wearemarketers
4-64-rivoluzione-Beauty-e-voce

Sbarcare su Clubhouse (e dominarlo): i consigli degli early adopter di Marketers

Quando gli altri vogliono qualcosa, anche noi ne siamo naturalmente attratti.

È un po’ il risultato di quello che è il “bandwagon effect”, cioè l’effetto carrozzone.

Per comprendere quanto sia potente, pensa che alcuni rivenditori pagano persino degli attori per mettersi in fila davanti ai propri negozi.

L’effetto è che quella folla fittizia ne attira una vera.

Orange, un operatore di telecomunicazioni, sfruttò questo metodo (poco etico) quando l’iPhone fu lanciato in Polonia e attirò non poca attenzione.

Come puoi replicare lo stesso effetto online e attirare clienti (senza fingere)?

In questa 4/64 risponderemo a questa domanda, ma non solo…

⚠️ Ecco cos’altro vedremo in questo numero:

  • Un Marketers Insight sul mercato del Beauty (in collaborazione con Up Marketing)
  • Come aumentare le vendite sfruttando una “social proof scientifica”
  • I consigli della Family per dominare Clubhouse, il social media di cui tutti parlano

Ma prima, come sempre…

SBAM! Not SPAM 😎

🔎 Da tenere sott’occhio: Beauty Industry

  • Nel 2019 il fatturato interno del mercato della bellezza in Italia è stato di 7 miliardi di euro così divisi: saloni di bellezza (circa 35.000) e parrucchieri, in particolare, hanno fatturato in totale 771 milioni di euro.
  • Il lockdown ha cambiato le abitudini degli italiani e gli equilibri dei canali del mercato cosmetico: i volumi dell’e-commerce sono quasi quadruplicati nei primi 6 mesi del 2020.
  • Da gennaio a giugno 2020 l'e-commerce ha registrato un +38,8%, un trend che non si esaurirà con la fine dell'emergenza (Cosmetica Italia).

Nel nuovo Marketers Insight che trovi in community, realizzato insieme a Up Marketing, abbiamo analizzato ogni dettaglio di questo mercato e decodificato la “ricetta del successo” di alcuni dei migliori centri estetici operanti nel settore.

Qualche anticipazione?

  • L’ultimo periodo ha accentuato la tendenza verso un’estetica capace di abbracciare salute e benessere a 360 gradi. La bellezza è ora intesa come la conseguenza di uno stato di salute e benessere e non più una maschera con cui nascondere delle mancanze.
  • Già durante il primo lockdown tante estetiste hanno iniziato a fare consulenze e vendite online.
  • Chi si rivolge a un centro estetico desidera più di quanto potrebbe ottenere con il fai-da-te: un approccio personalizzato ma anche un’esperienza che arricchisca il puro servizio.
  • Si va sempre più verso la ricerca di una bellezza naturale. Questo si traduce nella scelta e nell’uso di pochi prodotti formulati con ingredienti non dannosi.

👀 A chi ispirarsi?

  • Ad aziende come Epilcera, che ha rivisitato il classico servizio di ceretta creando un rituale di benessere.
  • Mara Beauty Lab che ha saputo adeguare il proprio trattamento estetico ad un target specifico come quello delle donne in menopausa.
  • Al centro dimagrante Nefisnella che parte prima di tutto dalla cura dell’aspetto emotivo e dalla consapevolezza del proprio corpo.
  • Ai centri come il centro BIOS che prevedono un percorso personalizzato e fanno trattamenti esclusivamente con l’uso di sieri con formula propria.

💣 Previsioni di mercato

  • Il mercato del clean beauty arriverà a valere 25 miliardi di dollari nel 2025 (Grand View Research).
  • Vinceranno le soluzioni in grado di trasformare i classici servizi di estetica di base in esperienze di rilassamento e benessere (anche ad un costo elevato).
  • Via libera a soluzioni in grado di enfatizzare maggiormente la promozione della salute e la valorizzazione della persona a 360 gradi accogliendo l'aspetto emotivo e la consapevolezza del corpo.
  • Sarà fondamentale coltivare la relazione con i clienti andando oltre la comunicazione di vendita per instaurare un rapporto di fiducia che permetta poi di vendere in modo diretto, anche online, prodotti a marchio proprio.
  • Avranno sempre più successo i brand che promuovono un concetto di bellezza più naturale. Ancora meglio se capaci di personalizzare i propri prodotti in base alle singole esigenze e caratteristiche del cliente.

Nel Marketers Insight di questa settimana abbiamo analizzato una a una le strategie di business di alcune aziende che operano nel settore del Beauty.

Ti consigliamo vivamente di leggerlo:

LEGGILO ORA

🚀 In azione

📈 Il bandwagon effect esponenziale

Vediamo come replicare online e in modo più etico l'effetto che Orange ha sfruttato offline per vendere più Iphone possibili.

Il principio è semplice:

quando vendi un prodotto online, mostra quante persone lo hanno già visualizzato o acquistato.

Secondo uno studio recente questo metodo può portare a molti più risultati se si seguono alcune indicazioni:

  • Inizia mostrando accanto a ogni prodotto del tuo store solo il numero di visualizzazioni della rispettiva product page.

Come dimostra il grafico sottostante, l'aumento delle visualizzazioni iniziali incrementerà drasticamente le possibilità di acquisto.

Iscriviti a PRO per leggere questo contenuto.

Questo contenuto è riservato agli iscritti a Marketers PRO. Scopri tutti i dettagli e unisciti alla community.

Accedi a Marketers

Non hai un account? Iscriviti adesso.

Iscriviti gratuitamente a Marketers o accedi per utilizzare questa funzione. Riceverai anche 20/80, la nostra newsletter con strategie e notizie di marketing e business.

Ricevi una notifica quando tornerà disponibile il Bundle Metodo Marketers

Ricevi una notifica quando tornerà disponibile il Metodo Marketers