Tutti i post -------->

wam.png

Iscriviti alla nostra community!

marketers-la-community.png

Siamo più di 40.000 imprenditori, freelance, creators e influencer.

Siamo la più grande community di Marketers Italiani.  Eventi offline, corsi, professionisti ed esperti della rete. Marketers nasce con l’obiettivo di fornire know-how e strumenti a tutti coloro che voglio creare il proprio business digitale.

marketers-la-community.png

Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per fini tecnici, statistici e di profilazione.

Cliccando su "Accetto", acconsenti all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni sui cookie e su come gestirli, consulta la nostra Cookie Policy

Stai per accedere gratis al nostro gruppo privato.

Al suo interno troverai tips, strategie e consigli avanzati per lanciare il tuo Business Online.

Inserisci i tuoi dati per ottenere l’accesso immediato.